Carlo I di Romania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo I
Carlo I di Romania.
Carlo I di Romania.
Re di Romania
Stemma
In carica 18661881 (Domnitor)
18811914 (Re)
Predecessore Alexandru Ioan Cuza (Domnitor)
Successore Ferdinando I
Nascita Sigmaringen, 20 aprile 1839
Morte Sinaia, 10 ottobre 1914
Casa reale Hohenzollern-Sigmaringen
Padre Carlo Antonio di Hohenzollern-Sigmaringen
Madre Principessa Giuseppina di Baden
Consorte Elisabetta di Wied
Figli Maria
Firma Carol of Romania - signature.png

Carlo I di Romania, nato principe Karl Eitel Friedrich Zephyrinus Ludwig von Hohenzollern-Sigmaringen (20 aprile 183910 ottobre 1914), nato come principe della casa di Hohenzollern-Sigmaringen, fu eletto Domnitor (Signore) di Romania nell'aprile 1866, a seguito del rovesciamento del potere di Alexandru Ioan Cuza, e fu proclamato Re di Romania il 26 marzo 1881.

Fu il primo dei quattro sovrani della dinastia Hohenzollern-Sigmaringen, che regnò sulla nazione fino alla proclamazione della repubblica alla fine del 1947.

Durante il suo regno, condusse personalmente le truppe rumene durante la guerra russo-turca del 1877-'78 e assunse il comando dell'esercito russo-rumeno durante l'assedio di Pleven. La nazione raggiunse la piena indipendenza dall'Impero Ottomano con il Trattato di Berlino e acquisì la parte meridionale della Dobrogia dalla Bulgaria nel 1913. La politica interna era ancora dominata dalle ricche famiglie di proprietari terrieri organizzate contro il Partito liberale e contro il Partito conservatore, che condussero le grandi rivolte dei contadini in Valacchia (parte meridionale della Romania) nell'aprile 1888 e in Moldavia (la metà settentrionale della Romania) nel marzo 1907.

Sposò Elisabetta di Wied nel 1869; la loro unica figlia, Maria, morì all'età di tre anni.

La mancanza di figli di Carlo lasciò il fratello maggiore Leopoldo primo in linea di successione. Nell'ottobre 1880 Leopoldo rinunciò al diritto di successione in favore del figlio Guglielmo, che a sua volta cedette il trono otto anni dopo al fratello minore, il futuro re Ferdinando.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Carlo nacque a Sigmaringen come Principe Karl von Hohenzollern Sigmaringen. Era il secondo figlio di Carlo Antonio, Principe di Hohenzollern-Sigmaringen e della moglie Principessa Giuseppina di Baden. Dopo aver concluso gli studi elementari, Carlo entrò nella Scuola per Cadetti di Münster e nel 1857 frequentò i corsi della Scuola di Artiglieria di Berlino. Fino al 1866, quando accettò la corona di Romania, fu un ufficiale tedesco. Prese parte nella seconda guerra dello Schleswig, in particolare all'assalto alla cittadella di Fredericia e a Dybbøl, esperienze che gli furono molto utili durante la guerra russo-turca.

Anche se era abbastanza esile e non molto alto, il principe Carlo era ritenuto un ottimo soldato, in salute e disciplinato, e un bravo politico dalle idee liberali. Conosceva molte lingue europee e la sua famiglia era imparentata con i Bonaparte, infatti godeva di relazioni molto strette con Napoleone III di Francia. La Romania all'epoca era sotto influenza della cultura francese e la raccomandazione di Napoleone del Principe Carlo pesava molto negli ambienti politici rumeni, come anche pesava la parentela con la famiglia reale prussiana. Ion Brătianu fu il politico rumeno inviato a negoziare con Carlo e la sua famiglia la possibilità di incoronazione al trono di Romania.

Verso la Romania[modifica | modifica wikitesto]

L'ex sovrano rumeno Alexandru Ioan Cuza era stato espulso dal Paese e la Romania era nel caos. Siccome la sua elezione era stata l'unica ragione dell'unione della Valacchia e della Moldavia all'interno del Principato danubiano, la nazione correva il serio pericolo della dissoluzione.

Il giovane Carlo dovette viaggiare in incognito per Düsseldorf-Bonn-Friburgo-Zurigo-Vienna-Budapest, a causa del conflitto esistente tra il suo paese e l'Impero austriaco. Viaggiò con il nome falso di Karl Hettingen e quando mise piede sul suolo rumeno, Brătianu gli si inginocchiò davanti e gli chiese di unirsi a lui nella carrozza (al tempo la Romania non disponeva di ferrovie).

Il 10 maggio 1866 Carlo entrò a Bucarest. La notizia del suo arrivo era stata trasmessa tramite telegrafo e il nuovo sovrano fu salutato da una grande folla, ansiosa di vederlo. A Băneasa gli furono consegnate le chiavi della città; come segno del destino, il suo arrivo fu salutato da una lunga pioggia dopo un lungo periodo di siccità. Il nuovo sovrano pronunciò il giuramento in francese: "Giuro di difendere le leggi della Romania, di preservare i suoi diritti e l'integrità del suo territorio".

La Costituzione[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia di Carlo I.

Immediatamente dopo l'arrivo nel Paese, il Parlamento della Romania adottò il 29 giugno 1866 la prima Costituzione, una delle più avanzate dell'epoca, in quanto permetteva lo sviluppo e la modernizzazione dello stato della Romania. Con una mossa audace, la Costituzione scelse di ignorare l'allora dipendenza della nazione dell'Impero Ottomano, costruendo la via per l'indipendenza.

L'articolo 82 diceva: "I poteri del sovrano sono ereditari e hanno inizio da Sua Maestà, il Principe Carlo I di Hohenzollern-Sigmaringen, in linea maschile attraverso il diritto del primogenito, con l'esclusione delle femmine e della loro prole. I discendenti di Sua Maestà dovranno essere allevati con religione Ortodossa orientale".

Dopo la proclamazione dell'indipendenza (1877), la Romania divenne uno stato sovrano a tutti gli effetti. Dal 1878 Carlo ebbe il titolo di Altezza Reale (Alteţă Regală). Il 15 marzo 1881 fu modificata la Costituzione per affermare, tra le altre cose, che da allora il Capo di Stato sarebbe stato chiamato Re, mentre l'erede sarebbe stato detto Principe reale. Nello stesso anno Carlo fu incoronato Re.

L'idea di base di tutte le costituzioni reali della Romania era che il re comanda senza governare.

Re devoto[modifica | modifica wikitesto]

Si ritiene che Carlo fosse una persona fredda, sempre attento al prestigio della dinastia che aveva fondato. La moglie, Elisabetta, diceva che il re portava la corona anche la notte; il sovrano era infatti molto meticoloso e cercava di imporre il proprio stile su tutti coloro che lo circondavano. Anche se devoto al suo ruolo di principe e re rumeno, non dimenticò mai le sue radici tedesche.

In 48 anni di regno (il regno più lungo di ogni principe rumeno mai esistito), aiutò la Romania a riconquistare l'indipendenza, aumentando il suo prestigio, ristabilendo l'economia e stabilendo una dinastia. Nel Carpazi, costruì il Castello di Peleș, ancora oggi una delle attrazioni turistiche più attrattive. Il castello fu costruito in stile tedesco, in memoria delle origini del re, Durante il suo regno, furono costituite anche le prime università rumene a Iași e a Bucarest. Dopo la guerra russo-turca, la Romania ebbe la Dobrugia e Carlo ordinò la costruzione del primo ponte sul Danubio, tra Fetești e Cernavodă, collegando la provincia neo-acquisita con il resto del Paese.

La fine del regno[modifica | modifica wikitesto]

Il lungo regno di Carlo aiutò il veloce sviluppo dello stato rumeno, ma verso la fine del suo regno e con l'inizio della Prima guerra mondiale, il re di origine tedesca volle entrare in guerra al fianco delle Potenze Centrali, mentre l'opinione pubblica rumena stava dalla parte della Triplice Intesa. Carlo aveva firmato un trattato segreto nel 1883 che aveva legato la Romania alla Triplice Alleanza, e anche se il trattato poteva essere attivato solo in caso di attacco da parte dell'Impero russo verso uno degli stipulatori del trattato, Carlo fu convinto che la cosa più conveniente e onorevole da fare era quella di entrare in guerra a fianco dell'Impero tedesco.

Carlo tenne una riunione di emergenza con i membri del governo, parlando loro del trattato segreto e esponendo le sue opinioni. Una delle cause della sua morte, avvenuta il 27 settembre/10 ottobre 1914 potrebbe essere dovuta al forte disaccordo che trovò nel governo. Il futuro re Ferdinando, sotto l'influenza della moglie Maria di Sassonia-Coburgo-Gotha, principessa britannica, fu meglio disposto ad ascoltare il volere dell'opinione pubblica.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze rumene[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine della Stella di Romania - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Stella di Romania
— 22 maggio 1866
Gran Maestro (e fondatore) dell'Ordine della Corona - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro (e fondatore) dell'Ordine della Corona
— 14 marzo 1881
Gran Maestro (e fondatore) dell'Ordine di Carol I - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro (e fondatore) dell'Ordine di Carol I
— 10 maggio 1906

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 1878
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1878
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
— 1878
Cavaliere di II classe dell'Ordine Imperiale di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II classe dell'Ordine Imperiale di San Giorgio
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Luigi d'Assia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Luigi d'Assia
Croce al merito militare di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito militare di I classe
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini
— 10 aprile 1879

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principe di Romania Successore
Alexandru Ioan Cuza 1866 - 1881 diventato Re
Predecessore Re di Romania Successore
nessuno 1881 - 1914 Ferdinando I

Controllo di autorità VIAF: 34630268 LCCN: n89664720