USS Helena (CL-50)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
USS Helena
La USS Helena nel 1943; si noti la mancanza delle antenne radar "tagliate" dalla censura militare
La USS Helena nel 1943; si noti la mancanza delle antenne radar "tagliate" dalla censura militare
Descrizione generale
US flag 48 stars.svg
Tipo incrociatore leggero
Classe St Louis
Proprietario/a US Navy
Identificazione CL-50
Impostata 9 dicembre 1936
Varata 27 agosto 1939
Entrata in servizio 18 settembre 1939
Destino finale Affondata nel 1943
Caratteristiche generali
Dislocamento 10.000
Lunghezza 185,4 m
Larghezza 18,8 m
Pescaggio 6 m
Velocità 33 nodi  (62 km/h)
Autonomia NumeroMiglia mn a nodi NumeroNodi(Numerokm km a Velocità km/h)
Equipaggio 888
Armamento
Armamento alla costruzione:
  • 15 cannoni da 150 mm
  • 8 cannoni da 130 mm

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La USS Helena (CL-50), seconda nave da guerra statunitense a portare questo nome dalla città di Helena, capitale del Montana, è stata un incrociatore leggero Classe St Louis della US Navy. Venne impostata nei cantieri New York Navy Yard di New York il 9 dicembre 1936, varata il 27 agosto 1939 ed entrò in servizio il 18 settembre 1939.

Servizio[modifica | modifica sorgente]

Anni Trenta[modifica | modifica sorgente]

La seconda guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Il 7 dicembre 1941, giorno dell'attacco a Pearl Harbor, l'Helena era ormeggiato al posto della USS Pennsylvania, motivo per cui divenne bersaglio della prima ondata di aerosiluranti giapponesi. Incassato un siluro, rispose efficacemente al fuoco riuscendo anche a rimanere a galla con una sala macchine ed una sala caldaie allagate.

Durante la campagna di Guadalcanal, partecipò a diverse fasi, compreso il recupero di molti dei superstiti della portaerei Wasp, affondata da aerosiluranti giapponesi. Sopravvisse alle battaglie navali, compresa quella dell'isola di Savo, per essere affondata durante la battaglia del golfo di Kula, il 6 luglio 1943.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina