Classe Atlanta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Atlanta
USS Atlanta (CL-51).jpg
Descrizione generale
Flag of the United States.svg
Tipo incrociatore leggero antiaereo
Numero unità 11
Proprietario/a Flag of the United States.svg United States Navy
Entrata in servizio 1941-1946
Caratteristiche generali
Dislocamento 6.000 t
Lunghezza 164,9 m
Larghezza 16,1 m
Pescaggio 6,2 m
Propulsione 4 caldaie a vapore
2 turbinee a vapore
Potenza: 75000 HP
Velocità 33.6 nodi
Autonomia 7500 mn a 15 nodi
Equipaggio 673
Armamento
Armamento artiglieria alla costruzione:
  • 8 torrette binate da 127/38mm
  • 3 impianti quadrupli da 28/75mm
    (sostituiti con impianti di calibro da 40mm nel 1942-43)
  • 2 mitragliere singole da 20mm
    (accresciute a 13 nel 1942-43)

siluri: 2 impianti quadrupli da 533mm

  • 6 lanciabombe di profondità
  • 2 scaricabombe di profondità

[senza fonte]

voci di classi di incrociatori presenti su Wikipedia

La classe Atlanta era una classe di incrociatori leggeri della United States Navy, composta da undici unità entrate in servizio tra il 1941 e il 1946; erano navi leggere, e il loro compito principale era la difesa contraerea, tanto che esse erano armate con torri binate da 127/38mm ed operarono per tutta la Seconda guerra mondiale

Descrizione tecnica[modifica | modifica wikitesto]

L'incrociatore USS San Juan (CL-54)
L'incrociatore USS Fresno (CL-121)

Sul piano costruttivo gli Atlanta erano navi a ponte continuo con un accentuato cavallino, la prua aveva fiancate a spigolo. Una novità, che venne poi ripetuta su tutte le altre classi di incrociatori ma in generale su tutte le navi militari americane da allora, fu quella della mancanza di aperture nello scafo. Le sovrastrutture erano suddivise in due blocchi con due alti fumaioli sottili e slanciati.

Propulsione[modifica | modifica wikitesto]

La propulsione, a differenza che per le altre classi di incrociatori americani, era su due assi. Mentre l'apparato evaporatore verteva su quattro caldaie Babcock & Wilcox. La velocità massima operativa era quella classica delle unità maggiori americane cioè 33 nodi. Con l'imbarco di 1435 tonnellate di nafta l'autonomia risultava di circa 7500 mn alla velocità di 15 nodi.

Armamento[modifica | modifica wikitesto]

L'armamento era incentrato sul pezzo multiruolo da 127/38 Mk 12 installato in impianti binati Mk 32 imbarcato sino ad allora come armamento secondario delle corazzate e degli incrociatori e, successivamente, sui caccia delle classi Allen M. Sumner e Gearing. Il cannone navale bivalente da 127/38mm è da considerarsi una delle armi navali di maggior successo della Seconda Guerra Mondiale. Entrato in servizio, nelle prime versioni, nel 1934 era un'arma con una velocità iniziale di circa 800 m/s ed una gittata massima di 16.500 m nel tiro navale e di 11.500 nel tiro antiaereo, la cadenza di tiro era di circa 15 colpi al minuto.

Il numero dei pezzi variò a seconda della serie costruttiva. Le prime quattro unità (CL 51 - CL 54) imbarcavano otto impianti così disposti: sei lungo l'asse longitudinale, tre a prua sovraelevati l'uno rispetto all'altro e tre a poppa anch'essi sopraelevati come a prora, gli altri due erano collocati ai lati a circa due terzi della lunghezza della nave verso poppa. Con la seconda serie (CL 95 - CL 98) il numero dei pezzi venne ridotto a dodici abolendo le due torrette ai lati verso poppavia. Nella terza serie (CL 119 - CL 121) infine, pur mantenendo lo stesso numero di pezzi rispetto alla seconda serie, variò leggermente la disposizione nel senso che le torrette estreme vennero collocate allo stesso livello mentre rimasero sopraelevate solo quelle più interne.

Le unità erano dotate anche di due impianti quadrupli di tubi lanciasiluri da 533mm. Gli impianti erano collocati ai lati della sovrastruttura poppiera immediatamente a proravia delle torrette laterali da 127/38. Tali impianti vennero comunque imbarcati solo sulle prime otto unità venendo sbarcati nei primi anni del dopoguerra.

Le unità[modifica | modifica wikitesto]

Classe Atlanta
Distintivo Ottico Nome Cantiere Impostazione Varo Consegna Sorte
CL-51 Atlanta Federal S.B. & D.D.,Kearny 22 aprile 1940 6 settembre 1941 24 dicembre 1941 Affondato 13 novembre 1942
CL-52 Juneau Federal S.B. & D.D.,Kearny 27 maggio 1940 25 ottobre 1941 14 febbraio 1942 Affondato 13 novembre 1942
CL-53 San Diego Bethlehem Steel Co. Quincy 27 marzo 1940 26 luglio 1941 10 gennaio 1942 Radiato 1 marzo 1959 e demolito
CL-54 San Juan Bethlehem Steel Co. Quincy 15 maggio 1940 6 settembre 1941 28 febbraio 1942 Radiato 1 marzo 1959 e demolito
CL-95 Oakland Bethlehem Steel Co., San Francisco 15 luglio 1941 23 ottobre 1942 17 giugno 1943 Radiato 1 marzo 1959 e demolito
CL-96 Reno Bethlehem Steel Co., San Francisco 1 agosto 1941 23 dicembre 1942 28 dicembre 1943 Radiato 1 marzo 1959 e demolito
CL-97 Flint Bethlehem Steel Co., San Francisco 1 agosto 1941 25 gennaio 1944 31 agosto 1944 Radiato 1 settembre 1965 e demolito
CL-98 Tucson Bethlehem Steel Co., San Francisco 23 dicembre 1942 3 settembre 1944 3 febbraio 1945 Radiato 1 giugno 1966 e demolito
CL-119 Juneau Federal S.B. & D.D.,Kearny 15 settembre 1944 15 luglio 1945 17 maggio 1946 Radiato 15 aprile1972 e demolito
CL-120 Spokane Federal S.B. & D.D.,Kearny 15 novembre 1944 22 settembre 1945 15 febbraio 1946 Radiato 1 novembre 1959 e demolito
CL-121 Fresno Federal S.B. & D.D.,Kearny 12 febbraio 1945 5 marzo 1946 27 novembre 1946 Radiato aprile 1965 e demolito

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Preston Cook, Ezio Bonsignore. “Gli incrociatori contraerei classe ATLANTA”. Aviazione e Marina N° 113, luglio (agosto) 1974, pp. 81-88;
  • Riccardo Nassigh. “L'incrociatore antiaereo in Italia e all'estero dagli anni Venti agli anni Sessanta.”. Rivista Italiana Difesa, N° 10, ottobre 1986, pp. 82-94.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]