Didi Perego

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Didi Perego

Didi Perego, nome d'arte di Aida Perego (Milano, 13 aprile 1937Roma, 28 giugno 1993), è stata un'attrice e doppiatrice italiana apparsa in più di ottanta film e in spettacoli televisivi.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il debutto risale al 1959 nel film di Franco Rossi Morte di un amico, seguito nello stesso anno dalla sua più conosciuta interpretazione: nel ruolo di Sofia in Kapò di Gillo Pontecorvo, per il quale vinse il Nastro d'Argento del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI) come miglior attrice non protagonista.

Ha lavorato incessantemente in numerose produzioni italiane, spesso con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia e ha anche avuto un ruolo nello psicodramma di Sidney Lumet del 1969 La virtù sdraiata. È apparsa in alcune serie televisive britanniche come Agente speciale e Man in a Suitcase.

Ha partecipato anche a commedie e sceneggiati televisivi RAI, fra cui La fiera della vanità del 1967.

Nel 1988 ha partecipato al film giallo per bambini Operazione Pappagallo, opera prima del regista romano Marco Di Tillo, su sceneggiatura di Piero Chiambretti, Claudio Delle Fratte e lo stesso Di Tillo.

È stata particolarmente attiva nel doppiaggio, come voce (è stata la milanesissima voce di Marisa Fiorio nell'episodio "Luciana" del film collettivo La mia signora), ma soprattutto come direttrice per quasi cento film.Ha inoltre dato la voce a Armoire il guardaroba nel film d'animazione Disney La bella e la bestia (1991).

L'ultima apparizione cinematografica è del 1992, nel film di Carlo Verdone Maledetto il giorno che t'ho incontrato. È morta di cancro nel 1993 all'età di 56 anni.

Prosa televisiva RAI[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le Teche Rai, la prosa televisiva dal 1954 al 2008
  • AA.VV. Le attrici, Gremese editore Roma 1999
  • Il Radiocorriere

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 29271609