We Can't Dance

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
We Can't Dance
ArtistaGenesis
Tipo albumStudio
Pubblicazione12 novembre 1991
Durata71:23
Dischi1
Tracce12
GenerePop rock
Rock
Rock progressivo
EtichettaAtlantic Records (Usa)
ProduttoreNick Davis & Genesis
Certificazioni
Dischi d'oroFinlandia Finlandia[1]
(vendite: 25 000+)
Giappone Giappone[2]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[3]
(vendite: 70 000+)
Austria Austria[4]
(vendite: 50 000+)
Canada Canada (4)[5]
(vendite: 400 000+)
Francia Francia (2)[6]
(vendite: 600 000+)
Germania Germania (5)[7]
(vendite: 2 500 000+)
Regno Unito Regno Unito (5)[8]
(vendite: 1 500 000+)
Spagna Spagna[9]
(vendite: 100 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (4)[10]
(vendite: 4 000 000+)
Svezia Svezia[11]
(vendite: 100 000+)
Svizzera Svizzera (4)[12]
(vendite: 200 000+)
Genesis - cronologia
Album precedente
(1986)
Singoli
  1. No Son of Mine
    Pubblicato: 31 ottobre 1991
  2. I Can't Dance
    Pubblicato: 30 dicembre 1991
  3. Hold on My Heart
    Pubblicato: 6 aprile 1992
  4. Jesus He Knows Me
    Pubblicato: 13 luglio 1992
  5. Never a Time
    Pubblicato: 11 novembre 1992
  6. Tell Me Why
    Pubblicato: 8 febbraio 1993

We Can't Dance è il quattordicesimo album in studio del gruppo musicale britannico Genesis, pubblicato il 28 ottobre 1991 dalla Atlantic Records. È anche l'ultimo album in cui compare alla voce Phil Collins, prima del suo abbandono avvenuto nel 1996.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

We Can't Dance è stato il primo album dei Genesis in cinque anni, dopo il successo internazionale di Invisible Touch del 1986. In questo lasso di tempo, il gruppo si prese un lungo periodo di pausa per permettere ai vari membri di focalizzarsi sulle relative carriere soliste. Anche se Tony Banks e Mike Rutherford erano convinti che Phil Collins avrebbe lasciato la band a causa del suo enorme successo come solista, il cantante decise di rimanere con loro per un ultimo disco.

L'album ha raggiunto la posizione n. 1 delle classifiche nel Regno Unito, in Germania, Svizzera, Austria, Paesi Bassi e Norvegia, la n. 4 negli Stati e in Svezia, la n. 5 in Nuova Zelanda e in Italia, e la n. 8 in Australia, vendendo diversi milioni di copie nel mondo.

Dall'album vennero tratte diverse hits, quali No Son of Mine, Hold on My Heart, I Can't Dance e Jesus He Knows Me. Altri singoli estratti furono Tell Me Why in Europa e Never a Time in America, tutti supportati da videoclip tranne l'ultimo.

Nonostante il cospicuo potenziale commerciale, We Can't Dance contiene tuttavia anche diversi pezzi lunghi, nella tradizione del gruppo. Sia Driving the Last Spike (dal testo che racconta il sacrificio di vite umane per la costruzione delle ferrovie inglesi nell'Ottocento) che Fading Lights (con il suo lungo inciso strumentale) superano infatti i dieci minuti di durata, mentre Dreaming While You Sleep (una storia il cui protagonista fugge dopo avere investito una donna) raggiunge i sette minuti e Living Forever ha nella sua seconda parte una strumentale di rilievo.

La malinconica ballata Since I Lost You fu scritta da Phil Collins per commemorare la morte del figlio di Eric Clapton, suo grande amico. Mai presentata dai Genesis in concerto, fu eseguita da Collins in occasione del suo concerto per la serie Storytellers nel 1997.

Dopo la pubblicazione dell'album, il gruppo passò tre mesi - dal maggio all'agosto del 1992 - in tour negli stadi per promuovere l'album, con un'appendice nelle arene e teatri inglesi nell'autunno dello stesso anno - registrando il tutto esaurito nella maggior parte delle esibizioni, e dando ai fan l'ultima possibilità di vedere i Genesis prima dell'abbandono di Phil Collins e del tour della reunion del 2007.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. No Son of Mine (Collins) - 6:39
  2. Jesus He Knows Me (Collins) - 4:16
  3. Driving the Last Spike (Collins) - 10:08
  4. I Can't Dance (Collins) - 4:01
  5. Never a Time (Rutherford) - 3:50
  6. Dreaming While You Sleep (Rutherford) - 7:16
  7. Tell Me Why (Collins) - 4:58
  8. Living Forever (Banks) - 5:41
  9. Hold on My Heart (Collins) - 4:38
  10. Way of the World (Rutherford) - 5:38
  11. Since I Lost You (Collins) - 4:09
  12. Fading Lights (Banks) - 10:16

(Nota: gli autori indicati tra parentesi sono riferiti ai testi, ma tutti i brani sono accreditati a Banks, Collins e Rutherford. Bisogna comunque notare che il contributo maggiore alla composizione musicale si deve a Collins (dichiarato in una sua intervista del 2000[senza fonte]) poiché veniva da 2 anni di riposo compositivo mentre Rutherford e Banks avevano rispettivamente pubblicato Word of Mouth e Still.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Genesis, Musiikkituottajat. URL consultato il 13 maggio 2015.
  2. ^ (JA) 各国の条約加入状況, Recording Industry Association of Japan. URL consultato il 13 maggio 2015.
  3. ^ (EN) Gavin Ryan, Australia's Music Charts 1988-2010, Mt. Martha, VIC, Australia, Moonlight Publishing, 2011.
  4. ^ (DE) Gold & Platin, IFPI Austria. URL consultato il 13 maggio 2015. Inserire "We Can't Dance" in "Titel", dunque premere "Suchen".
  5. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 13 maggio 2015.
  6. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, Infodisc.fr. URL consultato il 13 maggio 2015. Selezionare "GENESIS" e premere "OK".
  7. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank (Genesis; 'We Can't Dance'), Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 13 maggio 2015.
  8. ^ (EN) BPI Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 13 maggio 2015. Digitare "We Can't Dance" in "Keywords", dunque premere "Search".
  9. ^ Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 1991–1995, prima edizione, ISBN 84-8048-639-2.
  10. ^ (EN) We Can't Dance – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 13 maggio 2015.
  11. ^ (SV) Gold & Platinum 1987–1998 (PDF), su IFPI Sweden. URL consultato il 13 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  12. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (Genesis; 'We Can't Dance'), Hung Medien. URL consultato il 13 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo