Classe Lexington (portaerei)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Lexington
La USS Lexington lascia San Diego (California), il 14 ottobre 1941
La USS Lexington lascia San Diego (California), il 14 ottobre 1941
Descrizione generale
US flag 48 stars.svg
Tipo Portaerei
Numero unità 2
Proprietà Flag of the United States.svg United States Navy
Caratteristiche generali
Dislocamento 36.000
Lunghezza 296 m
Larghezza 35 m
Propulsione 16 caldaie, turbine ad ingranaggi e propulsione elettrica, 4 eliche, 180.000 shp alla costruzione, 217.000 in servizio
Velocità 34,82 nodi
Autonomia 10.000 nm a 10 nodi

[senza fonte]

voci di portaerei presenti su Wikipedia
Modellino di un incrociatore da battaglia in costruzione nel 1922. Questo sarà la base del design delle portaerei classe Lexington

La classe Lexington era una classe di portaerei della United States Navy, costituita da due immense unità navali, la Lexington e la Saratoga, due navi veloci e potenti che erano state varate negli anni venti. Esse avevano apparato propulsore turboelettrico e derivavano da 2 scafi di incrociatori da battaglia non completati. Le navi erano state progettate come incrociatori da battaglia, ma i lavori si fermarono a seguito del trattato navale di Washington nel 1922.

Per molti anni rimasero le portaerei più grandi mai costruite. Nel maggio del 1942 la Lexington faceva parte della Task Force 11, una delle tre Task Force alleate che durante la battaglia del Mar dei Coralli stava cercando di impedire uno sbarco giapponese a Port Moresby in Nuova Guinea. La mattina dell'8 maggio le due opposte forze di portaerei entrarono in contatto e fecero decollare i loro aerei. La Lexington fu colpita da 2 siluri e da tre bombe e fu abbandonata a causa dell'incendio che si era sviluppato a bordo, ormai fuori controllo. Vista l'impossibilità di rimorchiarlo, il relitto in fiamme e alla deriva della portaerei fu affondato dal cacciatorpediniere Phelps affinché non cadesse in mani giapponesi. La Saratoga invece fu una delle tre portaerei prebelliche statunitensi[1] a sopravvivere alla guerra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le altre furono l'Enterprise e la Ranger

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]