k.d. lang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
k.d. lang
k.d. lang nel 2006
k.d. lang nel 2006
Nazionalità Canada Canada
Genere Country
Pop
Periodo di attività 1984 – in attività
Etichetta Bumstead Records
Sire Records
Warner Bros. Records
Nonesuch Records
Album pubblicati 16
Studio 12
Live 1
Raccolte 3
Sito web

Kathryn Dawn Lang, meglio conosciuta come k.d. lang (Edmonton, 2 novembre 1961), è una cantautrice canadese.

Nel corso della sua carriera ha pubblicato tre album insieme al suo gruppo The Reclines (scritto anche The Re-Clines), quindi due album di cover, Drag e Hymns of the 49th Parallel, rispettivamente del 1997 e del 2004 e 9 album da solista. Ha vinto sia il Juno Awards che il Grammy Awards. Ha più volte duettato con colleghi d'eccezione, quali Tony Bennett, Jane Siberry e Anne Murray.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lang nasce a Edmonton, in Alberta, da Audrey e Adam Frederick Lang. All'età di nove anni, si trasferisce con la famiglia a Consort, in Alberta, dove cresce con le due sorelle e il fratello maggiore. Una volta finita la scuola secondaria, la Lang frequenta il Red Deer College, dove rimane affascinata dalla vita e le opere di Patsy Cline e decide che formerà la sua carriera sulle basi della musica country, diventando una cantante. Nel 1983 crea una band chiamata The Reclines, inizialmente pensata come forma di tributo alla musica di Cline, e registra il suo primo CD, Friday Dance Promenade. Nell'agosto 1984, la lang, anche a causa della sua costante attività sociale e scientifica, viene invitata ad esibirsi al World Science Fair nella città di Tsukuba, in Giappone.

Nel 1985 si esibisce in Canada con i suoi singoli più interessanti. Questa esibizione le è valsa il Juno Awards, come migliore cantante country emergente. Ne vincerà altri otto. Nel 1986, firma un contratto con un produttore musicale di Nashville, in Tennessee, e l'anno seguente riceve critiche positive per il suo nuovo album, Angel with a Lariat, prodotto da Dave Edmunds, che con singoli come Rose Garden scala le classifiche di vendita. Nello stesso anno duetta con Roy Orbison nella canzone Crying inserita nella colonna sonora del film Hiding Out. Due anni più tardi inizia la realizzazione dell'album Shadowland, prodotto da Owen Bradley. In quell'anno interpreta anche Turn Me Round alla cerimonia di chiusura delle quindicesime Olimpiadi Invernali di Calgary e canta con Jennifer Warnes e Bonnie Raitt per lo speciale televisivo di Roy Orbison Roy Orbison and Friends, a Black and White Night.

Nel 1989 vince il prestigioso Grammy Award per la migliore interpretazione country femminile grazie al suo nuovo album Absolute Torch and Twang. Il brano Full Moon Full of Love diventa una grande hit negli USA durante l'estate di quell'anno, e scala la classifiche posizionandosi al primo posto nella RPM Country chart. La popolarità della cantante cresce al punto da essere scelta da Percy Adlon come protagonista del film Salmonberries - A piedi nudi nella neve, accanto a Rosel Zech. Il film ottiene grandi riscontri dalla critica, mentre il pubblico è più tiepido, specialmente in Europa. La Lang ha firmato la colonna sonora della pellicola, e la canzone Barefoot viene pubblicata anche come singolo.

Nel 1992 realizza quello che è considerato il suo album meglio riuscito, nonché il più famoso a livello internazionale, Ingénue, che impone la Lang oltreoceano. La ballata Constant Craving, singolo che le farà vincere un secondo Grammy Award per la migliore interpretazione femminile, è uno dei cavalli di battaglia dell'artista, spesso proposta nelle tournée. L'anno seguente è invitata da Gus Van Sant a firmare la colonna sonora del film Cowgirl - Il nuovo sesso (Even Cowgirls get the Blues), interpretato da Uma Thurman. Le musiche, scritte e interpretate con la collaborazione di Ben Mink, saranno raccolte nell'album omonimo. Lo stesso anno appare sulla copertina di Vanity Fair, assieme alla modella Cindy Crawford.

Realizza in seguito una cover di Skylark. Nel 1997 interpreta Surrender per il film Il domani non muore mai, per la serie di James Bond, interpretato da Pierce Brosnan. Alla fine degli anni Novanta si concede un ritorno sul grande schermo. Compare infatti nel film The Eye - Lo sguardo del 1999, accanto a Ewan McGregor. Ha anche partecipato all'album Duets di Elton John dove interpreta Teardrops. Hain't it Funny, dell'album Drag, è la canzone che chiude il film Parla con lei di Pedro Almodóvar. Nel 2006 interpreta la canzone Love for sale nel film di Brian DePalma Black Dahlia.

Nel 2010 prosegue la sua carriera discografica con Recollection e interpreta Hallelujah, di Leonard Cohen alla cerimonia di apertura della Olimpiadi Invernali a Vancouver. Nel 2011 realizza un nuovo album di inediti, Sing it loud, con la sua nuova band, Siss Boom Bang. Segna il ritorno della cantante al fianco di una sua band, vent'anni dopo i Reclines. Il primo singolo estratto è I confess. Per la televisione è apparsa come guest star nel Christmas Special del programma Pee Wee's Playhouse, dove si esibisce con la canzone Jingle Bell Rock, e nel ruolo di se stessa in un episodio della fortunata sit-com Dharma & Greg.

Lang in concerto a Melbourne, 2008

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

k. d. lang è dichiaratamente lesbica. Ha sempre dimostrato impegno e attivismo per i diritti degli omosessuali, degli animali e dei diritti umani in Tibet.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

  • 1989 - Grammy Award — Best Country Vocal Collaboration per il brano Crying;
  • 1990 - Grammy Award — Best Female Country Vocal Performance per l'album Absolute Torch and Twang;
  • 1993 - Grammy Award — Best Female Pop Vocal Performance per il singolo Constant Craving;
  • 1993 - Grammy Award nomination — Canzone dell'anno per il singolo Constant Craving;
  • 1993 - Grammy Award nomination — Successo dell'anno per il singolo Constant Craving;
  • 1993 - Grammy Award nomination — Album dell'anno per l'album Ingenue;
  • 1994 - Grammy Award nomination — Best Female Pop Vocal Performance per Miss Chatelaine;
  • 1995 - Grammy Award nomination — Best Pop Collaboration with Vocals per Moonglow (duetto con Tony Bennett);
  • 2003 - Grammy Award nomination — Best Pop Collaboration with Vocals per What a Wonderful World (duetto con Tony Bennett);
  • 2004 - Grammy Award — Best Traditional Pop Vocal Album per A Wonderful World;
  • 2004 - Grammy Award nomination — Best Pop Collaboration with Vocals per La vie en rose (duetto con Tony Bennett);

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. kdlang.com
  2. k.d.lang: A Who2 Profile
  3. Starr, Victoria (1995). k.d. Lang: All You Get is Me. Random House of Canada. p. 2. ISBN 0-394-22442-6
  4. kd lang hits Watershed moment. News24
  5. Victoria a b Malawey K. D. Lang in Musicians and Composers of the 20th Century di Alfred W. Cramer, Salem Press (2009). ISBN 978-1-58765-512-8
  6. k.d. lang: Biography. CMT.com
  7. Marco Adria. A Portrait of the Artist as a Young Cowpunk: K.D. Lang (1990). Music of Our Times: Eight Canadian Singer-Songwriters, James Lorimer & Company, pp. 139–44. ISBN 1-55028-315-4
  8. K.D Lang. Biography: Contemporary Musicians. enotes.com
  9. Stephen Holden (2004). JVC Jazz Festival Reviews: Tai Chi Precision and Constant Shading. The New York Times
  10. K.D. Lang - View the Music Artists Biography Online. VH1
  11. K.D. Lang Eyeing February for Next Album. Billboard 2007
  12. K.D. Lang's Career Takes Another Twist. AfterEllen.com
  13. Canadian Singer K.D. Lang Will Protest for Tibetans Today: Here She Tells Why. The Age
  14. Steve Nash, KD Lang Among New Walk of Fame Inductees

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 27874711 LCCN: n90689264