Associazione Calcio Asti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A.C.D. Asti
Calcio Football pictogram.svg
Galletti
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Rosso e Bianco.svg bianco-rossi
Dati societari
Città Asti
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D girone A
Fondazione 1932
Presidente Italia Pier Paolo Gherlone
Allenatore Italia Nicola Ascoli
Stadio Censin Bosia
(6.000 posti)
Sito web www.asticalcio.com
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Calcio Asti, meglio conosciuta come Asti, è una società calcistica italiana con sede nella città di Asti.

Nata ufficialmente nel 1932, ha cambiato denominazione diverse volte negli anni successivi a causa delle tante fusioni con società calcistiche locali, tornando comunque successivamente sempre alla denominazione originaria. Milita in Serie D.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I pionieri del Football Club Astense[modifica | modifica wikitesto]

Le prime notizie calcistiche di Asti risalgono al 1902. Durante le festività di San Secondo si organizzò, all'ippodromo di Piazza del mercato, un quadrangolare tra il blasonato Genoa, che contava nel suo palmarès già 4 scudetti, il Milan Cricket and Football Club, lo Sport Audace Torino e l'Andrea Doria. Il 31 agosto dello stesso anno, sulla scia di questo avvenimento, una compagine astigiana si cimentò contro una rappresentativa della "nemica" città di Alba.

Solamente nel 1907 sorse la prima società di calcio astigiana: nei locali del Caffè Sport di piazza Alfieri nacque il Football Club Astense, con maglia rossa e calzoncini bianchi (i colori della città). L'esordio avvenne il 14 aprile 1907, contro la squadra dell'Istituto Leardi di Casale Monferrato (diventato poi il Casale). Il match si chiuse a reti inviolate; la formazione di quell'incontro fu la seguente: Calzia Carlo, Visconti Vincenzo, Torelli Enrico, Giolitto Mario, Visconti Lodovico, Prete Virgilio; Albanese Attilio, Savojardo Amilcare, Besozzi Attilio, Visconti Vittorio e Barbiero Ferrante.

Nel 1908 l'Astense disputò il suo primo campionato di Terza Categoria, nel 1914 acquistò un terreno in strada Volta, nel Borgo San Lazzaro, che costituì il suo primo campo di gioco. Nel 1914 e 1915 il club disputò campionati locali.

La Polisportiva Fulgor[modifica | modifica wikitesto]

Stemma della Polisportiva Fulgor

Al termine della Grande Guerra, tutta l'attività sportiva in Asti gravitava nell'orbita della Società Polisportiva Fulgor. Nel 1918 nacque la sezione calcistica: la squadra indossava una maglia bianca decorata dallo stemma sabaudo. Nel 1919 nacque la società calcistica Laico, la cui prima squadra era denominata Asti Football Club, con maglia viola bordata di bianco, nata in aperta antitesi alla "cattolica" Fulgor.

Le due società si unirono il 26 marzo 1921, dando vita alla Unione Calciatori Astigiani (U.C.A.), con maglia rossa a bordi bianchi e calzoncini e calzettoni neri; la nuova società raggiunse la promozione in Seconda Divisione, il campionato cadetto dell'epoca, nel 1924. Continuò a militare nel campionato cadetto (che nel 1926 cambiò denominazione in Prima Divisione) fino al 1929, allorché la creazione della Serie A e della Serie B declassò la Prima Divisione a terzo livello dell'epoca. L'Asti, che finora in Prima Divisione non aveva brillato (venendo addirittura retrocesso al termine della stagione 1927-28, salvo poi essere ripescato), non riuscì a portare a termine il campionato di Prima Divisione 1929-30 Girone A: ritiratasi alla 26ª giornata, venne escluso dal campionato e successivamente radiato dai ruoli federali per mancata iscrizione.

Nasce l'Associazione Calcio Asti[modifica | modifica wikitesto]

Una formazione dell'U.C. Astigiani del 1921.

Il 21 agosto 1932 l'U.C. Astigiani venne rifondata come A.C. Asti (Associazione Calcio Asti), con divisa completamente rossa; la società avrebbe dovuto ripartire dall'ultima categoria nella scala gerarchica FIGC, la Terza Divisione, ma il Direttorio Regionale Piemontese la ammise eccezionalmente in Seconda Divisione. Condotta da Enrico Migliavacca in veste di allenatore-giocatore, nella stagione 1932-33 la squadra vinse il Girone C delle Finali di Seconda Divisione, ottenendo così la promozione in Prima Divisione, la Serie C dell'epoca. Nel campionato del 1937 fu ingaggiato come allenatore - giocatore l'"azzurro" Renato Cattaneo, che aveva disputato dodici stagioni nell'Alessandria e due nella Roma; l'Asti risultò essere la squadra rivelazione di quel torneo.

Seguirono anni di crisi ai vertici della società; nella stagione 1942-43 prese il comando della squadra l'argentino della Nazionale e del River Plate Filippo Pascucci. Fu proprio in quell'anno che la squadra batté tutti i record negativi della sua storia, compreso quello della peggior sconfitta in assoluto: 15 a 0 contro la Biellese. Pochi giorni dopo la società scelse di ritirarsi dal campionato.

Con lo scoppio della seconda guerra mondiale, la società si ritrovò, nel 1944, a competere in un torneo che raggruppava la Juventus, il Torino, il Genoa, il Casale, l'Alessandria ed altre squadre calcistiche del Nord-Italia, terminando con un onorevole settimo posto.

Il dopoguerra e la Ma.Co.Bi.[modifica | modifica wikitesto]

Giancarlo Antognoni durante la sua militanza nell'Asti Ma.Co.Bi.

Nel 1946 la società ripartì dalla Serie C arrivando per ben tre stagioni consecutive a disputare gli spareggi per la promozione, senza però mai riuscire a imporsi.

Retrocesso in Promozione Interregionale al termine della stagione 1949-50, nella stagione 1952-53, con il riassestamento dei campionati nazionali, l'Asti scivolò nel campionato di Promozione regionale. Nel 1953 iniziarono i lavori per la costruzione dello Stadio Comunale.

Gli anni sessanta videro la nascita di una nuova formazione nel panorama calcistico astigiano, l'Astense Ma.Co.Bi., con maglie granata e calzoncini bianchi. Questa nacque per volere dell'industriale tessile Bruno Cavallo, allora vicepresidente del Torino e membro della dirigenza dell'Asti, allontanatosi da quest'ultimo per incomprensioni. In pochi anni, la Ma.Co.Bi. raggiunse nella stessa categoria la squadra astigiana: gli ultimi anni sessanta furono caratterizzati da un sentito dualismo tra le due compagini, anche se il presidente Cavallo cercò più di una volta la fusione delle società.

Nella stagione 1967-68 la Pro Vercelli, vincitrice del campionato di quarta serie, fu penalizzata di quattro punti per un presunto illecito sportivo; la Ma.Co.Bi., seconda in classifica, fu quindi ripescata in Serie C. Questo diede il via alla fusione delle due società astigiane che nel 1969 si presentarono ai blocchi di partenza del campionato di C come Asti Ma.Co.Bi.. La permanenza in terza serie durò una sola stagione, e l'unico merito di quel periodo fu l'aver fatto esordire giocatori di ottimo livello, primo fra tutti Giancarlo Antognoni (ceduto poi alla Fiorentina nel 1972 per la cifra-record di 435 milioni di lire), Bussalino e Beruatto. Proprio nella stagione 1971-72 la squadra Juniores dell'Asti Ma.Co.Bi. vinse il Campionato Berretti di Serie D, praticamente lo scudetto giovanile per squadre dilettantistiche.

Nasce l'Asti T.S.C.[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni settanta emerse dal panorama dilettantistico astigiano la società di calcio U.S. Torretta, con presidente l'imprenditore Giuseppe Nosenzo. La società bruciò le tappe nelle serie minori raggiungendo la Serie D al termine del campionato 1977-78; dopo un paio di anni che videro militare nello stesso campionato di serie D l'Asti e il Torretta, quest'ultima, nella stagione 1979-80, raggiunse la serie C2.

L'Asti T.S.C. nella stagione 1983-84. Da sinistra, in piedi: Allegrini, Grossi, Cassano, Spollon, Bocchino, Franchini. Accosciati: Spigoni, Cappelletti, Pillon, Venturini, Prevedini.

Il 15 giugno 1980, a "furor di popolo" avvenne la fusione delle due società: nacque l'Asti-Torretta Santa-Caterina (Asti T.S.C.), con presidente Nosenzo e colori sociali bianco-rosso-blu, stemma cittadino con il galletto e due torri, la torre Rossa e la torre Troyana. In panchina, dopo tre giornate sedette l'ex azzurro Angelo Domenghini, che fu però esonerato nell'ultima parte del disastroso campionato. La squadra, al termine della stagione, retrocesse nuovamente in D. L'anno successivo la squadra ottenne una nuova promozione.

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Associazione Calcio Asti TSC 1983-1984.

Nella stagione 1983-84 Nosenzo ingaggiò l'allenatore Ezio Volpi, fu acquistato in blocco il reparto offensivo del Prato, che bene aveva fatto nella stagione precedente, a potenziare una già competitiva rosa comprendente il portiere Roberto Bocchino, che vestirà poi la maglia della Sampdoria, e il difensore Spollon (successivamente al Monza). La stagione si concluse con la promozione in Serie C1, il momento di maggior successo della gestione Nosenzo. Da quel momento in poi si assistette al declino della squadra astigiana che, dopo qualche anno di permanenza in C, retrocesse nelle serie minori.

Rinasce l'Associazione Calcio Asti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988, con la presidenza di Gianmaria Piacenza e dei Vice Presidenti Chiesa Piero e Turello Remo, la squadra ritornò all'antica denominazione di Associazione Calcio Asti, con colori sociali bianco e rosso.

Nel 1994-95, con in panchina l'allenatore Gerardo Bocchicchio, avvenne l'ultimo salto di categoria della squadra, che ottenne la promozione nel Campionato Nazionale Dilettanti e la conquista della coppa Italia regionale. La nuova retrocessione nella stagione successiva e la crisi societaria dell'ultimo decennio portò l'Asti, nel 2006, alla fusione con l'Unione Sportiva Nova Colligiana di San Damiano d'Asti, ed assume la nuova denominazione di Associazione Calcio Asti Colligiana. Dopo un solo anno in occasione dei festeggiamenti per il 75º anno di attività la squadra torna alla denominazione originaria.

Nella stagione 2009-10 con Marco Fornello in panchina, il 2 maggio 2010 dopo lo 0-0 contro la squadra di Cherasco, i galletti riconquistano la Serie D dopo 13 anni d'assenza e a 15 dall'ultima promozione conquistata.

Nel 2010-2011 entrano a far parte del sodalizio nuovi dirigenti, tra cui il vicepresidente Massimo Colla e il direttore generale Alessandro Baistrocchi, che assieme al mister Civeriati portano la squadra al secondo posto nel girone A della Serie D, a pari merito con il Saint Christophe. Nel luglio del 2012, dopo ventiquattro anni, la proprietà del club passa di mano: il nuovo presidente è Pierpaolo Gherlone, affiancato dal direttore sportivo Nicola Ascoli, dal vicepresidente Elio Testa, e dal tecnico Enrico Pasquali.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Associazione Calcio Asti
  • 1907 - Fondazione del Football Club Astense.
  • 1908/1914 - Attività calcistica in ambito locale al di fuori della F.I.G.C.

  • 1914-15 - L'Astense si affilia alla F.I.G.C. e disputa il primo campionato ufficiale con il Comitato Regionale Piemontese-Ligure.[1]
  • 1915/1921 - Attività sospesa per cause belliche.

  • 1921 - Alla ripresa delle attività sportive, dalla fusione della Società Polisportiva Fulgor e dell'Asti Football Club viene fondata l'Unione Calcistica Astigiani.
  • 1921/1923 - La squadra disputa amichevoli a livello locale.
  • 1923-24 - 1º nel girone A della Terza Divisione Piemontese. 1° nel girone finale dopo aver vinto lo spareggio contro la Trinese. Green Arrow Up.svg Promosso in Seconda Divisione Nord.
  • 1924-25 - 7º nel girone A della Seconda Divisione Nord.
  • 1925-26 - 4º nel girone B della Seconda Divisione Nord. Ammesso nella nuova Prima Divisione Nord.
  • 1926-27 - 9º nel girone A della Prima Divisione Nord.
  • 1927-28 - 10º nel girone B della Prima Divisione Nord. Retrocesso in Seconda Divisione e successivamente riammesso.
  • 1928-29 - 11º nel girone A della Prima Divisione. Red Arrow Down.svg Retrocesso nella nuova Prima Divisione declassata a terzo livello professionistico.
  • 1929-30 - La società partecipa al girone A della Prima Divisione, ma viene esclusa alla 26ª giornata dopo tre rinunce a scendere in campo.
  • 1930/1932 - Il sodalizio escluso dal campionato viene in seguito radiato dai ruoli federali rimanendo inattivo.

  • 21 agosto 1932 - La società viene rifondata come Associazione Calcio Asti, ripartendo dalla Terza Divisione, ultima categoria nella scala gerarchica FIGC. Tuttavia, Il Direttorio Regionale Piemontese, per meriti sportivi la ammette in Seconda Divisione.
  • 1932-33 - 2º nel girone A della Seconda Divisione Piemontese dopo aver vinto lo spareggio contro l'Acqui. 2º nel girone C delle finali nazionali. Green Arrow Up.svg Promosso in Prima Divisione.
  • 1933-34 - 10º nel girone C della Prima Divisione.
  • 1934-35 - 3º nel girone C della Prima Divisione. Ammesso nella nuova Serie C.
  • 1935-36 - 7º nel girone C della Serie C.
  • 1936-37 - 8º nel girone C della Serie C.
  • 1937-38 - 6º nel girone C della Serie C.
  • 1938-39 - 12º nel girone D della Serie C. Retrocesso in Prima Divisione e successivamente ripescato.
  • 1939-40 - 4º nel girone D della Serie C.

  • 1940-41 - 6º nel girone D della Serie C. Cambia denominazione in Unione Sportiva Asti Sezione Calcio.
  • 1941-42 - 4º nel girone D della Serie C.
  • 1942-43 - La squadra partecipa al girone E della Serie C, ma viene escluso dal campionato dopo quattro rinunce a scendere in campo.
  • 1943-45 – Attività sospesa causa eventi bellici. Alla ripresa dell'attività sportiva ritorna alla vecchia denominazione Associazione Calcio Asti.
  • 1945-46 - 1º nel girone D della Lega Naz. Alta Italia di Serie C. Perde la finale interregionale contro la Mestrina.
  • 1946-47 - 1º nel girone B della Lega Interreg. Nord di Serie C. 3º nel girone finale A.
  • 1947-48 - 2º nel girone C della Lega Interreg. Nord di Serie C dopo aver perso lo spareggio contro la Biellese.
  • 1948-49 - 15º nel girone A della Serie C.
  • 1949-50 - 21º nel girone A della Serie C. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione.

  • 1950-51 - 2º nel girone E della Lega Interreg. Nord di Promozione per sorteggio sfavorevole nei confronti dell'Aosta.
  • 1951-52 - 8º nel girone E della Lega Interreg. Nord di Promozione. Red Arrow Down.svg Retrocesso nella nuova Promozione Regionale.
  • 1952-53 - 3° nel girone B della Promozione Piemonte-Val d'Aosta.
  • 1953-54 - 2° nel girone B della Promozione Piemonte-Val d'Aosta.
  • 1954-55 - 1º nel girone B della Promozione Piemonte-Val d'Aosta. Green Arrow Up.svg Promosso in IV Serie.
  • 1955-56 - 9º nel girone A della IV Serie.
  • 1956-57 - 8º nel girone A della IV Serie. Declassato nei gironi di Seconda Categoria del nuovo Campionato Interregionale.
  • 1957-58 - 8º nel girone A del Campionato Interregionale - Seconda Categoria.
  • 1958-59 - 5º nel girone A del Campionato Interregionale. Ammesso alla nuova Serie D.
  • 1959-60 - 16º nel girone A della Serie D. Retrocesso e successivamente ripescato.

  • 1960-61 - 10º nel girone A della Serie D.
  • 1961-62 - 10º nel girone A della Serie D.
  • 1962-63 - 8º nel girone A della Serie D.
  • 1963-64 - 3º nel girone B della Serie D.
  • 1964-65 - 2º nel girone A della Serie D.
  • 1965-66 - 10º nel girone A della Serie D. L'altra società cittadina, il Gruppo Sportivo Ma.Co.Bi. Asti, si classifica 2º nel girone B della Prima Categoria Piemonte-Val d'Aosta e viene Green Arrow Up.svg promossa in Serie D.
  • 1966-67 - A.C. Asti: 2º nel girone A della Serie D.
    G.S. Ma.Co.Bi. Asti: 7º nel girone A della Serie D.
  • 1967-68 - G.S. Ma.Co.Bi. Asti: 1º nel girone A della Serie D. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie C.
    A.C. Asti: 16º nel girone A della Serie D. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione.
  • 1968 - A fine campionato le due società dell'A.C. Asti e del G.S. Ma.Co.Bi. Asti si fondono dando vita al Gruppo Sportivo Asti Ma.Co.Bi.
  • 1968-69 - 19º nel girone A della Serie C. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Serie D.
  • 1969-70 - 6º nel girone A della Serie D.

  • 1970-71 - 4º nel girone A della Serie D.
  • 1971-72 - 2º nel girone A della Serie D.
  • 1972-73 - 5º nel girone A della Serie D. Cambia denominazione in Associazione Calcio Asti.
  • 1973-74 - 11º nel girone A della Serie D.
  • 1974-75 - 11º nel girone A della Serie D.
  • 1975-76 - 14º nel girone A della Serie D.
  • 1976-77 - 2º nel girone A della Serie D.
  • 1977-78 - 15º nel girone A della Serie D. Retrocesso in Promozione e successivamente riammesso.
  • 1978-79 - 11º nel girone A della Serie D.
  • 1979-80 - 1º nel girone A della Serie D. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie C2.
  • 1980 - A fine campionato, la società si fonde con l'U.S. Torretta Santa Caterina Asti dando vita all'Associazione Calcio Asti T.S.C.

  • 1980-81 - 18º nel girone A della Serie C2. Red Arrow Down.svg Retrocesso nel Campionato Interregionale.
  • 1981-82 - 1º nel girone A del Campionato Interregionale. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie C2.
  • 1982-83 - 10º nel girone A della Serie C2.
  • 1983-84 - 2º nel girone A della Serie C2. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie C1.
  • 1984-85 - 16º nel girone A della Serie C1. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Serie C2.
  • 1985-86 - 10º nel girone A della Serie C2.
  • 1986-87 - 18º nel girone A della Serie C2. Red Arrow Down.svg Retrocesso nel Campionato Interregionale.
  • 1987-88 - 14º nel girone A del Campionato Interregionale. Retrocesso in Promozione e successivamente riammesso.
  • 1988-89 - 15º nel girone A del Campionato Interregionale. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione.
  • 1989 - A fine stagione, per volere della nuova presidenza la squadra ritornò all'antica denominazione di Associazione Calcio Asti, riadottando il bianco e rosso come colori sociali.
  • 1989-90 - 4º nel girone B della Promozione Piemonte-Val d'Aosta.[2]

  • 1990-91 - 10º nel girone C della Promozione Piemonte-Val d'Aosta. Ammesso nel nuovo campionato di Eccellenza.
  • 1991-92 - 13º nel girone B dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta.
  • 1992-93 - 10º nel girone B dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta
  • 1993-94 - 10º nel girone B dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta.
  • 1994-95 - 2º nel girone A dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta. Green Arrow Up.svg Promosso nel Campionato Nazionale Dilettanti dopo aver vinto i play-off nazionali contro la Fossanese.
  • 1995-96 - 13º nel girone A del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1996-97 - 15º nel girone A del Campionato Nazionale Dilettanti. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Eccellenza.
  • 1997-98 - 4º nel girone B dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta.
  • 1998-99 - 2º nel girone B dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta. Perde il primo turno dei play-off nazionali contro il Borgomanero.
  • 1999-00 - 2º nel girone A dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta. Perde il primo turno dei play-off nazionali contro il Bra.

  • 2000-01 - 15º nel girone B dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione dopo aver perso i play-out contro il Sommariva Perno.
  • 2001-02 - 3º nel girone D della Promozione Piemonte-Val d'Aosta. Green Arrow Up.svg Promosso in Eccellenza dopo aver vinto i play-off contro Canelli ed Airaschese.
  • 2002-03 - 4º nel girone B dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta.
  • 2003-04 - 9º nel girone B dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta.
  • 2004-05 - 5º nel girone A dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta.
  • 2005-06 - 4º nel girone A dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta. Perde i play-off regionali contro il Borgosesia. Nel corso della stagione, la società si fonde con l'U.S. Nova Colligiana di San Damiano d'Asti e diventa A.C.D. Asti Colligiana.
  • 2006-07 - 9º nel girone B dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta. Cambia denominazione in A.C.D. Asti.
  • 2007-08 - 8º nel girone B dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta.
  • 2008-09 - 6º nel girone B dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta.
  • 2009-10 - 1º nel girone B dell'Eccellenza Piemonte-Val d'Aosta. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D.

  • 2010-11 - 3º nel girone A della Serie D.
  • 2011-12 - 15° nel girone A della Serie D.
  • 2012-13 - 14° nel girone A della Serie D. Vince i play-out contro il Tortona Villalvernia.
  • 2013-14 - 9° nel girone A della Serie D.
  • 2014-15 - 14° nel girone A della Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
La divisa dell'Astense 1907
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
La divisa della
U.C.A.
1921
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
La divisa dell'A.C. Asti
1932
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
La divisa dell'Asti-TSC
1980

Società[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Staff dell'area amministrativa
Area direttiva
  • Italia Lillo Di Franco - Presidente e direttore generale
  • Italia Pierpaolo Gherlone - Vicepresidente esecutivo
  • Italia Gianni Truffa - Presidente onorario
  • Italia Franco Ricci - Direttore sportivo
Area organizzativa
  • Italia Luca Zilioli - Segreteria generale e responsabile addetto arbitri
  • Italia Rosa Gallo - Segreteria amministrativa
  • Italia Davide Alloi - Segreteria sportiva e consigliere delegato al settore giovanile
Area comunicazione
  • Italia Maria Letizia Viarengo - Responsabile area comunicazione e web
  • Italia Walter Fornaca - Consigliere delegato a manifestazioni ed eventi legati all'attività sportiva
Area marketing
  • Italia Franco Ricci - Responsabile area marketing
Staff dell'area tecnica
  • Italia Nicola Ascoli - Allenatore
  • Italia Enrico Pasquali - Allenatore in seconda
  • Italia Sergio Bistelli - Team manager
  • Italia Pierino Dattoni - Dirigente accompagnatore


[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia degli sponsor tecnici

...

  • 1994-2012 Erreà
  • 2012-2014 Legea
  • 2014-oggi Frankie Garage Sport
Cronologia degli sponsor ufficiali

...


Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Categoria:Calciatori dell'A.C.D. Asti.
Vincenzo Bosia con la maglia della Nazionale

Tra gli ex galletti che hanno raggiunto la Serie A e vestito casacche prestigiose ricordiamo lo storico capitano della Fiorentina Giancarlo Antognoni, l'ex attaccante juventino Michele Padovano, Matteo Paro e il portiere del Torino (con cui conquistò il primo scudetto della storia della squadra) e della Nazionale Vincenzo "Censín" Bosia.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni interregionali[modifica | modifica wikitesto]

1945-1946 (girone D Alta Italia)

Statistiche e Record[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Seconda Divisione 2 1924-1925 1925-1926 5
Prima Divisione 3 1926-1927 1928-1929
Prima Divisione 3 1929-1930 1934-1935 18
Serie C 14 1935-1936 1968-1969
Serie C1 1 1984-1985
Seconda Divisione 1 1932-1933 33
Promozione 2 1950-1951 1951-1952
IV Serie 2 1955-1956 1956-1957
Campionato Interregionale - Seconda Categoria 1 1957-1958
Campionato Interregionale 1 1958-1959
Serie D 19 1959-1960 2014-2015
Serie C2 5 1980-1981 1986-1987
Lega Pro Seconda Divisione 2 2011-2012 2013-2014
Campionato Interregionale 3 1981-1982 1988-1989 11
Campionato Nazionale Dilettanti 2 1995-1996 1996-1997
Serie D 6 1978-1979 2013-2014

Sono state disputate inoltre 18 stagioni in Eccellenza, il 6º livello dell'epoca e a carattere regionale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Annuario Italiano del Football 1913-14 e 1914-15, libri conservati dalla Biblioteche Estense Universitaria di Modena e dalla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.
  2. ^ All'inizio della stagione sportiva 1976-77 il Comitato Regionale Piemontese cambiò nome nell'attuale "Comitato Regionale Piemonte e Valle d'Aosta" e di conseguenza i massimi campionati regionali diventarono "Promozione Piemonte e Valle d'Aosta" e nel 1991 fu aggiunta l'"Eccellenza Piemonte e Valle d'Aosta".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Monticone, Ezio Mosso, Asti. Dal gioco allo sport, fatti e personaggi dalle origini ai nostri giorni, Panathlon Club International, 1997.
  • Fulvio Lucotti, Il gioco del calcio ad Asti, Lucotti Asti, 1967.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]