Antonio Luigi di Hohenzollern-Sigmaringen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Luigi di Hohenzollern-Sigmaringen
Antonio Luigi di Hohenzollern-Sigmaringen
Antonio Luigi di Hohenzollern-Sigmaringen in un ritratto d'epoca
Principe di Hohenzollern-Sigmaringen
Stemma
In carica 1785-1831
Predecessore Carlo Federico
Successore Carlo
Nascita Sigmaringen, 20 giugno 1762
Morte Sigmaringen, 17 ottobre 1831
Dinastia Hohenzollern-Sigmaringen
Padre Carlo Federico di Hohenzollern-Sigmaringen
Madre Giovanna di Hohenzollern-Berg
Coniuge Amalia Zefirina di Salm-Kyrburg
Religione cattolicesimo

Antonio Luigi di Hohenzollern-Sigmaringen, detto anche Antonio Ludovico (Sigmaringen, 20 giugno 1762Sigmaringen, 17 ottobre 1831), è stato dal 1785 al 1831 Principe di Hohenzollern-Sigmaringen.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Antonio Luigi era figlio del Principe Carlo Federico di Hohenzollern-Sigmaringen e di Giovanna di Hohenzollern-Berg. Egli trascorse la propria giovinezza a 's-Heerenberg e nei possedimenti olandesi di sua madre, e solo successivamente venne educato presso le università di Friburgo in Brisgovia e Ingolstadt.

Nel 1785 succedette al trono paterno e più tardi ottenne dalla madre defunta anche i di lei vasti possedimenti in Olanda tra i quali spiccavano la contea di Berg-'s-Heerenberg. Nel 1790 presenziò all'incoronazione dell'imperatore Leopoldo II.

Allo scoppio della Rivoluzione francese, per sicurezza, Antonio Luigi decise di abbandonare il proprio territorio e rifugiarsi a Vienna facendo ritorno in patria solo nel 1796. Nel 1802, dopo gli interventi del Bonaparte in quell'area, perse i propri possedimenti olandesi, ricevendone in cambio la signorìa di Glatt e i monasteri secolarizzati di Inzigofen e Buseck come risarcimento.

Nel 1806, il principe decise di unirsi alla Confederazione del Reno in cambio della garanzia della piena sovranità sui propri territori. I suoi territori, inoltre, erano stati dal matrimonio connessi con la Francia attraverso il possedimento dei domini di Achberg e Hohenfels che gli vennero riconosciuti anche dal Congresso di Vienna, riunione alla quale lo stesso Antonio Luigi prese parte ottenendo anche la restituzione dei propri ex domini passati sotto la dominazione napoleonica alla Baviera ed alcuni territori nei Paesi Bassi. Nel 1815 il principato divenne membro della Confederazione germanica.

Sotto il governo del principe Antonio Luigi venne costruita la cosiddetta Fruchtkasten ("scatola di frutta"), ovvero il Castello di Sigmaringen, il quale veniva così definito per essere contraddistinto da un grande edificio centrale di cinque piani, interamente realizzato tra il 1815 ed il 1817.

Matrimonio e figli[modifica | modifica sorgente]

Antonio Luigi sposò il 13 agosto 1782 Amalia Zefirina di Salm-Kyrburg (1760-1841), figlia del Principe Filippo Giuseppe di Salm-Kyrburg, dalla quale ebbe i seguenti eredi:

  • un figlio maschio (nato e morto nel 1783)
  • Carlo (1785-1853), Principe di Hohenzollern-Sigmaringen

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera (Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera (Prussia)
Cavaliere di I Classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa (Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa (Prussia)
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto (Regno di Baviera) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto (Regno di Baviera)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine reale delle Due Sicilie (Regno napoleonico delle Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine reale delle Due Sicilie (Regno napoleonico delle Due Sicilie)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Günter Schmitt: Sigmaringen. In: Ders.: Castle leader Swabian Alb. Volume 3: Danube valley. Walk and discover between Sigmaringen and Tuttlingen. P. 41-62. Biberacher publishing house printering. Beaver oh 1990. ISBN 3-924489-50-5
Predecessore Principe di Hohenzollern-Sigmaringen Successore Flag of Hohenzollern-Hechingen and Sigmaringen.png
Carlo Federico 1785-1831 Carlo