Le magiche fiabe delle Principesse Disney: Insegui i tuoi sogni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le magiche fiabe delle Principesse Disney: Insegui i tuoi sogni
Titolo originale Disney Princess Enchanted Tales: Follow Your Dreams
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2007
Durata 60 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione, musicale
Regia David Block
Produttore Kurt Albrecht, Douglas Segal
Musiche Jeff Danna, Amy Powers, Russ DeSalvo, Denise Gruska, Shirley Pierce
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Le magiche fiabe delle Principesse Disney: Insegui i tuoi sogni (Disney Princess Enchanted Tales: Follow Your Dreams) è un film d'animazione Disney, realizzato esclusivamente per l'home video dai DisneyToon Studios. Avrebbe dovuto essere il primo volume della nuova collezione Le Magiche Fiabe delle Principesse Disney (Disney Princess Enchanted Tales), con storie inedite con protagoniste le Principesse Disney. La serie fu però interrotta dopo la prima uscita. È uscito il 4 settembre 2007 in USA, il 17 ottobre in Italia.

Il film contiene una storia della Principessa Aurora (protagonista del film La Bella Addormentata nel Bosco del 1959) e una storia della Principessa Jasmine (dal film disney Aladdin del 1992). È un film musicale che imita lo stile dei classici su cui è basato, e ha come tema la perseveranza.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Keys to the Kingdom

La nuova storia della Principessa Aurora è la sua prima apparizione al di fuori del classico film del 1959, ed è ambientata dopo gli eventi del film originale in cui c'è un doppiaggio completamente diverso.

Re Stefano, la Regina, Re Uberto e il Principe Filippo lasciano il regno per due giorni per una Conferenza Reale, affidando il governo ad Aurora in loro assenza. Le tre fate buone le offrono il loro aiuto ma lei rifiuta, credendo di poter fare da sola. Serenella insiste per dare ad Aurora la sua bacchetta, nel caso avesse bisogno di aiuto, e la ammonisce di essere molto specifica nel fare richieste alla bacchetta. I compiti della principessa includono organizzare banchetti, ricevere i sudditi, e organizzare servitori che badino alle cucine e ai giardini. Aurora crede di poter svolgere ogni incarico senza ricorrere alla magia, ma prima di coricarsi alla sera, non resiste alla tentazione di giocare un po' con la bacchetta e fa comparire per sé un sontuoso abito giallo. Il giorno successivo, dopo aver a lungo ricevuto i paesani, Aurora si arrende e usa la magia per aiutare un contadino che chiedeva galline e maiali, ma la sua inesperienza causa bizzarri effetti, tra cui galline enormi, maiali verdi, e la trasformazione del contadino in un papero. Dopo aver capito che usare la bacchetta è un errore, usa la testa e si sforza di trovare idee che le permettano di risolvere i problemi da sola.

More Than a Peacock Princess

La nuova storia con la principessa Jasmine è ambientata dopo Il ritorno di Jafar, in quanto è già amica di Iago, ma prima di Aladdin e il re dei ladri, quindi durante la serie animata.

Mentre Aladdin e il Genio sono impegnati in un viaggio in paesi lontani, Jasmine è stanca dei suoi soliti impegni reali, che comprendono l'inaugurazione di botteghe e il partecipare alle aste dei cammelli. Mentre posa per l'ennesimo ritratto, Jasmine perde la pazienza, e chiede al Sultano più responsabilità. Il padre la nomina "Educatrice Reale" alla Scuola del Palazzo. Jasmine è molto eccitata, ma si ricrede presto quando incontra i suoi scolari: sono ingovernabili. Presto Jasmine si arrende. La sua dama di compagnia le dice che tutto quello che le occorre è pazienza e perseveranza, e potrà fare tutto quello che vuole. Hakeem, lo stalliere, chiede l'aiuto di Jasmine: Sahara, il pluripremiato cavallo del Sultano, è fuggito dalle stalle. Jasmine si incarica di ritrovarlo, e parte insieme al Tappeto, ad Abu e a Iago. Alla fine Jasmine riesce a trovare Sahara e lo riporta a casa sano e salvo, e quando il Sultano vede Jasmine in groppa a Sahara rimane sorpreso perché nessuno, oltre alla defunta madre di Jasmine, era mai riuscito a cavalcare Sahara.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema