Frankenstein (film 1910)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frankenstein

Video dell'intero film (clic per vedere)
Titolo originale Frankenstein
Paese di produzione USA
Anno 1910
Durata 13 min
Colore B/N, colore
Audio muto
Rapporto 1,33 : 1
Genere orrore
Regia J. Searle Dawley
Soggetto dal romanzo Frankenstein di Mary Shelley
Sceneggiatura J. Searle Dawley
Casa di produzione Edison Manufacturing Company
Trucco Charles Ogle (make up della Creatura, non accreditato)
Interpreti e personaggi

Frankenstein è un cortometraggio muto del 1910 prodotto dalla Edison Studios, scritto e diretto da J. Searle Dawley. Fu il primo adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Mary Shelley. Il cast, composto da Augustus Phillips, Charles Ogle e Mary Fuller, non è accreditato.

Fu girato in tre giorni, negli studi della Edison nel Bronx a New York. Anche se alcune fonti vedono Thomas Edison come il regista di questo film, in realtà non diresse mai uno dei film prodotti dalla sua compagnia.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Locandina originale

In questa trasposizione cinematografica il Dott. Frankenstein è rappresentato come una sorta di alchimista che crea il mostro in una densa nube di fumo e dopo sviene per la sua creazione. Il mostro ritorna alla vigilia delle nozze del dottore per tormentarlo, ma svanisce nello specchio della camera di Frankenstein per merito della forza dell'amore tra quest'ultimo e la sua fidanzata. Durante tutto il film Frankenstein viene inseguito dalla creatura che sembra non voglia uccidere Frankenstein ma solamente divertirsi spaventando il povero alchimista.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Per molti anni il film si credette perso. Si possedeva soltanto una singola immagine di Ogle in costume e una descrizione della trama prese da un catalogo di film della Edison. Negli anni cinquanta una copia del film fu acquistata da un collezionista del Wisconsin, Alois Dettlaff (1921-2005), che non comprese la rarità del film sino a molti anni dopo. La sua esistenza fu rivelata solo verso la metà degli anni settanta. Nonostante la pellicola fosse leggermente deteriorata era in condizioni di essere proiettata.

Ispirazioni moderne[modifica | modifica sorgente]

Nel 2003 questo particolare adattamento del romanzo ispirò la realizzazione di un romanzo illustrato di 40 pagine scritto da Chris Yambar e illustrato da Robb Bihun.
Per mantenere l'atmosfera del film i disegni furono realizzati in bianco e nero senza dialoghi e raccontato attraverso una narrazione.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema