Civilization Revolution

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Civilization Revolution
Sviluppo Firaxis
Pubblicazione 2K Games
Serie Civilization
Data di pubblicazione PAL 13 giugno 2008
Nord america 8 luglio 2008
Genere Strategia a turni
Tema Storia
Piattaforma PlayStation 3, Xbox 360, Nintendo DS, iPhone OS
Fascia di età BBFC: PG
CERO: B
ESRB: E10+
OFLC (AU): PG
PEGI: 12, violenza
USK: 6

Civilization Revolution (nome completo Sid Meier's Civilization Revolution) è un videogioco della serie di Civilization. La serie è stata creata da Sid Meier per il Microsoft Windows, ma questo capitolo è solo per console e dispositivi mobili: Xbox 360, PlayStation 3, iOS (agosto 2009) e Windows Phone (aprile 2012).

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è simile a Civilization IV, con la sola differenza che in certi compiti il gioco è più complicato. In questo videogioco strategico bisogna portare una nazione (fra le 16 presenti) dall'età della pietra all'era spaziale cercando di ottenere o una vittoria per dominazione (conquistare tutte le capitali nemiche) o una vittoria culturale (ottenere/costruire personaggi famosi/meraviglie) o una vittoria economica (ottenere 20'000 pezzi d'oro) o una vittoria tecnologica (mandare una propria colonia a bordo di un'astronave fino ad Alpha Centauri). Il mondo è ad ogni partita diverso dal precedente e il giocatore deve esplorarlo. Il gioco prosegue a turni, il che vuol dire che il giocatore ha tutto il tempo che gli serve per pensare alla strategia giusta. Il totale di partite vincenti che si possono giocare ottenendo un emblema dorato è di 3200 il che rende praticamente "infinito" il gioco.

Nazioni disponibili[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Comandanti
Inghilterra Elisabetta I d'Inghilterra
Giappone Tokugawa Ieyasu
Aztechi Montezuma II
Cina Mao Zedong
India Mohandas Gandhi
Mongolia Genghis Khan
Roma Giulio Cesare
Egitto Cleopatra
Francia Napoleone Bonaparte
Arabia Saladino
Grecia Alessandro Magno
Spagna Isabella I di Castiglia
Germania Otto von Bismarck
Zulu Shaka
Russia Caterina II di Russia
America Abraham Lincoln
  • L'Inghilterra è molto potente sul mare e parte con la conoscenza la monarchia, il che aumenta la cultura e permette di commerciare tintura.
  • I Giapponesi possono crescere tecnologicamente prima degli altri. Nel gioco infatti, per poter ottenere nuove tecnologie bisogna occupare tratti di mare sacrificandone però altri all'agricoltura, e questo rende le città molto meno capaci di crescere. Tuttavia, essi ottengono un bonus sul cibo se controllano tratti di mare, riuscendo a crescere senza dovere ricorrere all'agricoltura, anche se un po' più lentamente.
  • Gli Aztechi hanno fin dall'inizio il bonus di 25 pezzi d'oro e di potere curare le proprie unità militari dopo aver subito perdite, riuscendo ad attaccare ad ogni turno (per le altre civiltà infatti bisogna attendere un turno per curare una sola unità).
  • I Cinesi partono con una città più grande delle altre e colonizzando altri territori le città nuove avranno lo stesso bonus. Questo favorisce una loro grande crescita.
  • Gli Indiani possono usare subito tutte le risorse disponibili, inaccessibili alle altre civiltà.
  • I Mongoli ricevono a gioco già avanzato un bonus di produzione dalle montagne e ogni qualvolta avessero conquistato un villaggio barbaro esso si sarebbe unito alla civiltà diventando una nuova città.
  • I Romani ottengono una vittoria culturale rapidamente perché ricevono diversi bonus sulla costruzione delle meraviglie e l'acquisizione di nuovi grandi personaggi.
  • Gli Egiziani partono già con una meraviglia antica (probabilmente le Piramidi) e con un bonus di +1 su cibo e scienza dalle zone desertiche.
  • L'Impero Napoleonico comincia il gioco con una solenne cattedrale riuscendo a sbloccare nuovi grandi personaggi precocemente.
  • Gli Arabi sono una civiltà adatta per incominciare, sono facili da usare ma senza bonus particolarmente utili.
  • L'Impero Macedone Greco comincia il gioco con un palazzo di giustizia permettendo di potere controllare il doppio dei territori (cosa che anche le altre civiltà, quando avranno ottenuto questo bonus potranno usufruirne).
  • La Spagna inizia con la conoscenza della navigazione ed è in grado quindi di costruire velieri e porti.
  • L'Impero Germanico possiede fin dall'inizio bonus maggiori per le unità militari.
  • Gli Zulu hanno il bonus dall'inizio di poter spostare qualsiasi unità di uno spazio in più.
  • I Russi crescono velocemente col fatto che ricavano un bonus di +1 cibo per ogni casella di pianura.
  • Gli Americani, infine, ottengono all'inizio del gioco un nuovo personaggio e durante il gioco una maggiore rapidità nel produrre unità militari.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Il videogioco è stato premiato al BATFA come migliore videogioco strategico del 2009.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Civilization Revolution premiato ai BAFTA, Spaziogames.it, 12-3-2009. URL consultato il 12-3-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi