Classe Tench

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Tench
USS Tench
USS Tench
Descrizione generale
US Naval Jack 48 stars.svg
Tipo sommergibile
Classe Tench
Caratteristiche generali
Dislocamento in superficie 1570 t
in immersione 2428
Lunghezza 93.6 m
Larghezza 8,2 m
Profondità operativa 122 m
Propulsione diesel-elettrica:
Velocità in superficie 20 nodi
in immersione 9 nodi
Autonomia 12000 miglia a 10 nodi
in immersione: 100 miglia a 3 nodi
Armamento
Armamento artiglieria alla costruzione: siluri:6 tubi da 533mm a prua e 4 a poppa

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

I sommergibili classe Tench erano i battelli più avanzati tra quelli che prestarono servizio nella US Navy nel corso della Seconda guerra mondiale. Gli esemplari costruiti furono solo soli trentuno dei centoquarantasei progettati per via della fine del conflitto, ma questi battelli rimasero a lungo in servizio nel dopoguerra. Le unità già costruite vennero aggiornate agli standard GUPPY, mentre quelle completate dopo il conflitto vennero costruite direttamente aggiornate a questi standard o aggiornate ai nuovi standard GUPPY.

Servizio[modifica | modifica sorgente]

Le unità di questa classe furono anche le prime ad essere aggiornate agli standard GUPPY, con i sommergibili Odax e Pomodon che furono i primi prototipi di questi aggiornamenti. Successivamente le due unità vennero anche aggiornate agli standard GUPPY II, mentre i sommergibili USS Remora (SS-487), USS Volador (SS-490) e USS Pickerel (SS-524) vennero aggiornati prima agli standard GUPPY II e successivamente agli standard GUPPY III. Gli ultimi due sommergibili, dopo essere stati posti in disarmo, sarebbero entrati a far parte della Marina Militare Italiana. Gli standard GUPPY III facevano a sua volta parte del Programma FRAM.

Cessioni all'estero[modifica | modifica sorgente]

Diverse unità della classe vennero cedute durante la guerra fredda, dopo il loro disarmo a marine di nazioni amiche, nell'ambito del Mutual Defense Assistance Program. L'ultimo sommergibile della Classe Tench è stato in servizio nella marina di Taiwan fino al 18 aprile 2007. Si trattava dell'ex sommergibile americano USS Cutlass (SS-478) che andata in disarmo nel 1971 e successivamente ceduto a Taiwan era stato ribattezzato Hai Shih che in cinese significa leone marino.

I battelli ceduti all'estero vennero così distribuiti:

Battelli museo[modifica | modifica sorgente]

Alcune unità dopo la radiazione sono stati trasformati in museo; si tratta dei sommergibili USS Torsk e USS Requin negli Stati Uniti, di cui il primo all'interno del porto di Baltimora e il secondo a Pittsburgh in Pennsylvania, ed uno in Turchia, il sommergibile turco TCG Uluçalireis ex USS Thornback utilizzato come museo nel Corno d'oro a Istanbul[1], che i turchi avevano intitolato a Uluç Alì l'ammiraglio calabrese che combatté nella battaglia di Lepanto al servizio dell'Impero Ottomano.

I sommergibili Tench della Marina Militare[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Classe Gianfranco Gazzana-Priaroggia (sommergibile).

I sommergibili USS Pickerel e USS Volador all'inizio degli anni settanta vennero ceduti dalla US Navy alla Marina Militare Italiana e ribattezzati Longobardo e Gazzana-Priaroggia prestarono servizio fino ai primi anni ottanta, costituendo la Classe Gazzana-Priaroggia. Queste sono state le prime unità subacquee che hanno preso i loro nomi da comandanti di sommergibili caduti durante la seconda guerra mondiale e decorati di Medaglia d'Oro al Valor Militare. Qualche anno prima una corvetta era stata intitolata alla memoria di Salvatore Todaro comandante del sommergibile Cappellini e decorato di Medaglia d'Oro al Valor Militare che però non era caduto a differenza di Primo Longobardo e Gianfranco Gazzana-Priaroggia mentre era al comando di un sommergibile.

Immagini[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.rmk-museum.org.tr/en/rmk_submarine.htm TCG Uluçalireis Submarine accesso 24 febbraio 2013

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]