883 (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
883
Paese d'origine Italia Italia
Genere Pop[1][2][3]
Periodo di attività 1991-2003
Etichetta Fri Records
Warner Music Italy
Album pubblicati 11
Studio 6
Raccolte 5
Logo 883.svg

Gli 883 (da leggersi otto otto tre) sono stati un gruppo musicale italiano fondato e composto inizialmente da Max Pezzali e Mauro Repetto e successivamente da Pezzali e altri musicisti.

Con i primi due album, Hanno ucciso l'uomo ragno e Nord sud ovest est, gli 883 si sono distinti nel panorama pop italiano per i testi giovanili e originali diventati un manifesto sonoro e un'icona degli anni novanta italiani.[4][5][6]

Nonostante siano principalmente classificati come un gruppo di musica pop,[1][7] la loro carriera musicale ha attraversato anche altri generi come la dance e soprattutto il rock.[8][9]

Storia del gruppo[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

La storia degli 883 inizia a Pavia negli anni ottanta, quando i due compagni di scuola Pezzali e Repetto cominciano a scrivere canzoni. La prima occasione per mostrare il loro talento artistico arriva nel 1989, partecipando alla trasmissione 1-2-3 Jovanotti, condotta dall'allora emergente Lorenzo Cherubini, alias Jovanotti. I due si fanno chiamare "I Pop" (dal gioco di parole "Hip-Hop") e presentano un repertorio di brani in inglese (uno di questi intitolato Live in the Music) dalle sonorità rap. L'esperienza pare concludersi lì e sembra non produrre alcun seguito.

Hanno ucciso l'uomo ragno (1991-1992)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Hanno ucciso l'uomo ragno.

In realtà, qualche tempo dopo, l'incontro con Claudio Cecchetto si rivela decisivo, e i due iniziano a lavorare su nuovi pezzi, stavolta in italiano, cambiando il nome del gruppo da "I Pop" a "883", prendendo spunto dalla cilindrata della moto Harley-Davidson Sportster, di cui sono grandi appassionati. Pezzali e Repetto partecipano al Festival di Castrocaro del 1991, con il pezzo Non me la menare. Non vincono, ma ottengono successo: Pezzali (l'unico dei due a cantare) per la sua voce, Repetto per il suo modo di tenere la scena (quest'ultimo infatti, pur essendo coautore delle canzoni, sul palco si limitava a ballare). Inoltre, inizia a farsi riconoscere quello stile che per molti anni sarà una sorta di "marchio di fabbrica" del progetto: testi diretti principalmente ai giovani, ricchi di slang e frasi tipiche dei ragazzi, che raccontano situazioni ordinarie e quotidiane in cui è facile identificarsi[5]. Qualche tempo dopo esce il secondo singolo, 6/1/sfigato.

Nel 1992 esce il primo album del gruppo, intitolato Hanno ucciso l'uomo ragno, in cui si mescolano melodie pop e rock e, in alcune occasioni, anche hip hop[5]. Particolare è la copertina, in puro stile pop art, in cui Max e Mauro compaiono ritratti in un fumetto, mentre osservano un gruppo di gente che, sul tetto di un grattacielo, circonda un cadavere coperto da un lenzuolo. Il singolo omonimo diviene un tormentone dell'estate del 1992 e l'album arriva a vendere 650.000 copie senza alcun supporto pubblicitario e senza la realizzazione di nessun videoclip[10]. L'album conquista quasi subito la prima posizione tra gli album più venduti in Italia e porta gli 883 al primo Telegatto come rivelazione dell'anno e come miglior album, al World Music Awards come miglior artista italiano e al premio come rivelazione dell'anno a Vota la voce[11].

Nord sud ovest est (1993)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Nord sud ovest est.

Pezzali e Repetto (che firmano in coppia la maggior parte dei pezzi) per contratto devono pubblicare un album anche nel 1993, e così accade con Nord sud ovest est. Lanciato da pezzi come Sei un mito e Come mai, l'album supera il successo del precedente con oltre 1.350.000 copie vendute[10]. L'album vince l'edizione 1993 del Festivalbar, il terzo e quarto Telegatto (come migliore band dell'anno e per il miglior album) e per il secondo anno di fila il World Music Awards. Con Come mai (in coppia con Fiorello, anche lui allora in forze alla scuderia di Cecchetto) vincono invece il Festival Italiano[12]. Anche da questo album furono tratti numerosi singoli che lo mantennero stabilmente al numero uno della classifica di vendite per diversi mesi. Visto il successo, Nord sud ovest est uscì anche in versione VHS, con tutti i videoclip delle canzoni dell'album, vendendo circa 130.000 copie[10]. Sia per l'album che per la VHS viene usata la stessa copertina, di nuovo a fumetti: stavolta Pezzali e Repetto sono nel deserto, fermi con la moto davanti ad un crocevia che riporta il titolo sui cartelli stradali. Gli 883 sono ormai un fenomeno di costume: infatti con testi poco impegnativi ma sinceri e diretti, narravano i problemi stereotipati degli adolescenti che non si sentono ascoltati dalla società. Da questo punto di vista anche Edmondo Berselli, sociologo, scrisse nel suo libro Canzoni[13]:

« Possibile che nessuno si sia accorto che gli 883 rappresentano innanzitutto un operazione sociologica, magari irritante ma irrilevante proprio no? Possibile che nessuno abbia sospettato che rappresentino quel pezzo d'Italia che viene su fino a noi dagli anni Cinquanta? »

L'addio di Mauro Repetto e i nuovi 883 (1993-1994)[modifica | modifica sorgente]

Dopo un tour nelle discoteche tra il 1993 e il 1994 la formazione originale degli 883 entra in crisi e si scioglie. L'ultimo lavoro del duo è Remix '94, una raccolta dei principali pezzi dei primi due album in versione remixate dai djs più in voga del momento, con l'aggiunta dell'unico inedito Chiuditi nel cesso. Ebbe un certo successo nelle discoteche e si posizionò al numero 16 tra gli album più venduti del 1994 con 270.000 copie, nonostante l'assenza di promozione. Repetto, però, non riesce a reggere le necessità e le richieste del successo, si domanda se quella è la strada che vuole percorrere. Il sabato di Pasqua, dopo essersi visti, all'affermazione di Pezzali: "Ok Mauro, ci vediamo lunedì alle 14", Repetto replica: "Max, io credo che me ne vado". Lasciato il marchio 883 all'amico, Mauro termina qui la sua carriera nel gruppo[14].

Max Pezzali si ritrova così da solo (gli 883 non avevano una band, poiché i suoni erano prodotti con un sintetizzatore) e, sempre solo, partecipa al Festival di Sanremo 1995 con il brano Senza averti qui, piazzandosi ottavo. Partecipa al Festival anche come autore, scrivendo Finalmente tu per Fiorello, che si aggiudica il quinto posto in classifica[15].

Nell'estate del 1995, Pezzali presenta la nuova band 883[16]: nove elementi che già suonavano insieme nei locali milanesi col nome di Elefunky, tra cui le coriste Paola e Chiara Iezzi (successivamente lanciate come soliste), Daniele Moretto e Michele Monestiroli, rispettivamente alla tromba e al sassofono, Jacopo Corso e Roberto Priori alle chitarre, Sandro Verde alla tastiera, Leandro Misuriello al basso e Ivan Ciccarelli alla batteria. Finalmente, come disse lo stesso Max Pezzali, esisteva una vera e propria band che poteva dare nuova vitalità al progetto 883 anche grazie ai concerti live, visto che fino ad allora si era potuto esibire solo nelle discoteche con basi registrate[11]. Da questo momento, Max Pezzali è il leader e principale compositore del gruppo.

La donna il sogno & il grande incubo (1995-1996)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La donna il sogno & il grande incubo.

I nuovi 883 non perdono tempo, e già nel giugno 1995 esce il nuovo album, La donna il sogno & il grande incubo, preceduto da una serata-evento su Italia 1 condotta da Amadeus in cui viene presentata la band. Subito dopo, durante tutta l'estate, parte il primo vero tour degli 883, con grande affluenza di pubblico in ogni tappa. Il nuovo album arriva al numero 1 in classifica[10], raggiungendo il milione di copie vendute, oltre a conquistare la vittoria del Festivalbar con il brano Tieni il tempo[11]. Viene realizzata anche la versione VHS, intitolata La donna il sogno & gli altri video, con il video, tra gli altri, di Non 6 Bob Dylan, brano presente nell'album come traccia fantasma. L'album, oltretutto, vede la partecipazione di Repetto, che scrive insieme a Max i brani Tieni il tempo, Musica e Non 6 Bob Dylan. Tra i singoli estratti vi è Gli anni, brano che diventerà un vero e proprio simbolo degli 883[17].

Tra il 1995 e il 1996 inizia il primo grande tour invernale degli 883, con oltre settanta date in giro per l'Italia e varie date bis nelle principali città.

La dura legge del gol (1997)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La dura legge del gol!.

Il 1996, a parte il tour invernale, è un anno di pausa per gli 883, salvo una partecipazione estiva nella raccolta Cecchetto Compilation, che accoglie pezzi inediti di tutti gli artisti prodotti dal noto talent scout. Gli 883 vi partecipano con un brano inedito, Dimmi perché, e con una versione hip hop di un vecchio successo, Una canzone d'amore. Collaborano anche con i B-nario nel loro nuovo album e vincono il Telegatto come miglior tournée[11].

Nel frattempo la band cambia alcuni elementi: al chitarrista Jacopo Corso subentra Piero Cazzago, Alberto Tafuri sostituisce Sandro Verde come tastierista, mentre Roberto Drovandi è il nuovo bassista al posto di Misuriello e Gabriel Nuzzoli si aggiunge alle percussioni. Anche Paola e Chiara lasciano la formazione, partecipando per l'ultima volta a un brano del gruppo con La regola dell'amico, brano che vince il premio come brano dell'estate 1997 a Vota la voce[11]. Nel 1997 esce il quarto album di inediti degli 883, La dura legge del gol!, dalle sonorità marcatamente pop, in cui a pezzi spensierati come La regola dell'amico e Innamorare tanto si alternano momenti malinconici come Nessun rimpianto o Se tornerai. Particolarità del CD è la presenza di un album di figurine con le foto dei componenti della band, con la copertina che richiama la famosa rovesciata presente su quella dell'album dei Calciatori Panini. Trascinato dal successo del singolo La regola dell'amico, l'album vende 800.000 copie, conquista la vetta della classifica italiana e diventa il nono album più venduto in Italia nel 1997, con di nuovo una versione VHS al seguito. Collegato all'album, nell'autunno 1997 parte l'"OttoOttoTour", che ha una scenografia basata sul mondo del calcio, con riflettori da stadio e prato verde sul palco. Nello stesso anno vincono il Telegatto per il miglior album dell'anno.

Nell'estate 1997 comincia anche la realizzazione di un altro progetto, Jolly Blu, il primo e unico film degli 883, liberamente ispirato alle canzoni di Pezzali. Il film uscì nelle sale, prodotto dallo stesso Cecchetto e distribuito dalla Medusa Film, solo nel settembre 1998[10], e vinse svariati Fiaschi d'oro di quell'anno[18]. Nel 1998 Pezzali conduce sulle reti RAI, insieme a Alessia Merz, Sanremo famosi, manifestazione canora che servirà per selezionare i 14 giovani che parteciperanno nella categoria Nuove proposte al 49º Festival di Sanremo.

La prima raccolta: Gli anni (1998)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gli anni (album).

Nell'estate del 1998 esce la prima vera raccolta degli 883, Gli anni, contenente l'inedito Io ci sarò e versioni riarrangiate di Gli anni e Andrà tutto bene, oltre a due pezzi tradotti in spagnolo: Han matado el hombre araña (Hanno ucciso l'uomo ragno) e Quien Seras (Come mai). Gli anni è il quinto album consecutivo degli 883 a conquistare il primo posto nelle hit parade, superando le 800.000 copie e attestandosi come l'ottavo album più venduto in Italia nel 1998. Esce in due versioni grafiche, con due opere dell'artista Marco Lodola disegnate sul compact disc, e ne viene pubblicata una versione VHS intitolata Gli anni Video LP. Le nuove tracce del disco vedono impiegati Matteo Salvadori al posto di Marco Guarnerio (che continuerà a rimanere molto vicino agli 883 e a Pezzali negli anni seguenti) ed Eugenio Mori alla batteria al posto di Ivan Ciccarelli.

In ogni caso, il culmine del successo gli 883 lo raggiunsero proprio quell'estate, esattamente la sera del 21 luglio 1998, quando oltre 100.000 persone si radunarono in Piazza Duomo, a Milano, sotto una pioggia battente, per seguire il primo e ultimo mega concerto della band. Il concerto fu trasmesso il giorno seguente in prima serata su Italia 1, con oltre 3.500.000 di spettatori e più del 20% di share. Nel 1998 gli 883 vincono ancora il Telegatto come miglior tournée e il premio al miglior album a Vota la voce.

Grazie mille e la firma con la Warner (1999-2000)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Grazie mille.

Nel 1999 viene nuovamente cambiata la formazione: lasciano i chitarristi Cazzago e Priori e al loro posto arriva Fabrizio Frigeni; Matteo Bassi è il bassista al posto di Melone, mentre alle percussioni arriva Claudio Borrelli al posto di Nuzzoli. Viene pubblicato il singolo Viaggio al centro del mondo, contenente una versione originale e una remixata del brano e le versioni in spagnolo di Nord sud ovest est (Nor oeste sur este) e di Tieni il tempo (Lleva el tiempo). Sempre nel 1999 esce il quinto album di inediti degli 883, Grazie mille. È un lavoro in cui si comincia a vedere un Pezzali più maturo nei testi e negli argomenti, quasi a voler crescere col suo pubblico. Fu il primo e unico album degli 883 che non riuscì ad arrivare in vetta alle classifiche di vendita, pur arrivando alla seconda posizione FIMI e raggiungendo la cifra delle 550.000 copie, risultando uno dei dischi più venduti dell'anno. Nello stesso anno il gruppo riceve un riconoscimento internazionale: il World Music Awards come miglior gruppo italiano.

Nell'autunno del 1999 avviene anche la "rivincita" del film Jolly Blu, il quale dopo il fiasco nei cinema, lanciato in prima serata su Italia 1, ottiene oltre 3 milioni e mezzo di spettatori[11].

Nel 2000 gli 883 cominciano l'anno con un concerto di Capodanno a Cagliari davanti a 60.000 persone e lasciano la storica Fri Records per firmare per la multinazionale Warner Music, con progetti di conquista del mercato europeo. Nell'estate dello stesso anno esce (solo per il mercato austriaco e tedesco) una raccolta di lancio dal titolo Mille grazie, contenente i maggiori successi nella storia degli 883 riarrangiati in chiave latino-americana. Per promuovere l'album viene inoltre organizzato un mini tour in Austria e Germania. In Italia, intanto, la Warner dà il via alla pubblicazione in un'edizione rimasterizzata e arricchita di remix e inediti di tutti gli album pubblicati fino ad allora dagli 883 (a eccezione di Grazie mille), con la dicitura "Edizione Straordinaria"[11]. Tra la fine del 2000 e il 2001, gli 883 hanno una nuova occasione di penetrare nel mercato tedesco, partecipando al tour di Eros Ramazzotti "Stilelibero" nelle date in Germania e Austria, aprendo i concerti. Nello stesso anno vincono il Telegatto come miglior tournée a Vota la voce.

Uno in più (2001)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Uno in più.

A causa degli impegni internazionali, Pezzali torna in sala d'incisione per il nuovo album solo agli inizi del 2001. Il sesto album d'inediti degli 883, Uno in più esce nell'estate in Italia e successivamente anche in Germania, Austria, Svizzera, Francia, Grecia e Scandinavia. Il disco vede Emiliano Bassi come nuovo batterista e Daniele Gregolin alla chitarra al posto di Frigeni. In Italia balza subito al primo posto in classifica, totalizzando 330.000 copie solo in prenotazioni, trainato dai due pezzi dell'estate, Bella vera, e La lunga estate caldissima, con i video girati a Los Angeles[11]. All'album collaborano noti personaggi della musica italiana quali Jovanotti, Alex Britti, Syria e gli Articolo 31. Nel frattempo un sondaggio elegge Max e gli 883 come gruppo più conosciuto tra i giovani tra i 12 e i 24 anni superando star internazionali come Madonna[11].

Alla fine dell'anno, Uno in più si posiziona al sedicesimo posto tra gli album più venduti in Italia, e il brano Bella vera viene utilizzato come sigla di Miss Italia 2001. Nello stesso anno gli 883 ricevono agli Italian Music Awards il premio come miglior gruppo. Tra il 2001 e il 2002 gli 883 partono, senza la "sezione fiati" composta da Daniele Moretto e Michele Monestiroli, per l'ultimo tour della loro storia.

L'addio al marchio 883 (2002)[modifica | modifica sorgente]

Nell'autunno 2002 Max Pezzali decise di abbandonare il nome 883, dopo undici anni di attività, con la raccolta Love/Life: l'amore e la vita al tempo degli 883, contenente le ballate e le canzoni d'amore scritte dal gruppo più gli inediti Ci sono anch'io e Quello che capita[11]. Per questi ultimi lavori, alla chitarra figura Massimiliano Pelan al posto di Matteo Salvadori. Alla fine dell'anno Love/Life non andò oltre le 100.000 copie e fu solo cinquantottesimo nella classifica degli album più venduti del 2002, anche se Quello che capita riesce a ottenere il premio al miglior videoclip agli Italian Music Awards dello stesso anno.

Max Pezzali nel 2013

L'ultimo concerto con il marchio degli 883 risale a un'esibizione televisiva in diretta su Video Italia il 3 dicembre 2002, in cui si esibiscono solo Pezzali, Pelan e Tafuri. Agli inizi del 2003 Pezzali abbandonò definitivamente il nome 883.

Il dopo 883[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Max Pezzali.

Dopo la fine degli 883 Max Pezzali prosegue la sua carriera musicale come solista. Il 10 giugno 2005 esce, prodotta dalla Warner Music Italy, la raccolta in doppio CD TuttoMax, antologia dei più grandi e noti successi degli 883 e contenente anche alcuni singoli tratti dal primo album da solista di Max Pezzali, Il mondo insieme a te. A conferma di quanto gli 883 fossero ormai parte della cultura e dell'immaginario musicali italiani, l'album schizza in vetta alle classifiche, rimanendovi stabile per 10 settimane di fila. Alla fine del 2005 TuttoMax risulterà, con le sue 350.000 copie vendute e i quattro dischi di platino vinti, uno degli album più riusciti dell'anno. Il risultato consentirà a Max Pezzali/883 di aggiudicarsi il Festivalbar 2005 (sezione album), terzo titolo in carriera relativo alla manifestazione musicale estiva. L'uscita dell'album fu accompagnata da una versione DVD, vero e proprio greatest hits dei video musicali degli 883/Max Pezzali.

Nel 2012 Mauro Repetto partecipa al videoclip di Sempre noi, singolo di Max Pezzali, contenuto in Hanno ucciso l'uomo ragno 2012, album in cui i brani presenti nel primo disco della band vengono riarrangiati e cantati con alcuni rapper della scena musicale italiana. Inoltre Max e Mauro in alcune interviste parlano di un ipotetico ritorno da parte di Repetto o almeno di qualche coinvolgimento dell'ex 883 in un futuro progetto non per forza di tipo musicale.[19]. Sempre nel 2012 viene distribuito tramite download digitale dal sito Rock.it la raccolta di cover Con due deca, in cui 21 gruppi del panorama emergente italiano reinterpretano 21 dei loro brani più significativi. Il 2012 è inoltre l'anno della rivalutazione artistico-culturale degli 883 da parte di chi in passato li vedeva scontati e banali, e critici e cantanti della scena underground italiana hanno spesso recensito il gruppo con ottimi commenti.[20][21] Nel 2013 esce infine Max 20, album pubblicato da Max per festeggiare i suoi 20 anni di carriera, dove sono contenuti, tra le altre tracce, alcuni dei brani di maggior successo degli 883. All'album partecipa anche Repetto, che scrive due brani inediti insieme a Pezzali e canta in uno di essi[22].

Il 16 luglio 2013 è stata pubblicata da Warner Music Italy la prima raccolta postuma ufficiale del gruppo, intitolata Collection: 883[23].

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Ultima[modifica | modifica sorgente]

Ex componenti[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia degli 883.

Album in studio[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

  • 1994 - Remix '94 (raccolta remix più l'inedito Chiuditi nel cesso, della quale è presente anche la versione remix)
  • 1998 - Gli anni (con l'inedito Io ci sarò, le nuove versioni di Gli anni e Andrà tutto bene; i due inediti Come mai e Hanno ucciso l'uomo ragno cantate in spagnolo; e con l'inedito di Leggero, una reinterpretazione di Ligabue, nella riedizione del 2001)
  • 2000 - Mille grazie (uscita solo in Austria, Svizzera e Germania)
  • 2002 - Love/Life, l'amore e la vita al tempo degli 883 (con due inediti di Max Pezzali)
  • 2013 - Collection: 883

Altri inediti[modifica | modifica sorgente]

Nella discografia degli 883 esistono anche numerose canzoni mai pubblicate su CD, e che hanno trovato posto, come bonus track, nelle edizioni speciali dei primi 4 album pubblicate nel 2000: Il problema, Lasciala stare, Aeroplano, L'ultimo bicchiere, Dimmi perché, Non 6 Bob Dylan, TPS.

Videografia[modifica | modifica sorgente]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

1992

1993

1994

1995

1996

1997

  • Telegatto - miglior canzone dell'estate con il brano La regola dell'amico
  • Telegatto - miglior album

1998

1999

2000

2001

2002

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) 883 in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 19 aprile 2014.
  2. ^ Max Pezzali e Mauro Repetto riuniscono gli 883?, Melodicamente.com, 24 maggio 2012. URL consultato il 19 aprile 2014.
  3. ^ Rivincita degli 883:adesso sono eroi, Il Giornale, 5 maggio 2012. URL consultato il 19 aprile 2014.
  4. ^ Max Pezzali e Mauro Repetto di nuovo insieme sul palco Il "ritorno" dei mitici 883, Il Giorno. URL consultato il 24 aprile 2014.
  5. ^ a b c 883 - Hanno ucciso l'uomo ragno, Orrorea33giri.com. URL consultato il 24 aprile 2014.
  6. ^ Max Pezzali, gli 883 e quel disco simbolo di una generazione, Setweb.it. URL consultato il 24 aprile 2014.
  7. ^ 883: La biografia, MTV Italia. URL consultato il 19 aprile 2014.
  8. ^ Tributo a Max Pezzali / 883 - Jovanotti, Liveclub.it. URL consultato il 19 aprile 2014.
  9. ^ Max Pezzali e la nostalgia degli 883: di nuovo con Repetto in “Sempre Noi”, Lanostratv.it. URL consultato il 4 agosto 2013.
  10. ^ a b c d e Biografia della band su Maxpezzali883.warnermusic.it
  11. ^ a b c d e f g h i j Artista - Max Pezzali, Radio Italia. URL consultato il 24 aprile 2014.
  12. ^ Fiorello con Pezzali degli 883 vince il Festival italianoFiorello con Pezzali degli 883 vince il Festival italiano, Il Corriere della Sera. URL consultato il 24 aprile 2014.
  13. ^ Rockol incontra Max Pezzali, Rockol.it, 24 ottobre 2005. URL consultato il 24 aprile 2014.
  14. ^ Gli 883: «Ora vi spieghiamo perché ci siamo sciolti», Vanity Fair, 5 giugno 2012. URL consultato il 14 ottobre 2013.
  15. ^ I 50 anni di Fiorello, cento cose che non sapete di lui, Oggi, 15 novembre 2011. URL consultato il 24 aprile 2014.
  16. ^ a b Biografia presente nel booklet dell'album Gli anni
  17. ^ 883 - Gli anni, Inchiostrovivo.it. URL consultato il 24 aprile 2014.
  18. ^ Cinema: 'Jolly Blu' fa incetta di 'Fiaschi d'Oro', Adnkronos.com. URL consultato il 24 aprile 2014.
  19. ^ http://festival.blogosfere.it/2012/06/max-pezzali-e-luomo-ragno-20-
  20. ^ Musica, gli 883 tra rivalutazione critica e presunta reunion
  21. ^ Opinions: la compilation tributo agli 883 e il concetto di credibilità e indipendenza
  22. ^ Gli 883 sono tornati, Max Pezzali festeggia vent'anni di carriera, Varesenews.it, 28 maggio 2013. URL consultato il 28 maggio 2013.
  23. ^ Collection: 883, iTunes. URL consultato il 12 novembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica