Castello di Himeji

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 34°50′22″N 134°41′38″E / 34.839444°N 134.693889°E34.839444; 134.693889

Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox struttura militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Castello di Himeji
(EN) Himeji-jo
Château de Himeji02.jpg
Tipo Culturali
Criterio (i) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1993
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Il castello di Himeji (姫路城 Himejijō?) è un edificio a scopo militare che si trova a Himeji, nella prefettura di Hyōgo, in Giappone. Si tratta di una delle più vecchie strutture del periodo Sengoku che siano giunte fino a noi e dal 1993 è stato inserito nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. Insieme ai castelli di Kumamoto e Matsumoto fa parte dei cosiddetti Tre castelli giapponesi, oltre ad essere il più visitato dai turisti. Il castello di Himeji è a volte conosciuto col nome di Hakurojō o Shirasagijō, cioè airone bianco, a causa del suo aspetto esteriore di un colore bianco brillante.

Architettura[modifica | modifica sorgente]

Il castello di Himeji è un tipico esempio di castello giapponese, che contiene molte delle strutture architettoniche e difensive presenti in questo tipo di strutture. Le alte fondazioni in pietra, i muri bianchissimi e l'organizzazione e disposizione degli edifici all'interno del complesso sono un elemento standard di ogni tipico castello giapponese, come anche le postazioni dell'artiglieria e i fori per il lancio di pietre contro il nemico. Il maschio, la struttura centrale del complesso, venne eretto nel 1601.

La più importante, e probabilmente più famosa, struttura difensiva del castello di Himeji è costituita dal dedalo di stradine che conduce al maschio centrale. Le porte d'accesso, i bastioni e le mura esterne sono state costruite in modo da condurre le forze nemiche che volessero avvicinarsi al castello in un percorso a spirale, con numerosi vicoli ciechi, permettendo ai difensori di tenere sotto tiro gli attaccanti per tutto il periodo del loro tentativo di avvicinamento. Il castello non è comunque mai stato attaccato in questo modo, quindi il sistema difensivo non ha potuto dare prova della sua efficacia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il castello venne progettato e costruito nel corso del periodo Nanboku-chō, durante il periodo Muromachi. In questo periodo esso era conosciuto col nome di castello di Himeyama. Nel 1346 Akamatsu Sadanori pianificò la costruzione di un castello ai piedi del monte Himeji, dove Akamatsu Norimura aveva costruito il tempio di Shomyoji. Dopo che Akamatsu cadde in seguito alla ribellione Kakitsu, il clan Yamana si impossessò per breve tempo della struttura, ma dopo la guerra Ōnin essa ritornò in mano alla famiglia Akamatsu.

Nel 1580 Toyotomi Hideyoshi si impossessò del castello e Kuroda Yoshitaka costruì una torre di 3 piani a scopo difensivo. Dopo la battaglia di Sekigahara, nel 1601 Tokugawa Ieyasu assegnò il castello a Ikeda Terumasa, che iniziò un progetto di espansione durato 7 anni e al termine del quale l'edificio raggiunse la forma che in gran parte è quella conservatasi fino ai giorni nostri. L'ultima grande struttura venne costruita nel 1618.

Himeji fu uno degli ultimi possedimenti dei tozama daimyō alla fine del periodo Edo; esso venne tenuto dai discendenti di Sakai Tadasumi fino alla restaurazione Meiji. Nel 1868 il nuovo governo giapponese mandò un esercito da Okayama, agli ordini di uno dei discendenti di Ikeda Terumasa, con l'ordine di espellerne gli occupanti senza danneggiare la struttura.

Con l'abolizione del sistema han del 1871 il castello venne venduto all'asta, comprato dallo stato per 23 yen dell'epoca. Alla fine della seconda guerra mondiale il castello di Himeji venne bombardato ma, benché gran parte dell'area circostante venne rasa al suolo, esso non subì danni sostanziali. Nel 1956 iniziò un lavoro di restauro.

Attualmente il castello di Himeji si trova in una fase di restauro, partita nell'ottobre del 2009, che terminerà nel marzo del 2015 provocando la chiusura sequenziale di alcune aree interne e l'installazione temporanea di impalcature esterne.[1][2]

Cinema e televisione[modifica | modifica sorgente]

Il castello di Himeji appare molto frequentemente nella televisione giapponese. La residenza dell'imperatore del Giappone, conosciuta col nome di Kokyo, non possiede un maschio, così quando una produzione televisiva ha bisogno di una struttura che ne abbia uno solitamente si fa ricorso al castello di Himeji.

Questo edificio appare poi in alcuni famosi film:

Una vista panoramica della città di Himeji dall'alto del castello

Accesso[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità