Ipocentro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'ipocentro (2) è il punto di origine del terremoto, sul piano di faglia (3). La sua proiezione in superficie è l'epicentro(1)

L'ipocentro o fuoco, (dal greco ὑπόκεντρον= sotto il centro) è il punto all'interno della Terra dove inizia a propagarsi la frattura che genera un terremoto. L'ipocentro si trova verticalmente sotto l'epicentro e la distanza tra epicentro e ipocentro è detta profondità focale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

A seconda della profondità dell'ipocentro si distinguono:

  • Terremoti superficiali, profondità da 0 a 70 km.
  • Terremoti intermedi, profondità da 70 a 300 km.
  • Terremoti profondi oltre i 300 km.

La profondità focale può raggiungere i 700 km; meno profondo è l'ipocentro e maggiori sono gli effetti del terremoto in superficie.

In particolare, se l'ipocentro si trova a bassa profondità, la zona interessata e sconvolta dal sisma (detta area epicentrale) risulterà molto ridotta. Per contro, se il terremoto è profondo (ipocentro a grande profondità), l'area epicentrale è più vasta.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.ips.it/scuola/concorso/terremoti/home3.htm

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


scienze della Terra Portale Scienze della Terra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scienze della Terra