Chicago White Sox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chicago White Sox
Baseball Baseball pictogram.svg
ALC-CWS-Logo.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit left arm pinstripesonwhite.png
Kit right arm pinstripesonwhite.png
Kit trousers pinstripesonwhite.png

Casa

Kit left arm fabregas sportl.png
Kit right arm fabregas sportl.png
Kit trousers beltongrey.png

Trasferta

Kit left arm borderonblack.png
Kit right arm borderonblack.png
Kit trousers pinstripesonwhite.png

Terza

Colori sociali Nero , bianco, argento
Dati societari
Città Chicago
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Lega American League
Division Central
Fondazione 1894
Denominazione Sioux City Cornhuskers (1894)
St. Paul Saints (1895-1899)
(Chicago) White Stockings (1900-1903)
Chicago White Sox (1904–presente)
Presidente Kenny Williams
Proprietario Jerry Reinsdorf
General manager Rick Hahn
Allenatore Robin Ventura (2012-presente)
Sito web chicago.whitesox.mlb.com
Palmarès
World Series 1906,1917,2005
Titoli di League 6
Titoli di Division 5
Wild card Nessuna
Impianto di gioco
U.S. Cellular Field (1991-presente)
40.615 posti

I Chicago White Sox sono una delle squadre professionistiche di baseball della Major League Baseball (MLB), con sede a Chicago, Illinois.

I White Sox, o semplicemente Sox, sono una delle due squadre della città di Chicago, ed esiste una rivalità con l'altra squadra cittadina, i Chicago Cubs, nonostante le due squadre raramente si incontrino, essendo iscritte in due diverse leghe. I Sox sono la squadra della zona sud della metropoli, e per questo sono anche detti South Siders, in contrapposizione ai North Siders, cioè i Cubs, che invece hanno sede nel North Side di Chicago.

I White Sox nel 1919, anno in cui furono protagonisti di uno scandalo-scommesse


Storia[modifica | modifica wikitesto]

La squadra ha vinto tre World Series (2005, 1917, 1906), 3 titoli della Central (2008, 2005, 2000) e 2 West Division titles (1993, 1983).

Nella loro storia i White Sox cambiarono denominazione in molte occasioni: nacquero come Sioux City Cornhuskers nel 1894, per poi trasferirsi a Saint Paul come St. Paul Saints da 1895 al 1899. Nel 1900 avvenne il trasferimento a Chicago con la denominazione White Stockings, per poi diventare White Sox nel 1903.

Il primo campo di gioco fu lo storico South Side Park (III) (1900–1910), seguito dal Comiskey Park, che è stato la casa dei White Sox dal 1910 al 1990, tranne una breve parentesi nelle stagioni 1968 e 1969, giocate al Milwaukee County Stadium. Attualmente i White Sox giocano allo U.S. Cellular Field.

Il Front Office del team è composto da Jerry Reinsdorf, Eddie Einhorn, Robert Mazer, Robert Judelson, Judd Malkin, Allan Muchin, Jay Pinsky, Larry Pogofsky, Lee Stern, Sanford Takiff, Burton Ury, Charles Walsh.

Attualmente i 2 giocatori più rappresentativi sono Paul Konerko e Adam Dunn.

Gli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

1990[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo stadio New Comiskey Park aperto nel 1991 al costo di $ 167 milioni di dollari

Il 1990 fu un anno particolare per i White Sox perché il closer Bobby Thigpen stabilì il nuovo record della storia del club in salvezze con 57.

In oltre cominciarono a crescere vari giocatori fra cui la prima base Frank Thomas, i lanciatori Alex Fernandez e Jack McDowell e soprattutto la terza base Robin Ventura.

In quella stagione i White Sox vinsero 94 partite ma non si classificarono comunque ai playoff per via degli Oakland Athletics che in quella stagione ne vinsero 103.

1993-1994[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993 i White Sox non hanno fallito l'aggancio per le qualificazioni per l'American League Championship Series guidati soprattutto da Thomas, Ventura e il fresco vincitore del premio Cy Young Award Cy Young Award Roberto Hernández chiudendo la stagione regolare con un record di 94-68.

Nei playoff i White Sox furono eliminati dai futuri campioni delle World Series dei Toronto Blue Jays.

Prima dello sciopero dei giocatori, nel 1994 i White Sox guidarono la classifica generale della Central Division.

Gli anni duemila e il titolo[modifica | modifica wikitesto]

2000-2004[modifica | modifica wikitesto]

Ozzie prima giocatore e poi manager vincitore delle World series del 2005

Sotto la gestione del nuovo GM Jerry Manuel, i White Sox costruirono una squadra dal futuro talento con un'età molto giovane che permise al team di raggiungere quota 95 vittorie.

La squadra utilizzò lo slogan "The Kids Can Play" termine che significava che anche i ragazzi possono giocare e malgrando un reparto di lanciatori non di primo ordine spiccò nuovamente Frank Thomas che sfiorò la vittoria del suo terzo titolo MVP aggiudicandosi però il premio Comeback Player of the Year Award.

Il team oltre a Thomas fu circondato da giovani promesse del calibro di Magglio Ordóñez, Paul Konerko, Carlos Lee e José Valentín.

Nel 2003 lo stadio Comiskey Park fu ribattezzato con il nome di U.S. Cellular, un nome di compagnia telefonica che fruttò al team 68 milioni di dollari in 20 anni e la prima apparizione dell'evento All Star nel proprio stadio.

Vittoria delle World Series (2005)[modifica | modifica wikitesto]

Un'immagine panoramica della città di Chicago che supportò il team al titolo delle World Series del 2005


Nel 2005 dopo un avvio dominante nella propria divisione, verso fine stagione i White Sox ebbero un crollo vertiginoso che gli porto in lotta contro i St. Louis Cardinals che videro questi ultimi agganciare i White Sox e superare con 100 vittorie a 99 ma i White Sox vinsero comunque la propria divisione centrale (titolo che mancava dal 2000) distanziando di sei vittorie i Cleveland Indians e arrivando ai playoff come primi della propria divione.

Nei playoff giunsero di fronte ai rivali californiani dei Los Angeles Angels of Anaheim dove trionfarono per 4-1 nella serie con miglior giocatore Paul Konerko.

Successivamente arrivarono alle finali World Series per l'assegnazione del titolo di campione dell'anno contro gli Houston Astros dove trionfarono per 4-0 con il titolo di miglior giocatore delle finali dato a Jermaine Dye e il terzo titolo nella storia della squadra dell'Illinois.

2006-2011[modifica | modifica wikitesto]

esultanza dopo la vittoria ai danni di Minnesota nella Central Division 2008

Nei successivi anni Chicago è stata una delle squadre più forti della Central e American Divison grazie anche a Paul Konerko, Jake Peavy, Adam Dunn e Mark Buehrle che fu capace di realizzare un perfect game con la maglia dei White Sox.

Nel 2008 la squadra ha ottenuto l'ultima vittoria nella Central Division ai danni dei Minnesota Twins.

Successivamente è sempre stata una diretta candidata al titolo della divisione ma si è sempre duvuta arrendere nonostante avesse avuto nelle proprie fila anche giocatori del calibro di Jim Thome (2006-2009) e Manny Ramirez nel 2010.

2012[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 aprile 2012 il giocatore Philip Humber ha messo a segno il terzo gioco perfetto nella storia della squadra durante una partita al Safeco Field di Seattle.

In quella stessa stagione i White Sox stavano concludendo la Central Division come primi assoluti ma successivamente furono superati dai Detroit Tigers.

Il bilancio finale fu di 85-77.

Roster attuale[modifica | modifica wikitesto]

Roster Chicago White Sox
Roster attivo Roster inattivo Staff tecnico

Lanciatori

Ricevitori

Interni

Esterni

Battitori designati

  • Nessuno

Lanciatori

  • Nessuno

Ricevitori Nessuno

Interni

  • Nessuno

Esterni

  • Nessuno


Manager

Coach

Lista infortunati per almeno 60 giorni

  • Nessuno


40 attivi, 0 inattivi, 0 sulla lista infortunati (60 giorni)

Injury icon 2.svg Lista degli infortunati per 7 o 15 giorni
Lista di restrizione
# Congedo personale
A In Arbitration
Roster aggiornato al 15 febbraio 2014
TransazioniGrafico di profondità


Top 5 prospetti 2013[modifica | modifica wikitesto]

Questi sono i primi 5 prospetti selezionati dalle varie Minor league dallo staff dei White Sox. Tutti questi militano sempre nelle leghe minori.

Numeri ritirati[modifica | modifica wikitesto]


Nellie
Fox

2B: 1950–63



Retired 1976
SoxRetired03.PNG
Harold
Baines

RF:1980–89
DH:1996–97,
2000–01
Coach:2004–
Retired 1989
SoxRetired04.PNG
Luke
Appling

SS:1930–50



Retired 1975
SoxRetired09.PNG
Minnie
Miñoso

LF:1951–57,
60–61,76,80


Retired 1983
SoxRetired11.PNG
Luis
Aparicio

SS:1956–62,
68–70


Retired 1984
SoxRetired16.PNG
Ted
Lyons

P:1923–46
M:1946–48
Retired 1983
SoxRetired19.PNG
Billy
Pierce

P:1949–61

Retired 1983
SoxRetired35.png
Frank
Thomas

1B-DH:1990–2005

Retired 2010
SoxRetired72.PNG
Carlton
Fisk

C:1981–93

Retired 1997
SoxRetired42.PNG
Jackie
Robinson

Retired by all
of MLB
Retired 1997

Record Carriera White Sox[modifica | modifica wikitesto]

Ecco i record individuali maturati negli oltre 100 anni della storia dei White Sox, aggiornati al termine della stagione 2012.[1]

Record Battitori

Fuoricampo
  1. Frank Thomas 448
  2. Paul Konerko 415
  3. Harold Baines 221
Punti battuti a casa (RBI)
  1. Frank Thomas 1465
  2. Paul Konerko 1307
  3. Luke Appling 1116
Punti segnati
  1. Frank Thomas 1327
  2. Luke Appling 1319
  3. Nellie Fox 1187
Valide
  1. Luke Appling 2749
  2. Nellie Fox 2470
  3. Frank Thomas 2136

Record Lanciatori

Strikeout
  1. Billy Pierce 1796
  2. Ed Walsh 1732
  3. Red Faber 1471
Salvezze
  1. Bobby Thigpen 201
  2. Bobby Jenks 173
  3. Roberto Hernandez 161

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chicago White Sox Top 10 Batting Leaders. URL consultato il 10 dicembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

baseball Portale Baseball: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di baseball