Memoriale della pace di Hiroshima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Memoriale della pace di Hiroshima
(EN) Hiroshima Peace Memorial
A-Bomb Dome close-up.jpg
Tipo Culturali
Criterio (vi)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1996
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Il Memoriale della pace (原爆ドーム Genbaku Dome?, "Cupola della bomba atomica") è un sito appartenente dal 1996 alla lista dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO che si trova a Hiroshima, in Giappone.

L'edificio venne progettato dall'architetto ceco Jan Letzel e la sua costruzione terminò nel mese di aprile del 1915: il palazzo fu destinato a ospitare la fiera commerciale della prefettura di Hiroshima. Esso cambiò nome varie volte, ma ebbe sempre scopi prettamente commerciali.

Il 6 agosto 1945 l'esplosione nucleare avvenne a pochissima distanza dall'edificio (l'ipocentro era situato a soli 150 metri), che fu la struttura più vicina fra quelle che resistettero alla bomba. Questa costruzione rimase nello stesso stato in cui si trovava subito dopo l'attacco atomico, e viene oggi utilizzata come un monito a favore dell'eliminazione di ogni arsenale nucleare e un simbolo di speranza e pace.

Va detto che la Cina avanzò dei dubbi riguardo all'inserimento del Memoriale della pace fra i Patrimoni dell'umanità, e che anche il delegato statunitense si dissociò dalla decisione. La Cina sostenne che il monumento poteva essere usato per minimizzare le gravissime perdite subite dagli stati nemici del Giappone e le responsabilità di quest'ultimo durante la seconda guerra mondiale, mentre gli Stati Uniti affermarono che un tale memoriale avrebbe omesso il necessario contesto storico[1].

Galleria di immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Motivazioni di Cina e Stati Uniti contro l'iscrizione del Memoriale della Pace di Hiroshima. URL consultato il 27-10-2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]