Bernard Tapie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bernard Tapie
Bernard Tapie 2010 cropped.JPG

Europarlamentare
Durata mandato 1994 –
1997

Dati generali
Partito politico Énergie Radicale

Bernard Tapie (Parigi, 26 gennaio 1943) è un imprenditore, politico e attore francese di cinema e teatro.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È stato un parlamentare del Partito Socialista Francese, proprietario dell'Adidas dal 1990 al 1993 e presidente dell'Olympique Marsiglia tra il 1986 e il 1994.

Politica[modifica | modifica sorgente]

Iscritto al Partito Socialista di Francia, è stato Deputato dal 1989 al 1996 e Ministro delle città durante la presidenza di François Mitterrand (1992-1993). È stato anche consigliere regionale in Provenza-Alpi-Costa Azzurra e promotore di una nuova formazione politica, Énergie Radicale, capace di ottenere il 12,03% alle Elezioni europee del 1994 con 13 eletti, ma sciolta dopo pochi mesi. Alle Elezioni presidenziali francesi del 2007 dichiarò di votare Nicolas Sarkozy, in quanto non condivideva il programma della candidata socialista Ségolène Royal.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Tapie nel 2012

A livello sportivo è ricordato, oltre che per la fondazione della squadra ciclistica La Vie Claire, per i suoi trascorsi all'Olympique Marsiglia dal 1986 al 1994, rendendo il club calcistico cittadino uno dei più affermati sia a livello nazionale che in ambito europeo.

Durante la sua gestione il club vinse quattro Scudetti consecutivi dal 1989 al 1992, una Coppa di Francia, nel 1989, e una Coppa dei Campioni nel 1993, dopo essere stato finalista nel 1991.

Ha scoperto i grandi nomi del calcio francese e mondiale, come Jean-Pierre Papin, Pallone d'oro 1991, Abédi Pelé, Pallone d'oro africano nel 1991, 1992 e 1993, Didier Deschamps, Marcel Desailly, Fabien Barthez, Jocelyn Angloma, Franck Sauzée, Enzo Francescoli e Chris Waddle.

Nel 1994 venne coinvolto nell'Affaire VA-OM, una vicenda di corruzione avvenuta l'anno precedente, in cui emerse che alcuni giocatori del Valenciennes erano stati corrotti da alcuni tesserati marsigliesi per farli vincere una gara di campionato in cambio di soldi per risparmaire energie in vista della finale europea contro il Milan.

Tapie venne squalificato dalla FFF nel 1994[1] e, a livello penale, venne condannato a due anni di galera nel 1995[2], scontati nel 1997 con otto mesi di detenzione in isolamento[3]. Successivamente tornò all'OM come direttore sportivo tra il 2001 e il 2002.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Nel 1996 esordisce da attore nel film Uomini e donne, istruzioni per l'uso e dal 2003 al 2008 è stato protagonista della serie TV Il commissario Valence.

Nel 2001 venne girato un film-documentario sulla sua persona, inerente alla sua irresistibile ascesa ma anche alla sua rumorosa caduta, intitolato Who Is Bernard Tapie? e diretto dalla regista statunitense Marina Zenovich.

Ha recitato anche a livello teatrale tra il 2000 e il 2008 con l'adattamento del film Qualcuno volò sul nido del cuculo (2000) e con gli spettacoli Un beau salaud (2005), Oscar (2008).

Vicende giudiziarie e condanne[modifica | modifica sorgente]

Bernard Tapie ha avuto diverse condanne penali nel corso degli anni:

  • 2 anni per corruzione in ambito dell'Affaire VA-OM[2].
  • 18 mesi per frode fiscale nel 1997[4].
  • 3 anni di carcere e 5 anni di divieto dalle cariche pubbliche per falsificazione e appropriazione indebita di beni aziendali ai tempi dell'OM (condanna del 4 giugno 1998).

Nel 2010 è risultato assolto[5], dopo un processo di circa vent'anni, dalle accuse di bancarotta nell'inchiesta sul crac finanziario delle sue holding.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Di Bernard Tapie[modifica | modifica sorgente]

Su Bernard Tapie[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Con Bernard Tapie[modifica | modifica sorgente]

Su Bernard Tapie[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Clamoroso in Francia: Marsiglia in B, Tapie fuori dal calcio, Bernes radiato
  2. ^ a b Seconda condanna per Tapie
  3. ^ S' arrende la "canaglia" Tapie
  4. ^ Nuova condanna per Tapie. Altri 18 mesi in carcere
  5. ^ articolo sul quotidiano online "il sole 24 ore"
  6. ^ Je ne crois plus les filles
  7. ^ Passeport pour le soleil
  8. ^ Tu l'oublieras

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 72190961