Jean-Baptiste Grange

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Baptiste Grange
Jean-Baptiste Grange Schladming 2008.jpg
Jean-Baptiste Grange a Schladming nel 2008
Dati biografici
Nazionalità Francia Francia
Altezza 181 cm
Peso 81 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Slalom speciale, supercombinata
Squadra SC Valloire
Palmarès
Mondiali 1 0 1
Campionati francesi 2 1 1
Coppa del Mondo - Slalom 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al febbraio 2014

Jean-Baptiste Grange (Saint-Jean-de-Maurienne, 10 ottobre 1984) è uno sciatore alpino francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Stagioni 2004-2009[modifica | modifica sorgente]

Grange, originario di Valloire, ha debuttato in Coppa del Mondo l'11 gennaio 2004 nello slalom di Chamonix, senza però concludere la gara. Ha preso parte ai XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006 (non conclude lo slalom speciale, 13° nella combinata).

Dopo aver conquistato qualche piazzamento tra i primi quindici, dalla stagione 2006-2007 ha ottenuto buoni risultati con continuità. A coronamento di questi, il 17 febbraio 2007 ha vinto la medaglia di bronzo in slalom speciale nei Mondiali di Åre giungendo dietro a Mario Matt e a Manfred Moelgg.

Il primo podio in Coppa del Mondo è stato il secondo posto nella supercombinata di Beaver Creek del 29 novembre 2007, mentre la prima vittoria è arrivata il 17 dicembre successivo nello slalom dell'Alta Badia. La stagione 2007-2008, coronata da quattro successi (tre in slalom e uno in supercombinata), si è però conclusa con la grande delusione dello slalom di Bormio del 15 marzo. Arrivato a questo appuntamento con 21 punti di vantaggio su Manfred Moelgg nella classifica di specialità, si è visto strappare la "coppetta" dall'italiano a causa di un errore nella seconda manche, che lo ha relegato nelle ultime posizioni, mentre il rivale è giunto sesto[1]. L'atleta francese si è rifatto però la stagione successiva, dove si è aggiudicato all'ultima gara la Coppa di slalom battendo il croato Ivica Kostelić grazie soprattutto ai cinque podi stagionali (due primi posti) conquistati nella specialità.

Stagioni 2010-2014[modifica | modifica sorgente]

Il 7 novembre 2009 ha vinto la prima gara organizzata dalla European Ski Federation, il KO-slalom disputato nell'impianto indoor di Amnéville, ottenendo il titolo di campione europeo indoor. La sua stagione 2009-2010 si è chiusa però anticipatamente già in dicembre, quando ha riportato la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro[2].

Dopo l'infortunio è tornato alle gare il 14 novembre 2010 centrando subito la vittoria nel primo slalom della Coppa del Mondo 2011 a Levi. Ai successivi Mondiali di Garmisch-Partenkirchen ha vinto la medaglia d'oro nello slalom della Gudiberg, mentre nella stessa specialità è stato 12º nella successiva rassegna iridata di Schladming 2013. Ai XXII Giochi olimpici invernali di Soči 2014 non conclude lo slalom speciale.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Luogo Paese Disciplina
17 dicembre 2007 Alta Badia Italia Italia SL
11 gennaio 2008 Wengen Svizzera Svizzera SC
12 gennaio 2008 Wengen Svizzera Svizzera SL
20 gennaio 2008 Kitzbühel Austria Austria SL
16 novembre 2008 Levi Finlandia Finlandia SL
6 gennaio 2009 Zagabria Croazia Croazia SL
14 novembre 2010 Levi Finlandia Finlandia SL
23 gennaio 2011 Kitzbühel Austria Austria SL
25 gennaio 2011 Schladming Austria Austria SL

Coppa Europa[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 48º nel 2005
  • 4 podi:
    • 2 vittorie
    • 2 terzi posti

Coppa Europa - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Luogo Paese Disciplina
11 marzo 2013 Kranjska Gora Slovenia Slovenia SL
3 gennaio 2014 Chamonix Francia Francia SL

Campionati francesi[modifica | modifica sorgente]

  • Campione francese di slalom speciale nel 2006 e nel 2009

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Referto della gara. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  2. ^ Matteo Pavesi, Sci: Fanara e Grange: stagione finita! in Fantaski.it, 8 dicembre 2009. URL consultato il 13 dicembre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]