Guerra Etiopia-Eritrea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guerra Etiopia-Eritrea
Data 6 maggio 1998 - 25 maggio 2000
Luogo Frontiera tra Etiopia e Eritrea
Casus belli Possesso della città di Badme
Esito Vittoria dell'Etiopia, vittoria dell'Eritrea con arbitrariato internazionale
Modifiche territoriali Annessione all'Eritrea di Badme
Schieramenti
Comandanti
Perdite
19.000 - 150.0000 34.000 - 150.000
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La guerra Etiopia-Eritrea fu un conflitto scoppiato nel 1998 e terminato nel 2000. La guerra di confine è nata per la città di Badme e ha portato alla morte di circa 19.000 soldati eritrei, ad una pesante migrazione delle popolazioni eritree oltre che a un disastroso contraccolpo economico. Il conflitto etiope-eritreo ha avuto fine nel 2000 con un negoziato noto come accordo di Algeri con il quale si è affidato ad una commissione indipendente delle Nazioni Unite il compito di definire i confini tra le due nazioni. L'EEBC (Eritrea-Ethiopia Boundary Commission) ha terminato la sua indagine ed il suo arbitrato nel 2002, stabilendo che la città di Badammè debba appartenere all'Eritrea. Tuttavia il governo etiope non ha a tutt'oggi ritirato il suo esercito dalla città, per la quale si temono nuovi possibili conflitti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Henze B. Paul, Eritrea's war : confrontation, international response, outcome, prospects, Addis Abbeba, Etiopia, Shama Books, (2001), ISBN 1931253064.
Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerra