Aoba (incrociatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aoba
Nh97727.jpg
Descrizione generale
Naval Ensign of Japan.svg
Tipo incrociatore pesante
Classe classe Aoba
Proprietario/a Naval Ensign of Japan.svg Dai-Nippon Teikoku Kaigun
Cantiere Mitsubishi, Nagasaki
Impostata 25 gennaio 1924
Varata 25 settembre 1926
Entrata in servizio 20 settembre 1927
Destino finale affondato il 28 luglio 1945 nel porto di Kure da attacchi aerei statunitensi
Caratteristiche generali
Dislocamento standard: 8.300 t
Lunghezza 185 m
Larghezza 16 m
Pescaggio 5,8 m
Velocità 34 nodi
Autonomia 7.000 n.mi. a 14 nodi
Equipaggio 625
Armamento
Armamento artiglieria alla costruzione:
  • 6 cannoni da 200 mm
  • 4 cannoni da 120 mm
  • 50 mitragliere antiaeree da 25 mm

siluri:

  • 12 tubi lanciasiluri da 610 mm
Corazzatura ponte: 36 mm
cintura: 76 mm
Mezzi aerei una catapulta per uno o due idrovolanti

[senza fonte]

voci di incrociatori presenti su Wikipedia

L'incrociatore pesante Aoba era una nave da guerra giapponese armata con artiglierie da 203mm, ampiamente usata nella seconda guerra mondiale.

Varato nei cantieri navali Mitsubishi, fu assegnato alla 5ª Divisione incrociatori, e successivamente alla 6ª e 7ª, quasi sempre come nave ammiraglia. Partecipò a diverse importanti battaglie come quella dell'isola di Savo, la battaglia del mar dei Coralli e la battaglia di capo Speranza. In quest'ultima due torri da 203mm vennero messe fuori uso, ed una sala caldaie pesantemente danneggiata. In seguito a ciò la nave venne declassata ad una velocità massima di 25 nodi.

Dopo altre vicende belliche, nelle quali incassò un siluro da un sottomarino statunitense, l'USS Bream, che danneggiò ancora una volta l'apparato motore, arrivato a Kure il 12 dicembre 1944, venne dichiarato irreparabile ed usato come batteria galleggiante. Sottoposto a vari bombardamenti, affondò con la chiglia spezzata il 28 luglio 1945.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • David Brown, Warship Losses of World War Two, Naval Institute Press, 1990, ISBN 1-55750-914-X.
  • Andrieu D'Albas, Death of a Navy: Japanese Naval Action in World War II, Devin-Adair Pub, 1965, ISBN 0-8159-5302-X.
  • Paul S. Dull, A Battle History of the Imperial Japanese Navy, 1941-1945, Naval Institute Press, 1978, ISBN 0-87021-097-1.
  • Stephen Howarth, The Fighting Ships of the Rising Sun: The drama of the Imperial Japanese Navy, 1895-1945, Atheneum, 1983, ISBN 0-689-11402-8.
  • Hansgeorg Jentsura, Warships of the Imperial Japanese Navy, 1869-1945, Naval Institute Press, 1976, ISBN 0-87021-893-X.
  • Eric Lacroix, Linton Wells, Japanese Cruisers of the Pacific War, Naval Institute Press, 1997, ISBN 0-87021-311-3.
  • M.J. Whitley, Cruisers of World War Two: An International Encyclopedia, Naval Institute Press, 1995, ISBN 1-55750-141-6.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina