Circondario di Acqui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Circondario di Acqui
ex circondario
Localizzazione
Stato bandiera Regno d'Italia
Provincia Provincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
Capoluogo Acqui
Data di istituzione 1859
Data di soppressione 1926
Territorio
Coordinate
del capoluogo
44°40′03″N 8°28′07″E / 44.6675°N 8.468611°E44.6675; 8.468611 (Circondario di Acqui)Coordinate: 44°40′03″N 8°28′07″E / 44.6675°N 8.468611°E44.6675; 8.468611 (Circondario di Acqui)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
Cartografia

Circondario di Acqui – Localizzazione

Il circondario di Acqui era uno dei circondari in cui era suddivisa la provincia di Alessandria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'annessione della Lombardia dal Regno Lombardo-Veneto al Regno di Sardegna (1859), fu emanato il decreto Rattazzi, che riorganizzava la struttura amministrativa del Regno, suddiviso in province, a loro volta suddivise in circondari.

Il circondario di Acqui fu creato come suddivisione della provincia di Alessandria; il territorio corrispondeva a quello della soppressa provincia di Acqui del Regno di Sardegna, appartenuta alla divisione di Alessandria.

Con l'Unità d'Italia (1861) la suddivisione in province e circondari fu estesa all'intera Penisola, lasciando invariate le suddivisioni stabilite dal decreto Rattazzi.

Nel 1880 acquisì il comune di Pareto, in precedenza appartenuto al circondario di Savona della provincia di Genova; esso venne assegnato al mandamento di Spigno Monferrato[1].

Il circondario di Acqui venne soppresso nel 1926[2] e il territorio assegnato al circondario di Alessandria[3].

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1863, la composizione del circondario era la seguente[4]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Legge n° 5248 dell'11 gennaio 1880, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 25 del 31 gennaio 1880
  2. ^ Regio Decreto 21 ottobre 1926, n. 1890, art. 1
  3. ^ Regio Decreto 21 ottobre 1926, n. 1890, art. 2
  4. ^ Ministero di Grazia e Giustizia e dei Culti (a cura di), Dizionario dei comuni del Regno d'Italia e tavole statistiche e sinottiche della circoscrizione amministrativa elettorale ed ecclesiastica con la indicazione della popolazione giusta l'ultimo censimento, Torino, Stamperia Reale, 1863

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]