Provincia senatoria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Province senatorie (rosa) e imperiali (rosso) nel 14, sotto Augusto

Una provincia populi Romani (provincia del popolo romano) o provincia senatoria era una provincia romana il cui governatore veniva nominato esclusivamente dal senato. Si trattava generalmente di province lontane dai confini dell'impero e generalmente pacificate: sul loro territorio non era di stanza, infatti, alcuna legione, in modo tale che si riducesse così il rischio che il senato potesse servirsene per sottrarre il potere all'imperatore. Sebbene il titolo portato da tutti i governatori di questa tipologia di province rimanesse sempre e comunque quello di proconsul, esse erano in realtà governate da un proconsole (ex-console) solo nel caso delle province di Asia e Africa, mentre le rimanenti province erano affidate ad un propretore (ex-pretore).

La riforma augustea[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Età augustea, proconsul provinciae e provincia imperiale.

Con l'avvento del principato di Augusto l'amministrazione provinciale venne riorganizzata. Alcune province, in genere quelle di più antica annessione e ormai pacificate, nelle quali non era necessaria la presenza di legioni, furono affidate al controllo del Senato (province senatorie) e furono rette secondo il modello di epoca repubblicana da proconsoli (Proconsul provinciae), eletti annualmente.

A questi si affiancavano proquestori per l'amministrazione finanziaria e ai procuratori imperiali, che si occupavano dell'amministrazione delle proprietà del principe (res Caesaris).

Nell'anno 14 d.C. le province senatorie erano dieci, di cui due affidate a ex-consoli (Africa e Asia):

Provincia Statuto Governatore Capitale Note
Acaia (Achaea) senatoria Propretore di rango pretorio Colonia Laus Iulia Corinthiensis (Corinto, Grecia) Nel 15-44 riunita alla Mesia e alla Macedonia come provincia imperiale.
Africa (Africa) o Africa Proconsolare (Africa Proconsularis) senatoria Proconsole di rango consolare Cartagine (Tunisia)  
Asia (Asia) senatoria Proconsole di rango consolare Efeso (Turchia)  
Bitinia e Ponto (Bithynia et Pontus) senatoria Propretore di rango pretorio   Divenuta provincia imperiale nel 135.
Cipro (Cyprus) senatoria Propretore di rango pretorio (Cipro) In precedenza unita alla Cilicia (provincia imperiale).
Creta e Cirene (Creta et Cyrene) senatoria Propretore di rango pretorio Gortina (Creta, Grecia)  
Gallia Narbonense (Gallia Narbonensis) senatoria Propretore di rango pretorio Narbo (Narbona, Francia)  
Hispania Baetica (Baetica o Hispania Baetica) senatoria Propretore di rango pretorio    
Licia e Panfilia (Lycia et Pamphylia) senatoria Propretore di rango pretorio   prima del 135 provincia imperiale
Macedonia (Macedonia) senatoria Propretore di rango pretorio   Tra il 15 e il 44 riunita con Mesia e Acaia come provincia imperiale, governata da un Legato imperiale di ragno consolare.
Sicilia (Sicilia) senatoria Propretore di rango pretorio Syracusae (Siracusa, Italia)  

Le province senatorie dopo Augusto fino a Settimio Severo[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma