Classe St. Louis (incrociatore 1938)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Classe Brooklyn.

Classe St. Louis
Lo USS St. Louis (CL-49)
Lo USS St. Louis (CL-49)
Descrizione generale
US flag 48 stars.svg Flag of Brazil.svg
Tipo incrociatore leggero
Numero unità 2
Proprietà Insegna navale US Navy
Flag of Brazil.svg Marinha do Brasil
Entrata in servizio 1939
Caratteristiche generali
Dislocamento 10.000 t
Stazza lorda 13.327 tsl
Lunghezza 185 m
Larghezza 18,8 m
Pescaggio 6 m
Velocità 33,6 nodi  (61 km/h)
Equipaggio 868 uomini
Armamento
Armamento artiglieria:
  • 15 cannoni da 152mm
    (3 torri trinate a prua, 2 torri trinate a poppa)
  • 8 cannoni da 127/38mm
    (4 impianti quadrupli)
  • 4 mitragliere quadruple da 28mm
  • 12 mitragliere da 20mm Oerlikon
Corazzatura Laterale: da 1,5 a 4 "
Ponte suoperiore: 3"
Ponte inferiore: 2,5 "
Torrione: da 3 a 5"
Barbette : 5 "

[senza fonte]

voci di classi di incrociatori presenti su Wikipedia

Gli incrociatori leggeri della classe St. Louis erano una sottoclasse degli incrociatori della classe Brooklyn, appartenente alla United States Navy. Le due navi della classe, St. Louis (CL-49) ed Helena (CL-50), beneficiarono delle esperienze maturate con la costruzione delle sette unità "Brooklyn" e furono completate con alcune variazioni e migliorie.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I St. Louis, come i “Brooklyn” avevano uno scafo con il ponte di coperta continuo e poppa a specchio. Le sovrastrutture risultarono più raccolte in quanto la struttura su cui insistevano le direzioni del tiro dei cannoni poppieri venne spostata verso prora, favorendo più ampi campi di tiro per le armi antiaerei.[1]

Propulsione[modifica | modifica wikitesto]

L’apparato motore, disposto a gruppi alternati, con una sistemazione più razionale e tale da garantire una maggiore affidabilità in caso di colpi a bordo, era composto da otto caldaie Babcock & Wilcox il cui vapore alimentava quattro turbine con quattro assi con relative eliche. La potenza era di 100.000 hp e consentiva alle unità della classe di raggiungere la velocità massima di 33 nodi.

Armamento[modifica | modifica wikitesto]

L’armamento principale era costituito da cinque torri triple da 152/47 a cui si aggiungevano otto cannoni da 127 mm, però del nuovo modello 127/38 che erano armi duali antiaerei e antinave, raggruppati su quattro impianti binati in installazione completamente chiusa, tale da fornire maggiori sicurezza e protezione per armieri e serventi, a differenza dei Brooklyn che erano armati con otto cannoni singoli da 127/25 antiaerei, disposti quattro per lato.

L’armamento leggero antiaereo era costituito da quattro mitragliere quadruple da 28mm e da dodici mitragliere singole da 20 mm Oerlikon.

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

St. Louis ed Helena, inquadrati nella Flotta del Pacifico, il 7 dicembre 1941 si trovavano a Pearl Harbor e nel corso dell’attacco giapponese, l'incrociatore Helena riportò gravi danni, essendo stato colpito da un siluro sganciato da un velivolo giapponese, rientrando in squadra solamente dopo l’estate del 1942, dopo un lungo ciclo di lavori.

Nel corso della battaglia di Capo Esperance i cannoni dell'Helena danneggiarono pesantemente l'incrociatore pesante giapponese Aoba.

Nella notte tra il 5 e il 6 luglio, nel corso della battaglia del Golfo di Kula l’Helena venne affondato tre siluri lanciati dai cacciatorpediniere giapponesi Suzukaze e Tanikaze. Pochi giorni dopo, l'11 luglio il St. Louis, insieme all'incrociatore Honolulu della classe Brooklyn e all’incrociatore neozelandese Leander, nel corso della battaglia di Kolombangara affondò l’incrociatore leggero giapponese Jintsu.[1] Nello scontro il St. Louis venne danneggiato colpito da un siluro nella zona di prua.

Dopo essere rientrato in servizio il St. Louis il 27 novembre 1944 venne colpito da un kamikaze nei pressi di Leyte.

Al termine del secondo conflitto mondiale il St. Louis, come tutti i Brooklyn, venne collocato in riserva per essere poi venduto nel 1951 alla Marinha do Brasil, insieme all'incrociatore USS Philadelphia.

Unità[modifica | modifica wikitesto]

Insegna navale US Navy - Classe St. Louis
Nome Sigla Cantiere Impostazione Varo Entrata in servizio Disarmo Destino finale
USS St. Louis CL-49 Newport News 10 dicembre 1936 15 aprile 1938 19 maggio 1939 20 giugno 1946 Al Brasile Brasile il 22 gennaio 1951 e ribattezzato Tamandarè
USS Helena CL-50 New York Navy Yard 9 dicembre 1936 28 agosto 1938 18 settembre 1939 Affondato il 6 luglio 1943

Servizio nella Marinha do Brasil[modifica | modifica wikitesto]

La Marinha do Brasil acquistò dagli Stati Uniti nell'ambito del Mutual Defense Assistance Program gli incrociatori Philadelphia (CL-41) della classe Brooklyn e St. Louis (CL-49), che all’atto del trasferimento, avvenuto il 10 gennaio 1951, vennero rispettivamente ribattezzati Almirante Barroso e Almirante Tamandarè, abbreviati successivamente con un provvedimento amministrativo in Barroso e Tamandarè, con il primo andato in disarmo a maggio del 1973 e radiato a novembre dello stesso anno ed in seguito smantellato in un cantiere di demolizione nelle vicinanze del porto di Santos ed il secondo in disarmo nel 1976, venduto per la demolizione a un cantiere di Hong Kong e affondato il 24 agosto 1980, durante una forte burrasca, al largo del Capo di Buona Speranza, mentre ne era in corso il rimorchio verso la sua destinazione finale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Maurizio Brescia, Sei "Brooklyn" sudamericani in Storia Militare, nº 180, settembre 2008, pp. 29–45, ISSN 1122-5289.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Michael J. Whitley, Cruisers of World War Two, Londra, Arms and armour Press, 1995, pp. 248-249, ISBN 1-86019-874-0.
  • Maurizio Brescia, Sei "Brooklyn" sudamericani in Storia Militare, nº 180, settembre 2008, pp. 29–45, ISSN 1122-5289.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina