USS Long Island (CVE-1)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
USS Long Island (CVE-1)
Cve1a.jpg
Descrizione generale
US Naval Jack.svg
Tipo Portaerei di scorta
Classe Long Island
Impostata 7 luglio 1939
Varata 11 gennaio 1940
Entrata in servizio 2 giugno 1941
Caratteristiche generali
Dislocamento 13 499
Lunghezza 150 m
Larghezza 21,2 m
Pescaggio 7,8 m
Velocità 16,6 nodi  (31 km/h)
Equipaggio 970
Armamento
Mezzi aerei 21 tra Chance Vought F4U Corsair e Douglas SBD Dauntless

[senza fonte]

voci di portaerei presenti su Wikipedia

La USS Long Island (CVE-1), già AVG-1 e successivamente ACV-1, era una portaerei di scorta, unica componente dell'omonima classe Long Island e prima unità della United States Navy a ricoprire quel ruolo.

Varata l'11 gennaio 1940 venne utilizzata durante la seconda guerra mondiale in numerose operazioni nel teatro dell'oceano Pacifico fino al termine del conflitto.

Sopravvissuta agli eventi bellici verrà venduta il 24 aprile 1947.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nata come nave mercantile da 7886 tsl, battezzata Mormacmail[1], venne acquisita nel 1941 dalla US Navy e trasformata nel prototipo della portaerei di scorta, un tipo di portaerei leggera, con scarsi armamento e corazzatura, un limitato tonnellaggio e velocità e un ridotto numero di aerei operativi. La positività di questo tipo di navi era che potevano essere convertite da navi esistenti in modo semplice ed economico, ma queste navi non potevano di norma essere impiegate in compiti di squadra; il loro uso era invece il trasporto di velivoli da una base all'altra e la scorta a convogli mercantili, al centro di una scorta antisommergibili, in modo che la velocità limitata non costituisse un problema.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ USN Ships-USS Long Island (AVG-1, later ACV-1 & CVE-1)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gino Galuppini. La portaerei: storia tecnica e immagini dalle origini alla portaerei atomica. Arnoldo Mondadori Editore (1979).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]