Final Fantasy Type-0

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Final Fantasy Type-0
Final Fantasy Type-0 Logo.png
Logo di Final Fantasy Type-0
Titolo originale ファイナルファンタジー 零式
Sviluppo Square Enix
Pubblicazione Square Enix
Ideazione Kousei Ito, Yoshinori Kitase
Serie Final Fantasy
Data di pubblicazione Giappone 27 ottobre 2011
Stati Uniti 2015
Europa 2015
Genere Action RPG
Tema Fantasy
Modalità di gioco Giocatore singolo, multiplayer
Piattaforma PlayStation Portable, PlayStation 4, Xbox One
Motore grafico Crystal Tools
Supporto 2 UMD
Fascia di età CERO: C

Final Fantasy Type-0 (ファイナルファンタジー 零式 Fainaru Fantajī Reishiki?), precedentemente conosciuto come Final Fantasy Agito XIII (ファイナルファンタジー アギトXIII Fainaru Fantajī Agito Sātīn?), è un Action RPG appartenente al progetto Fabula Nova Crystallis sviluppato da Square Enix per PlayStation Portable. Il titolo è uscito in Giappone il 27 ottobre 2011.[1] All'interno della guida Ultimania di FF Type-0, Hajime Tabata ha confermato che il suo team è al lavoro sulle versioni occidentali del gioco, annunciate ufficialmente soltanto nel 2014 all'E3 di Los Angeles in una versione rimasterizzata in alta definizione per le console PlayStation 4 e Xbox One[2].

La theme finale del videogioco è "Zero" (ゼロ), del gruppo musicale nipponico Bump of Chicken. Il gioco è stato inoltre adattato in una serie manga serializzata da Gangan Comics a partire dall'11 novembre 2011.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il primo logo di Final Fantasy Type-0 (Final Fantasy Agito XIII)

Final Fantasy Type-0 è ambientato a Oriens, un mondo diviso in quattro grandi nazioni: il feudo Suzaku di Rubrum, l'Impero Milites, l'Alleanza Lorican ed il Regno di Concordia. Ogni nazione ha un proprio emblema - rispettivamente: una fenice, due tigri, un drago e una tartaruga - e la fortuna di possedere un cristallo capace conferie loro peculiarità uniche: Rubrum controlla il cristallo Suzaku che contiene il potere della magia, Milites controlla il cristallo Byakko che detiene il potere derivante delle armi, Lorica controlla cristallo Genbu contenente il potere dello Scudo, e Concordia controlla il cristallo Soryu detenente la forza dei Draghi.

Il prologo del gioco narra di come, in un tempo remoto ed imprecisato, comparvero quattro grandi bagliori nel mondo di Oriens. Incuriosite, le genti di allora si radunarono attorno a queste misteriose luci, che scoprirono derivare da magici cristalli. Il mondo di allora si divise in quattro macro-nazioni, ognuna delle quali detiene uno degli antichi cristalli attorno al quale ha eretto un grande peristilio in cui il loro potere, arcano ed in gran parte ignoto, viene studiato.

Altrettanto antica è la profezia di Oriens, secondo la quale un salvatore, chiamato Agito, apparirà dopo che la grande calamità Finis devasterà il mondo conosciuto. È quando, nel mese dell’acqua dell’anno 842, l’esercito imperiale di Milites, sotto il comando del generale Cid Aulstyne, viola il Pax Codex che la popolazione comincia ad invocare con disperazione l’avvento di Agito. La storia prende infatti piede in mezzo ad un conflitto già esploso fra le grandi nazioni, sottomesse con successo da Aulstyne, che ha inviato i suoi soldati ed l'Cie contro le altre nazioni, concentrando però il suo attacco contro il Regno di Concordia ed il feudo di Rubrum. Dopo una tenace resistenza, Rubrum viene sottomessa dalla nazione ostile quando quest'ultima riesce ad eclissare il potere del cristallo Suzaku. Così, il generale di Milites, una volta trasformati i soldati nemici forti dell'energia magica del cristallo in meri civili, dà vita ad un aperto massacro. Tuttavia, fra coloro che vogliono sottrarre il proprio cristallo dal giogo delle forze nemiche, si faranno avanti i giovani membri della Classe Zero del peristilio, ancora detentori del loro potere, Machina e Rem.

Il ruolo di protagonisti è riservato a tutta la Classe Zero del Peristilio di Suzaku, fra cui spicca Ace (エース Ēsu), e ad altri due personaggi che svolgono il ruolo di narratori principali: Machina Kunagiri (マキナ・クナギリ Makina Kunagiri) e Rem Tokimiya (レム・トキミヤ Remu Tokimiya).

Mondo di gioco[modifica | modifica sorgente]

Nonostante Final Fantasy Type-0 sia annoverato fra i capitoli del progetto Fabula Nova Crystallis - che include FFXIII, FFXIII-2 e Lightning Returns - FFXIII - ha meno punti in comune di quanto si possa pensare col precedente Final Fantasy XIII: ne riprende la mitologia, ma con alcune differenze; abbandona così il nome di Agito XIII adottando quello attuale. Infatti, in FFXIII gli l'Cie (pron. "le-sì") venivano marchiati dai pseudo-divini Fal'Cie (pron. "fal-sì") venendo condannati alla risoluzione di una pericolosa ed indefinita missione in cui avrebbero incontrato la vita eterna sotto forma di cristalli o un'eternità sotto forma di orridi Cie'th (pron. Sieth), creature simili ad esseri non-morti in cui si trasformano in caso di scadenza del termine, rappresentato dallo schiudersi di un "occhio" creatorsi sul loro stigma. Gli l-Cie di Final Fantasy Type-0 sono dipinti diversamente. Precisando: gli l'Cie vengono marchiati dai cristalli posseduti dalle nazioni, che possono indicare questi e gli stessi paesi come "servitori" a loro devoti, sostituendosi quindi ai Fal'Cie del XIII capitolo. Invece di una vita breve in cui gli unici due destini possibili sono fin troppo simili alla morte, qui gli l'Cie sono dotati di una lunga vita, ma vengono anche maledetti perdendo i loro ricordi. Il non ricordarsi più di ciò che ritengono prezioso, della morte di persone a loro care, assieme ad altre mancanze della mente, li rende sicuramente dei servitori più efficienti ed inclini a compiere azioni rischiose in nome della missione affibbiatagli. In battaglia, gli l'Cie possono avvalersi dell'aiuto degli Eidolons ("Dei della Guerra" in Giapponese - saranno giocabili: Odin, Shiva, Ifrit, Golem, Bahamut e Diablos).

Così come Final Fantasy XIII, il gioco lascia spazio ad amare riflessioni sulla predestinazione, spesso inerenti alla vita dei protagonisti, e sul condizionamento della vita umana da parte di entità divine praticamente indifferenti, o di esseri che rasentano questa condizione. Avendo un'impostazione più corale del solito, Final Fantasy Type-0 offre una visione di più ampio respiro, presentando per forza di trama un mondo avvolto dalla guerra, vista quale vera generatrice di paura ed odio. Il capitolo si presenta come il più cruento della serie, mantenendo un tono cupo e grave anche rispetto alla maggior parte dei J-RPG, pur senza sfociare in una sequela di scene di taglio "gore".

Membri della Classe Zero[modifica | modifica sorgente]

La Classe Zero comprende sedici membri, di cui però solamente quattordici sono noti sin dall'inizio al giocatore: i due membri segreti, Tiz e Joker, sono infatti incontrati solo attraverso alcune missioni secondarie che permetterebbero di sbloccare un finale alternativo del gioco. Ogni membro giocabile della Classe Zero è uno specialista in un determinato tipo di arma:

  • N°00, Joker (ジョーカー, Jōkā, doppiato da Kōki Uchiyama) - un ragazzo che sembra agisca in incognito vestito da soldato di Milites.
  • N°01, Ace (エース Ēsu, doppiato da Yūki Kaji) - un ragazzo biondo, il più abile del gruppo nell'uso della magia. Utilizza delle carte al pari delle pagine di un grimorio.
  • N°02, Deuce (デュース Dyūsu, doppiata da Kana Hanazawa) - una ragazza dai capelli castani, che usa un flauto come catalizzatore per magie difensive e di supporto.
  • N°03, Trey (トレイ Torei, doppiato da Yūichi Nakamura) - un ragazzo biondo, che combatte con un arco.
  • N°04, Cater (ケイト Keito, doppiata da Minori Chihara) - un'energica ragazza dai corti capelli rossi, che combatte con una pistola magica.
  • N°05, Cinque (シンク Shinku, doppiata da Aki Toyosaki) - una ragazza con lunghi boccoli rossi, che usa una grande mazza come arma.
  • N°06, Sice (サイス Saisu, doppiata da Miyuki Sawashiro) - una ragazza determinata, dai capelli argentati, che combatte con una falce.
  • N°07, Seven (セブン Sebun, doppiata da Mayuko Aoki) - una ragazza dai capelli argentei, che usa una pesante frusta composita.
  • N°08, Eight (エイト Eito, doppiato da Miyu Irino) - un ragazzo dai cortissimi capelli rossi, che predilige il combattimento corpo a corpo.
  • N°09, Nine (ナイン Nain, doppiato da Daisuke Ono) - un ragazzo impulsivo, dai capelli biondi, che usa come arma una lancia.
  • N°10, Tiz (ティス, Tisu, doppiata da Hitomi Terakado) - una misteriosa ragazza incappucciata. Le sue azioni vanno di pari passo con quelle di Joker.
  • N°11, Jack (ジャック Jakku, doppiato da Kenichi Suzumura) - un ragazzo dai capelli biondi sparati, che usa per combattere una katana a due mani.
  • N°12, Queen (クィーン Kuīn, doppiata da Ami Koshimizu) - una ragazza con gli occhiali, dai lunghi capelli neri, che combatte con una spada.
  • N°13, King (キング Kingu, doppiato da Tomokazu Sugita) - un ragazzo che sembra più maturo degli altri, usa come arma due pistole gemelle.
  • Machina Kunagiri (マキナ・クナギリ Makina, doppiato da Kamiya) e Rem Tokimiya (レム・トキミヤ Remu, doppiata da Ryoko Shiraishi) - due studenti entrati nella squadra solo di recente. Machina usa due spade fatte a forma di vite, che possono anche essere usate per "trivellare" i nemici, mentre Rem usa due lame gemelle dalla lama rossa. Essendo appena entrati, non hanno un nome in codice, e fungono anche da osservatori esterni degli eventi nel corso della storia.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Il gioco venne annunciato nel 2006, fu originariamente pensato in piccolo e destinato ai telefoni cellulari, tuttavia il progetto diventò più ambizioso fino a divenire un titolo giocabile per PSP, console portatile di casa Sony. Inizialmente conosciuto come Final Fantasy Agito XIII, il gioco cambiò nome il 18 gennaio 2011. Hajime Tabata ha affermato d'aver optato per questa scelta dopo aver realizzato che il gioco aveva ben pochi legami con Final Fantasy XIII, mantenendo comunque una notevole affinità con la mitologia del capitolo prima uscito, continuando così a far parte della Fabula Nova Crystallis. Durante l'anno dell'annuncio al pubblico, era ancora in cantiere la realizzazione di Crisis Core: Final Fantasy VII, gli sviluppatori iniziarono così a concentrarsi sull'ex-Agito XIII solo a partire dal 2008. Successivamente, lo sviluppo di The 3rd Birthday mise il gioco in ombra per un altro anno. Yûsuke Naora, il direttore artistico, ha affermato di non aver mai lavorato su un videogioco per così tanto tempo.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Il gioco esordisce in patria il 27 ottobre 2011, ottenendo successo sia di vendite che di critica e spingendo Square Enix a mettere in cantiere anche delle versioni occidentali del gioco. Il gioco riceve un ottimo punteggio da Famitsu, 39/40, ed un punteggio sempre molto alto da Dengeki PlayStation, 91.25/100 (ottenuto dalla media dei voti: 90/90/95/90). Final Fantasy Type-0 vende 472.253 copie nella prima settimana di lancio, arrivando a 696.428 unità il 19 dicembre, circa tre settimane dopo. Il critico Heath Hindman di PlayStation LifeStyle, assegnandogli un punteggio di 8/10, lo ha definito "a hell of a game" (per atmosfera, tematiche trattate e risvolti a livello di trama, finale in primis), lodando musiche, gameplay ed intreccio narrativo.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Oltre alla caratteristica divisa scolastica, i protagonisti possono disporre di due costumi alternativi, uno ottenibile tramite una demo scaricabile (divisa estiva), l'altro ottenibile se gioco è completato rispettando determinate condizioni (divisa da cerimonia).
  • Fatta eccezione per Machina e Rem, non viene rivelato il nome di nessun membro della Classe Zero, i quali ricorrono a pseudonimi derivanti dalle carte da gioco.
  • Nel finale alternativo, Machina e Rem fanno ancora parte della Classe Zero, e continua a non esserci alcuna traccia di Joker e Tiz.
  • Pur non essendo il primo affrontabile come nemico, Cid Aulstyne è il primo "Cid" della saga a ricoprire il ruolo di antagonista principale.

Capitoli legati al progetto Fabula Nova Crystallis[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fabula Nova Crystallis Final Fantasy.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (JA) プレイステーション・ポータブル専用ソフト 「FINAL FANTASY 零式」 発売日変更のお知らせ (PDF), Square Enix, 26 agosto 2011. URL consultato il 19 settembre 2011.
  2. ^ Final Fantasy Type-0 HD Coming to PS4 – PlayStation.Blog

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

(JA) Sito ufficiale giapponese