The Evil That Men Do (Iron Maiden)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Evil That Men Do
ArtistaIron Maiden
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1º agosto 1988
Durata4:35
Album di provenienzaSeventh Son of a Seventh Son
GenereHeavy metal
EtichettaEMI
ProduttoreMartin Birch
Formativinile 7" e 12"
Iron Maiden - cronologia
Singolo precedente
(1988)
Singolo successivo
(1988)

The Evil That Man Do è il 17º singolo pubblicato dagli Iron Maiden.

Si tratta del secondo singolo estratto dall'album Seventh Son of a Seventh Son e raggiunse la # 5 posizione nella classifica inglese. Nel lato-b del disco troviamo due vecchie canzoni degli Iron, Prowler e Charlotte the Harlot provenienti originariamente dall'album Iron Maiden ma registrate in una nuova versione.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo del brano è preso da un dramma di William Shakespeare (il Julius Caesar) e precisamente dal discorso fatto da Marc'Antonio alla folla dei Romani all'indomani dell'assassinio di Cesare.

(EN)

«The evil that men do lives after them,
the good is oft interred with their bones»

(IT)

«Il male che gli uomini compiono si prolunga oltre la loro vita,
mentre il bene viene spesso sepolto insieme con le loro ossa.»

(Julius Caesar di Shakespeare)

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Evil That Men Do (Smith, Dickinson, Harris) - 4:35
  2. Prowler '88 (Harris) - 4:08
  3. Charlotte The Harlot '88 (Murray) - 4:11

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal