Guerrillero Heroico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guerrillero Heroico Il profilo della persona che è nella foto in alto è quello del giornalista italo-argentino Masetti (di origini bolognesi) amico del Che e fondatore della agenzia giornalistica cubana "Prensa Latina".
Guerrillero Heroico, il celebre primo piano di Ernesto Che Guevara de La Serna.

Guerrillero Heroico è una celebre fotografia che ritrae Ernesto "Che" Guevara, scattata il 5 marzo 1960 a L'Avana dal fotografo cubano Alberto Díaz Gutiérrez, meglio noto come Alberto Korda.

Genesi della foto[modifica | modifica sorgente]

Il 4 marzo 1960 due grosse deflagrazioni nel porto di L'Avana avevano provocato l'esplosione della nave mercantile francese La Coubre. Il carico della nave era composto da un arsenale di munizioni provenienti dal Belgio: l'arrivo di tale carico aveva ricevuto una forte opposizione da parte degli Stati Uniti, e per tale ragione Fidel Castro accusò la CIA della responsabilità dell'attentato[1].

I morti nell'esplosione furono circa 100 e i feriti circa 200. Il giorno successivo Fidel Castro decise di organizzare una cerimonia di commemorazione delle vittime, alla quale prese parte Che Guevara, all'epoca Ministro dell'Industria del governo cubano. Korda era presente in qualità di fotografo personale di Fidel Castro.

Korda usò una Leica M2 con lenti di 90 mm e con pellicola Kodak Plus-X, che ospitava già fotogrammi di Jean-Paul Sartre, Simone de Beauvoir e Fidel Castro, tutti presenti alla cerimonia. Korda riuscì a scattare due fotografie al comandante Guevara, la prima in orizzontale e la seconda in verticale. Disse il fotografo: «L'ho guardato attraverso la Leica e ho scattato due foto: una orizzontale, mentre stava chiudendo la zip del giubbotto; una verticale, più bella.»[2]

Nel primo scatto, orizzontale, Che Guevara venne ritratto nel mezzo tra alcune foglie di palma ed il giornalista argentino Jorge Josè Ricardo Masetti Blanco (di origini bolognesi, noto anche come Comandante Segundo: fu fondatore e primo direttore di Prensa Latina a Cuba, poi desaparecido in Argentina nel 1964). Successivamente, nel corso del processo di stampa della foto, lo stesso Korda decise di isolare la figura del "Che" tramite una operazione di cropping, e di pubblicare solamente il primo piano del rivoluzionario argentino.

Vicende successive[modifica | modifica sorgente]

Foto del rullino utilizzato da Korda per le foto della cerimonia del 5 marzo 1960

La fotografia fu subito pubblicata su qualche giornale cubano, ma poi rimase praticamente semisconosciuta per i successivi sette anni.

Nel giugno 1967 l'editore milanese Giangiacomo Feltrinelli si recò a L'Avana, di ritorno dalla Bolivia: fu proprio a Cuba che incontrò Alberto Korda, con il quale si fermò nel suo studio a parlare del "Che"[3]. Il fotografo gli regalò due copie della sua foto, senza volere alcun compenso.

Tornato in Italia, Feltrinelli scelse proprio il ritratto del "Che" realizzato da Korda come copertina del Diario in Bolivia di Ernesto Guevara. Decise anche di stampare numerosi poster con la stessa immagine, tappezzando Milano dopo la morte del comandante[3].

Lo scatto di Korda da allora è divenuto una delle fotografie più celebri e più riprodotte della storia. Diffusa dapprima in ambito politico e successivamente nel circuito artistico, nel corso degli anni l'immagine è stata reinterpretata e riprodotta nei più vari settori: design, moda, cinema, pubblicità[4].

Nonostante questo, il suo autore non ha mai reclamato i diritti né ha ricevuto alcun compenso[2] da Giangiacomo Feltrinelli. Korda ha però dichiarato: «Anche se non mi ha mai dato danaro per l'uso che ha fatto della mia foto, io lo perdono perché così facendo mi ha reso famoso»[5].

Nel 2000 Korda intraprese una battaglia legale contro l'azienda russa Smirnoff, rea di aver utilizzato la foto del Che per pubblicizzare la propria vodka. La vicenda si è conclusa con un accordo extra-giudiziale, che ha comportato l'esborso di 50.000 dollari da parte dell'azienda e che il fotografo ha utilizzato per l'acquisto di medicinali in favore dei bambini cubani[6].

Altre riproduzioni[modifica | modifica sorgente]

Di seguito, alcune riproduzioni derivate dall'opera originale di Alberto Korda.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ T. Ziff, op. cit.
  2. ^ a b Corriere della Sera, 23 giugno 2007 - «ICONE. Il Che & gli altri». URL consultato il 12-11-2009.
  3. ^ a b Corriere della Sera, 23 giugno 2007 - «Così mio padre diffuse la foto in tutto il mondo». URL consultato il 12-11-2009.
  4. ^ Corriere della Sera, 21 giugno 2007 - «!Cuba è qui!». URL consultato il 12-11-2009.
  5. ^ The Times - 28 maggio 2001. URL consultato il 12-11-2009.
  6. ^ Fonte: Granma Internacional, citato su Istituto di cooperazione e sviluppo Italia-Cuba Regione Campania. URL consultato il GG-MM-AAAA.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Link Rullo Originale Korda Che : https://commons.wikimedia.org/wiki/File:KordaFilmRollChe.jpg