Latinoamericana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Latinoamericana. Un diario per un viaggio in motocicletta
Titolo originale Notas de viaje
Autore Ernesto Guevara
1ª ed. originale 1992
1ª ed. italiana 1993
Genere diario di viaggio
Lingua originale spagnolo
Ambientazione 1951-1952
Protagonisti Ernesto Guevara
Coprotagonisti Alberto Granado

Notas de viaje, conosciuto anche come Latinoamericana, è uno dei diari di Ernesto Guevara. È stato pubblicato a Cuba nel 1992 e in Italia nel 1993.

Diario di viaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il libro ripropone in forma narrativa tutte le note e gli appunti raccolti durante il lungo ed avventuroso viaggio intrapreso dal giovane Ernesto Guevara ed il suo amico Alberto Granado attraverso l'America Latina, inizialmente in sella alla motocicletta di quest'ultimo (una Norton 500 M18 del 1939 soprannominata "Poderosa II") e successivamente a piedi o con i più disparati mezzi di fortuna. All'epoca, il futuro rivoluzionario è ancora uno studente della facoltà di medicina, prossimo alla laurea, mentre Alberto è un giovane biochimico che lavora in un ospedale locale.

Le tappe fondamentali del loro viaggio sono Machu Picchu ed il lebbrosario di San Pablo, che permetteranno al giovane protagonista di osservare la miseria e la povertà del popolo latino-americano, iniziando ad analizzare i nefasti effetti dei sistemi economici vigenti, scoprendo l'esigenza di un mondo più equo.

Le tappe[modifica | modifica wikitesto]

Argentina[modifica | modifica wikitesto]

  • Buenos Aires, 4 gennaio 1952
  • Villa Gesel, 6 gennaio
  • Miramar, 13 gennaio
  • Necochea, 14 gennaio
  • Bahìa Blanca, 16 gennaio - 21 gennaio
  • Verso Chole Choel, 22 gennaio
  • Chole Choel, 25 gennaio
  • Piedra de Aguila, 29 gennaio
  • San Martìn de los andes, 31 gennaio
  • Nahuel Huapi, 8 febbraio
  • Bariloche, 11 febbraio

Cile[modifica | modifica wikitesto]

  • Peulla, 14 febbraio
  • Temuco, 18 febbraio
  • Lautaro, 21 febbraio
  • Los Angeles, 27 febbraio
  • Santiago del Cile, 1º marzo
  • Valparaìso, 7 marzo
  • A bordo del San Antonio, 8-10 marzo
  • Antofagasta, 11 marzo
  • Baquedano, 12 marzo
  • Chuquicamata, 13-15 marzo
  • Iquique, 20 marzo
  • Arica, 22 marzo

Perù[modifica | modifica wikitesto]

  • Tacna, 24 marzo
  • Tarata, 25 marzo
  • Puno, 26 marzo
  • Lago Titicaca, 27 marzo
  • Juliaca, 28 marzo
  • Sicuani, 30 marzo
  • Cuzco, 31 marzo
  • Machu Picchu, 3 aprile
  • Cuzco, 6-7 aprile
  • Abancay, 11 aprile
  • Huancarama, 13 aprile
  • Huambo, 14 aprile
  • Huancarama, 15 aprile
  • Andahuaylas, 16-19 aprile
  • Huanta
  • Ayacucho, 22 aprile
  • Huancayo
  • La Merced, 25-26 aprile
  • Tra Oxampa e San Ramòn, 27 aprile
  • San Ramòn, 28 aprile
  • Tarma, 30 aprile
  • Lima,1° - 17 maggio
  • Cerro de Pasco, 19 maggio
  • Pucallpa, 24 maggio
  • A bordo de La Cenepa, 25 maggio
  • Sul Rio delle Amazzoni, 26-27 fino 31 maggio
  • Iquitos, 1° - 5 giugno
  • A bordo de El Cisne (navigazione sul Rio delle Amazzoni) 6-7 giugno
  • Lebbrosario di San Pablo, 8-19 giugno(partenza il 20)
  • A bordo della zattera Mambo-Tango sul Rio delle Amazzoni 21 giugno

Colombia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leticia 23 giugno - 1º luglio(partenza il 2 luglio in aereo)
  • Sosta di transito a Tres Esquinas, 2 luglio
  • Madrid, aeroporto militare a 30 km da Bogotà
  • Bogotà, 2-10 luglio
  • Cùcuta, 12-13 luglio

Venezuela[modifica | modifica wikitesto]

  • San Cristòbal, 14 luglio
  • Tra Barquisimeto e Corona, 16 luglio
  • Caracas, 17-26 luglio

Trasposizione cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Dal libro, divenuto fin dalla sua pubblicazione un cult, nel 2004 è stato tratto il film I diari della motocicletta, con Rodrigo de la Serna nel ruolo di Granado e Gael García Bernal nel ruolo di Guevara.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]