Kjetil André Aamodt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kjetil André Aamodt
Kjetil André Aamodt (bilde 01).JPG
Dati biografici
Nazionalità Norvegia Norvegia
Altezza 176 cm
Peso 85 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Discesa libera, supergigante, slalom gigante, slalom speciale, combinata
Squadra Nordstrand IF
Ritirato 2006
Palmarès
Olimpiadi 4 2 2
Mondiali 5 4 3
Mondiali juniores 2 2 0
Campionati norvegesi 11 6 4
Coppa del Mondo 1 trofeo
Coppa del Mondo - Supergigante 1 trofeo
Coppa del Mondo - Gigante 1 trofeo
Coppa del Mondo - Slalom 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Kjetil André Aamodt (Oslo, 2 settembre 1971) è un ex sciatore alpino norvegese, vincitore di numerose medaglie olimpiche e mondiali.

Atleta completo, ha gareggiato e vinto in tutte le discipline dello sci alpino (discesa libera, supergigante, slalom gigante, slalom speciale e combinata).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ai Mondiali juniores di Zinal nel 1990 ha vinto due ori (supergigante e discesa libera) e due argenti (slalom speciale e slalom gigante). In Coppa del Mondo ha conquistato il suo primo podio nel supergigante di Panorama del 1992 e ha vinto la sua prima gara il 15 marzo 1992 nel supergigante di Aspen.

Tre mesi prima delle Olimpiadi di Albertville 1992 fu ricoverato per mononucleosi[1]. Tornò ad allenarsi dopo due mesi[2] e sei settimane dopo vinse il supergigante, riportando così la nazionale maschile della Norvegia a vincere una medaglia nello sci alpino ai Giochi olimpici dopo quarant'anni dai successi di Stein Eriksen a Oslo 1952. Vinse altre medaglie nelle Olimpiadi di Lillehammer 1994, Salt Lake City 2002 e Torino 2006, diventando così, con otto medaglie, il più titolato sciatore alpino nella storia dei Giochi olimpici invernali[3].

Ha al suo attivo anche numerose medaglie vinte nei vari Mondiali svoltisi tra gli anni novanta e gli anni duemila. Nonostante la sua completezza, ha vinto la Coppa del Mondo generale una volta sola, nel 1994. Aamodt è inoltre l'unico sciatore ad aver vinto per quattro volte il prestigioso trofeo dell'Hahnenkamm in combinata, sulla prestigiosa Streif di Kitzbühel[4].

Ha disputato l'ultima gara il 16 marzo 2006 a Åre. Ha annunciato il suo ritiro a 35 anni nel gennaio 2007, durante la sua premiazione come atleta norvegese dell'anno per il 2006, titolo di cui è stato insignito per la vittoria nel supergigante a Torino 2006[senza fonte].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Mondiali juniores[modifica | modifica sorgente]

  • 4 medaglie:
    • 2 ori (discesa libera, supergigante a Zinal 1990)
    • 2 argenti (slalom gigante, slalom speciale a Zinal 1990)

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Luogo Paese Disciplina
15 marzo 1992 Aspen Stati Uniti Stati Uniti SG
28 novembre 1992 Sestriere Italia Italia GS
7 marzo 1993 Aspen Stati Uniti Stati Uniti SG
21 marzo 1993 Kvitfjell Norvegia Norvegia SG
23 marzo 1993 Oppdal Norvegia Norvegia GS
26 marzo 1993 Åre Svezia Svezia SG
27 marzo 1993 Are Svezia Svezia GS
11 gennaio 1994 Hinterstoder Austria Austria GS
29 gennaio 1994 Chamonix Francia Francia DH
30 gennaio 1994 Chamonix Francia Francia K
19 marzo 1994 Vail Stati Uniti Stati Uniti GS
7 marzo 1996 Kvitfjell Norvegia Norvegia SG
14 gennaio 1997 Adelboden Svizzera Svizzera GS
25 gennaio 1998 Kitzbühel Austria Austria K
24 gennaio 1999 Kitzbühel Austria Austria K
9 gennaio 2000 Chamonix Francia Francia K
16 gennaio 2000 Wengen Svizzera Svizzera SL
23 gennaio 2000 Kitzbühel Austria Austria K
13 gennaio 2002 Wengen Svizzera Svizzera K
20 gennaio 2002 Kitzbühel Austria Austria K
19 gennaio 2003 Wengen Svizzera Svizzera K

Campionati norvegesi[modifica | modifica sorgente]

  • Campione norvegese di discesa libera nel 1997, nel 1998, nel 2000, nel 2002 e nel 2005
  • Campione norvegese di supergigante nel 1997, nel 2001, nel 2002 e nel 2003
  • Campione norvegese di slalom gigante nel 1999
  • Campione norvegese di slalom speciale nel 1999

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda CIO. URL consultato il 16 agosto 2010.
  2. ^ Road to Sochi 2014 #22 – Profili, Kjetil Andre Aamodt.
  3. ^ Scheda Sports-reference. URL consultato il 16 agosto 2010.
  4. ^ I vincitori della combinata sul sito ufficiale dell'Hahnenkamm. URL consultato il 16 agosto 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 277849324 LCCN: n2008065473