Kong, uragano sulla metropoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kong, uragano sulla metropoli
Titolo originale Furankenshutain no kaijû - Sanda tai Gaira
Paese di produzione Giappone
Anno 1966
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere horror
Regia Ishirō Honda
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

(ridoppiaggio D.E.F.I.S, 1976):

Kong, uragano sulla metropoli (フランケンシュタインの怪獣 サンダ対ガイラ Furankenshutain no Kaijū - Sanda tai Gaira?, lett. "Il mostro di Frankenstein - Sanda vs. Gaira"), distribuito in precedenza in Italia col titolo Katango, è un film horror giapponese del 1966 del regista Ishirō Honda. Il film è considerato una specie di sequel di Frankenstein alla conquista della Terra (1965) dello stesso regista.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il titolo del film contenga il nome di King Kong, egli non compare realmente nella storia e non è protagonista; il personaggio principale è invece Gaira.

Durante una notte di tempesta un battello viene attaccato dal polpo Oodako, il quale viene però ucciso da una creatura misteriosa. L'unico sopravvissuto, che si trova in ospedale, racconta di una creatura che ha distrutto il battello e divorato gli altri marinai. Nel relitto del battello vengono trovati gli abiti strappati dei marinai e, in più, un pezzo di tessuto metà alga e metà pelliccia. Si viene così a scoprire che la pelle apparterrebbe a Kong(Sanda in originale), una scimmia gigante. Però il professore Steven, colui che lo ha cresciuto, nega la possibilità che si tratti di Kong, in quanto animale terricolo. Ma il mostro marino esce dall'acqua e, dopo aver attaccato un aeroporto, giunge in città a notte fonda e Steven capisce che il mostro, abituato all'oscurità dei fondali marini, non sopporta la luce. Gaira (così si chiama la creatura) viene ferita da cannoni speciali appartenenti all'esercito, ma viene soccorso dal buon Kong. Ma il mostro terrestre capisce che Gaira è un pericolo per l'umanità e i due cominciano a lottare nei pressi di Tokyo finché, caduti in mare, vengono uccisi dall'esercito.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]