Concili della plebe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Concilium plebis)
Organi costituzionali romani

Roman SPQR banner.svg



Cursus honorum:





Massime cariche per epoca

Template di navigazione dell'antica Roma
Categorie: Antica Roma

I concili della plebe (concilium plebis) si costituirno in seguito alla secessione della plebe sul Monte Sacro nel 494 a.C. per rivendicare il proprio diritto di partecipare alla vita politica della civitas. In questa circostanza la plebe si dà un'organizzazione: oltre ai concilia plebis, sono creati i tribuni della plebe, gli edili; le delibere della plebe raccolta nell'assemblea convocata dal tribuno della plebe prenderanno il nome di plebiscita (plebisciti).[1] Da queste assemblee, naturalmente, saranno esclusi i patrizi: la plebe ottiene in questo momento la possibilità di una propria iniziativa politica.[2]

Funzioni, forma e luoghi di riunione[modifica | modifica sorgente]

Le assemblee della plebe (concilia plebis) sono ripartite al proprio interno in tribù territoriali, 35 in totale di cui 4 urbane e 31 rustiche. [3] Sono convocate, lo si diceva, dal tribuno della plebe, il quale, a sua volta, è eletto da questa stessa assemblea. I plebisciti, ossia le delibere della plebe, vengono equiparate alle leggi dal 287 a.C. con la lex Hortensia. Oltre alla funzione elettorale (elezione di tribuni ed edili) e legislativa i concilia plebis svolgono anche funzione giudiziaria. [4] Il luogo in cui l’assemblea si riunisce è l’Aventino, al di fuori del pomerio, sfera sacrale della città. Per le questioni di ordine giuridico e amministrativo le fonti riportano anche Foro e Campidoglio come luoghi di riunione. Il Campo Marzio è adibito alla fine della repubblica per le elezioni.


Modalità di voto comune a tutte le assemblee[modifica | modifica sorgente]

I cittadini sono chiamati all’interno della propria unità di riferimento a concedere o a negare il loro assenso alla proposta avanzata con il solo si o no. L’opzione del singolo è computata con quella dei suoi compagni nella tribù e la maggioranza delle posizioni diventava quella dell’intera unità.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ - G. Poma, Le istituzioni politiche del mondo romano, Il Mulino, Bologna, 2009, pp. 50-65;
  2. ^ - M. Pani, E. Todisco, Società e istituzioni di Roma antica, Carocci editore, Bari, 2008, p.17;
  3. ^ G. Poma, Le istituzioni politiche del mondo romano, Il Mulino, Bologna, 2009, p. 64;
  4. ^ Oxford Latin Dictonary, pp 473, 474 e 489;

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

M. Pani, E. Todisco,, Società e istituzioni di Roma antica, , 2008, , Bari, Carocci editore.;

G. Poma Le istituzioni politiche del mondo romano, Il Mulino, 2009, Bologna.

F. de Martino La costituzione romana, Jovene, 1972.

M. Pani E. Todisco, Storia romana. Dalle origini alla tarda antichità, 2008, Bari, Carocci editore.

Unto Paananen Studies in Roman Republican Legislation, Senatus Populusque Romanus, 1993, Helsinki.