Il grande maestro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il grande maestro
Paese di produzione Italia
Anno 1967
Durata 50 min circa
Colore B/N
Audio sonoro
Genere film tv, commedia
Regia Daniele D'Anza
Sceneggiatura Antonio De Curtis
Bruno Corbucci
Produttore Aldo Pace per la B.L. Vision di Roma
RAI - Radiotelevisione Italiana
Fotografia Marco Scarpelli
Musiche Gianni Ferrio
Scenografia Giorgio Aragno
Interpreti e personaggi
« Io sono un vero genio della mòseca! »
(Totò)

Il grande maestro è un film per la televisione realizzato nel 1967, diretto da Daniele D'Anza ed interpretato da Totò, che fa parte dei 9 episodi della serie televisiva TuttoTotò.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Mardoccheo Stonatelli è un uomo che si crede un vero compositore di musica, ma in realtà è un disastro totale e nessuno riesce a comprendere il suo talento. Perfino la moglie non lo sopporta più, visto che abitano in un monolocale diviso in due stanze solo da un armadio e dal bagno. Un giorno, mentre stanno cercando di rimediare qualcosa da mangiare per una loro vicina che è entrata in casa per chiacchierare un po', Stonatelli viene a sapere che nel paese vicino si sta cercando un direttore d'orchestra per il concerto della banda che si terrà il mattino dopo.

Stonatelli non esita un secondo e subito si fa prestare le ultime lire dalla moglie per correre in paese ad affittare un hotel; arrivato cominciano i guai perché l'assistente della portiera, un po' svampita, gli affitta una stanza che già era stata prenotata da altre due persone: un avvocato e un ammalato, senza che nessuno dei clienti sapesse della presenza dell'altro! Dopo una tremenda nottata passata a litigare con gli altri due inquilini, il maestro Stonatelli è pronto a dirigere la banda del paese, improvvisando la celeberrima gag dell'"imitazione del tamburo" detta anche "dei fuochi d'artificio", della "processione con la candela" (tecniche già usate nei precedenti film I pompieri di Viggiù e Totò a colori)

Infine "il grande maestro" percorrerà tutte le strade del paese inseguito dall'intera orchestra che intona "La fanfara dei bersaglieri".

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema