Yellow Bird (cocktail)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Yellow Bird
NazioneHawaii Hawaii
LocaleShell Bar, Hilton Hawaiian Village Waikiki Beach Resort
BicchiereCoppetta da cocktail
Base primariaRum
Tecnica di miscelazioneMixing & straining
CapacitàShort drink
Momento del consumoAnytime
Cocktail ufficiale IBA
Inclusione2011

Lo Yellow Bird è un cocktail caraibico a base di rum bianco, Galliano e triple sec.[1] È un cocktail ufficiale IBA dal 2011.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del nome "Yellow Bird" sono incerte.[3] Alcuni riportano che il nome possa derivare da un popolare brano di Haiti, Yellow Bird,[3][4] che è stata poi riscritta in inglese nel 1957[3] ed è in seguito diventata una sorta di inno nazionale dei Caraibi grazie alla popolarità ottenuta dalla registrazione di Harry Belafonte.[4] Il cantante hawaiano Arthur Lyman pubblicò una versione della canzone che nel luglio del 1961 raggiunse la 4ª posizione nelle classifiche di Billboard, e venne eseguita ogni settimana presso lo Shell Bar dell'Hilton Hawaiian Village Waikiki Beach Resort, possibile locale d'origine del cocktail.[3] Altri invece sostengono che il nome del cocktail derivi dal colore giallo conferito dal liquore Galliano, un liquore italiano dorato.[5]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Ingredienti[modifica | modifica wikitesto]

La ricetta ufficiale dell'IBA del 2011 prevede i seguenti ingredienti:[2]

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Raffreddare una coppetta da cocktail con del ghiaccio e shakerare tutti gli ingredienti in un mixing-glass, dopodiché rimuovere il ghiaccio dalla coppetta e versare il cocktail al suo interno utilizzando uno strainer.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mardee Haidin Regan, The Bartender's Best Friend: A Complete Guide to Cocktails, Martinis, and Mixed Drinks, Houghton Mifflin Harcourt, marzo 2008, p. 332, ISBN 0471227218.
  2. ^ a b c (EN) Yellow Bird, su iba-world.com, International Bartenders Association. URL consultato il 20 settembre 2018.
  3. ^ a b c d (EN) Cheryl Charming, Knack Bartending Basics: More than 400 Classic and Contemporary Cocktails for Any Occasion, Rowman & Littlefield, giugno 2009, p. 101, ISBN 9781599217727.
  4. ^ a b (EN) Jessica B. Harris, Rum Drinks: 50 Caribbean Cocktails, From Cuba Libre to Rum Daisy, Chronicle Books, luglio 2013, p. 110, ISBN 9780811866996.
  5. ^ (EN) Linette Creen, A Taste of Cuba: Recipes from the Cuban-American Community, Dutton, 1991, p. 292, ISBN 9780525249702.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici