Classe Baltimore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Baltimore
La nave capoclasse, il Baltimore
La nave capoclasse, il Baltimore
Descrizione generale
Flag of the United States.svg
Tipo incrociatore pesante
Numero unità 14
Proprietario/a Flag of the United States.svg United States Navy
Entrata in servizio 1943-1945
Caratteristiche generali
Dislocamento standard: 14.733 t
a pieno carico: 17.273 t
Lunghezza 205,7 m
Larghezza 21,6 m
Pescaggio 8,18 m
Velocità 33 nodi  (61 km/h)
Equipaggio 1677
Armamento
Artiglieria alla costruzione:
Corazzatura cintura: 150 mm
ponte: 76 mm
torri: 76-150 mm
torre di comando: 200 mm

[senza fonte]

voci di classi di incrociatori presenti su Wikipedia

La classe Baltimore era una classe di incrociatori pesanti della United States Navy, armati di 9 cannoni da 203 mm e una gran quantità di cannoni contraerei. Essi apparvero verso la fine della seconda guerra mondiale e pur essendo unità molto moderne, arrivarono tardi per la guerra. I loro scafi erano tuttavia enormi e capaci, per cui vennero tentate alcune ricostruzioni negli anni '50 per valorizzarle secondo le nuove tendenze tecnologiche. Un tipo successivo fu la classe Oregon City.

Riconversione in lanciamissili[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Classe Boston.

Le navi di questa classe furono le prime ad essere trasformate in incrociatori lanciamissili, con due unità che nel 1952 vennero sottoposte a modifiche del loro armamento, in quanto nel corso degli anni cinquanta era iniziata a delinearsi chiaramente l’importanza del missile come strumento per la difesa a lungo e medio raggio, da contrapporre alla minaccia aerea rappresentata dai nuovi velivoli, sempre più sofisticati e avanzati, ai quali l’artiglieria di bordo non era più in grado di costituire un mezzo di contrasto efficace. Le due unità che rappresentarono un banco di prova sperimentale costituirono la classe Boston e rientrarono in servizio nel 1956. Il balzo verso l'era dei missili è ben rappresentato, in maniera decisamente maggiore, dal Columbus, che, entrato in servizio con una poderosa batteria di artiglierie, venne poi totalmente ricostruito nel periodo 1959-62 e armato con 2 lanciamissili Talos a prua e poppa, 2 Tartar a mezza nave, 1 ASROC e 6 radar guidamissili e rappresentava un taglio drastico rispetto alla concezione classica dell'incrociatore armato di cannoni.

USS Quincy (CA-71)

I missili Tartar, normalmente, erano armi stivate con un unico lanciamissili in scafi da cacciatorpediniere, a prua o a poppa, ma qui vennero usati a mezza nave come armi per la difesa ravvicinata (associate ad almeno 2 radar), mentre l'armamento principale era dato dai missili Talos da 180 km di gittata. Si trattava in sostanza di una dotazione totalmente diversa rispetto a quella originaria, sia a livello tecnico che operativo.

Le capacità antiaeree vennero esaltate, con la possibilità teorica di ingaggiare qualunque bersaglio volante a quote tra i 15 e i 20.000 m, e tra gli 1,5 e i 200 km circa di distanza, coprendo per giunta praticamente tutto l'orizzonte dei 360 gradi. In teoria almeno, si trattava di navi ben più potenti delle unità missilistiche moderne, ma bisogna dire che i sistemi d'arma erano all'epoca inaffidabili e con cadenza di tiro ridotta. Questa trasformazione fu talmente radicale che venne scelto di non lasciare nemmeno un cannone a bordo. Il costo deve essere stato estremamente elevato, anche perché tutte le sovrastrutture vennero ricostruite, fumaioli inclusi, ma ha dimostrato come la base di partenza, un incrociatore da 200 m e 13.000 t, fosse ammodernabile in maniera radicale.

La nave non ebbe peraltro modo di mostrare le sue qualità sulle coste del Vietnam perché tornò da un ciclo operativo nel Pacifico giusto nel 1964, quando scoppiò la guerra, e poi venne inviata nel settore dell'Atlantico operando soprattutto in Mediterraneo. Venne aggiornata nel 1971, poi tutto accadde rapidamente, con l'ultima missione nel 1974, messa in riserva nel 1975, radiata nel 1976, venduta per la demolizione nel 1977.

La Northampton era in costruzione durante la parte finale della guerra, quando divenne inutile. Nel 1951 essa venne ricostruita come nave di comando e controllo, con particolare riguardo ad un ruolo durante una guerra nucleare. Essa era praticamente l'antenata dei Boeing 747 'Air force' one attuali. Aveva lo scafo superiore, le sovrastrutture e le dotazioni elettroniche totalmente diverse da quanto originariamente inteso, tanto che era irriconoscibile rispetto ai Baltimore standard, ma si trattata nondimeno di una nave nata come incrociatore di questa classe.

Essa aveva un design avveniristico, specie l'alberatura e la plancia, sovrastrutture maggiorate per avere sia apparati che personale aggiuntivo rispetto al progetto originale (in particolare l'antenna radar posta sull'albero principale), una piattaforma per elicotteri e un solo cannone difensivo, un'arma da 127/54mm sistemata nel settore poppiero.

Immagini[modifica | modifica sorgente]

Classe Oregon City[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Classe Oregon City (incrociatore).

Gli incrociatori classe Oregon City erano incrociatori pesanti, con una discendenza diretta dalla classe Baltimore, con la stessa lunghezza ma con un unico fumaiolo, armamento migliorato con l'introduzione dei cannoni automatici da 76,2mm.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]