Massacro di Nyarubuye

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Genocidio del Ruanda
Nyamata Memorial Site 13.jpg
Ruanda · Genocidio
Storia
Origini di Hutu e Tutsi
Guerra civile ruandese
Accordi di Arusha
Massacro di Nyarubuye
Paul Rusesabagina
Fazioni
Interahamwe (Hutu)
Impuzamugambi (Hutu)
Fronte Patriottico (Tutsi)
UNAMIR (Nazioni Unite)
RTLM e Kangura
Conseguenze
Tribunale Internazionale
Corte Gacaca
Crisi dei Grandi Laghi
Prima Guerra del Congo
Seconda Guerra del Congo
Media
Hotel Rwanda
Shake Hands with the Devil

Il massacro di Nyarubuye è il nome dato all'uccisione di circa 20.000 civili tra il 15 e il 16 aprile 1994 presso la Chiesa cattolica romana di Nyarubuye nella Provincia di Kibungo, 140 km a est della capitale ruandese Kigali. Le vittime furono tutsi e hutu moderati che avevano cercato rifugio nella chiesa. Uomini, donne e bambini vennero uccisi indiscriminatamente mediante l'utilizzo di lance, machete, bombe a mano e armi automatiche.

Il massacro fu parte del genocidio del Ruanda avvenuto tra aprile e giugno 1994 in cui si stima morirono tra 800.000 e 1.000.000 di persone.[1]

Il 3 dicembre 2003 un tribunale ruandese di Rukira, Kibungo trovò 18 persone colpevoli di crimini di genocidio. Gitera Rwamuhizi, leader del gruppo responsabile del genocidio venne inizialmente condannato al carcere a vita, e la sua pena venne successivamente ridotta a 25 anni di carcere. Gli altri componenti vennero condannati a pene che andavano dai 7 a 16 anni di carcere.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) OAU sets inquiry into Rwanda genocide, Africa Recovery, Vol. 12 1#1 (August 1998), pag 4

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]