Senjutsu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Senjutsu
album in studio
ArtistaIron Maiden
Pubblicazione3 settembre 2021
Durata81:53
Dischi2
Tracce10
GenereHeavy metal
EtichettaParlophone/Warner Music Group Mondo
Sanctuary Records/BMG Stati Uniti
ProduttoreKevin "Caveman" Shirley
Registrazione2019, Guillaume Tell Studios, Parigi (Francia)
Formati2 CD, 3 LP, download digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oroBrasile Brasile[2]
(vendite: 20 000+)
Francia Francia[3]
(vendite: 50 000+)
Italia Italia[4]
(vendite: 25 000+)
Polonia Polonia[5]
(vendite: 10 000+)
Ungheria Ungheria[6]
(vendite: 2 000+)
Iron Maiden - cronologia
Album successivo
Singoli
  1. The Writing on the Wall
    Pubblicato: 15 luglio 2021
  2. Stratego
    Pubblicato: 19 agosto 2021

Senjutsu è il diciassettesimo album in studio del gruppo musicale britannico Iron Maiden, pubblicato il 3 settembre 2021 dalla Parlophone.[7]

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il disco è stato registrato presso i Guillaume Tell Studios di Parigi (gli stessi dove fu registrato anche il precedente The Book of Souls) nel 2019, durante una pausa dal Legacy of the Beast World Tour.[8] Il bassista Steve Harris ha affermato che la scelta di ritornare nello studio è stata ampiamente condivisa dal gruppo:

«Abbiamo scelto di registrare di nuovo al Guillaume Tell Studio in Francia perché il posto ha un'atmosfera così rilassata. Il setup li è perfetto per le nostre esigenze; l'edificio è stato un cinema e ha un soffitto molto alto, quindi c'è un'ottima acustica. Abbiamo registrato questo album nello stesso modo di The Book of Souls: scrivevamo una canzone, la provavamo e poi la mettevamo insieme quando era tutto chiaro nelle nostre menti. In questo album ci sono alcuni brani molto complessi che hanno richiesto molto duro lavoro per farli risultare esattamente come volevamo che fossero, quindi il processo è stato a volte molto impegnativo, ma Kevin è bravo a catturare l'essenza della band e penso che ne sia valsa la pena!»

Il cantante Bruce Dickinson ha invece aggiunto che una volta ultimato l'album nel corso del 2019 è stato ascoltato nella sua interezza dagli Iron Maiden per un paio di volte per poi essere stato archiviato in una cassetta di sicurezza da parte di Harris.[9]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'album rappresenta il secondo doppio disco del gruppo dopo The Book of Souls e si compone di dieci tracce suddivise in due dischi nell'edizione CD e tre in quella LP.[10] Con una durata di circa 82 minuti, si tratta del secondo album più lungo inciso dalla formazione britannica (dietro al sopracitato The Book of Souls), nonché il primo da Powerslave a non contenere alcuna traccia composta dal chitarrista Dave Murray e il primo da Virtual XI a contenere più tracce composte dal solo Steve Harris.[11]

Il 15 luglio il gruppo ha presentato attraverso il loro canale YouTube il video musicale animato del primo singolo The Writing on the Wall,[12] annunciando i vari dettagli legati all'album quattro giorni più tardi.[7] Il 19 agosto 2021 è stato pubblicato il secondo singolo Stratego.[13]

Tematiche[modifica | modifica wikitesto]

Bruce Dickinson ha spiegato che una delle tracce da lui composte per il disco, Days of Future Past, sia direttamente ispirata al film Constantine del 2005, con Keanu Reeves.[14] Il personaggio protagonista della canzone, tuttavia, a differenza di John Constantine, non mira ad operare nel mondo terreno per redimersi prima di morire. Il cantante, co-autore della canzone insieme al chitarrista Adrian Smith, ha fatto un parallelismo con un altro brano scritto da lui, Flight of Icarus (da Piece of Mind, 1983), pezzo ispirato al mito di Icaro ma in cui l'ottica del racconto viene ribaltata.[15] La traccia che apre il secondo disco, Darkest Hour, è ispirata alla figura di Winston Churchill, ricordata nel brano per la sua decisione di schierarsi nella guerra contro il nazismo ma dipinta anche nelle sue debolezze umane.[15]

Dickinson ha inoltre rivelato che per il video del singolo The Writing on the Wall il gruppo è stato ispirato da quello del singolo Deutschland dei Rammstein.[16]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD[modifica | modifica wikitesto]

CD 1
  1. Senjutsu – 8:20 (Adrian Smith, Steve Harris)
  2. Stratego – 4:59 (Janick Gers, Steve Harris)
  3. The Writing on the Wall – 6:13 (Adrian Smith, Bruce Dickinson)
  4. Lost in a Lost World – 9:31 (Steve Harris)
  5. Days of Future Past – 4:03 (Adrian Smith, Bruce Dickinson)
  6. The Time Machine – 7:09 (Janick Gers, Steve Harris)
CD 2
  1. Darkest Hour – 7:20 (Adrian Smith, Bruce Dickinson)
  2. Death of The Celts – 10:20 (Steve Harris)
  3. The Parchment – 12:39 (Steve Harris)
  4. Hell on Earth – 11:19 (Steve Harris)

LP[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. Senjutsu – 8:20 (Adrian Smith, Steve Harris)
  2. Stratego – 4:59 (Janick Gers, Steve Harris)
  3. The Writing on the Wall – 6:13 (Adrian Smith, Bruce Dickinson)
Lato B
  1. Lost in a Lost World – 9:31 (Steve Harris)
  2. Days of Future Past – 5:52 (Adrian Smith, Bruce Dickinson)
Lato C
  1. The Time Machine – 7:09 (Janick Gers, Steve Harris)
  2. Darkest Hour – 7:20 (Adrian Smith, Bruce Dickinson)
Lato D
  1. Death of The Celts – 10:20 (Steve Harris)
Lato E
  1. The Parchment – 12:39 (Steve Harris)
Lato F
  1. Hell on Earth – 11:19 (Steve Harris)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Produzione

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Senjutsu ha raggiunto il primo posto in classifica in numerosi paesi, quali Belgio, Finlandia, Germania, Italia, Spagna e Svizzera. Tuttavia è diventato il primo album del gruppo a non conquistare la vetta della Official Albums Chart dai tempi di A Matter of Life and Death (2006); negli Stati Uniti d'America è invece il loro lavoro di maggior successo nella Billboard 200, avendo raggiunto il terzo posto e superato The Final Frontier e The Book of Souls, entrambi fermi al quarto posto.[17]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2021) Posizione
Austria[35] 20
Belgio (Fiandre)[36] 66
Belgio (Vallonia)[37] 49
Francia[38] 94
Germania[39] 6
Italia[40] 78
Polonia[41] 38
Portogallo[42] 14
Regno Unito[43] 74
Repubblica Ceca[44] 6
Slovacchia[45] 3
Spagna[46] 23
Svizzera[47] 7
Ungheria[48] 10

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Senjutsu, su British Phonographic Industry. URL consultato l'8 ottobre 2021.
  2. ^ (PT) Iron Maiden – Certificados, su Pro-Música Brasil. URL consultato il 19 febbraio 2022.
  3. ^ (FR) Iron Maiden - Senjutsu – Les certifications, su SNEP. URL consultato il 28 febbraio 2022.
  4. ^ Senjutsu (certificazione), su FIMI. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  5. ^ (PL) bestsellery i wyróżnienia, su Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  6. ^ (HU) Arany- és platinalemezek › Adatbázis - 2021, su Hivatalos magyar slágerlisták, Magyar Hangfelvétel-kiadók Szövetsége. URL consultato il 5 dicembre 2021.
  7. ^ a b IRON MAIDEN, tutto sul nuovo album, su metal.it, 19 luglio 2021. URL consultato il 25 luglio 2021.
  8. ^ Gli Iron Maiden pubblicano il nuovo album in studio "Senjutsu", su insidemusic.it, 3 settembre 2021. URL consultato il 3 settembre 2021.
  9. ^ IRON MAIDEN PARANOICI PER IL NUOVO ALBUM "SENJUTSU", su Radiofreccia, 24 agosto 2021. URL consultato il 3 settembre 2021.
  10. ^ IRON MAIDEN, ecco le edizioni di "Senjutsu", su metal.it, 21 luglio 2021. URL consultato il 25 luglio 2021.
  11. ^ Sebbene The X Factor (1995) non contenga canzoni composte da Dave Murray, il chitarrista fu autore di una delle bonus track.
  12. ^ (EN) Joe DiVita, Iron Maiden Release Long-Awaited New Song 'The Writing on the Wall', su Loudwire, 15 luglio 2021. URL consultato il 25 luglio 2021.
  13. ^ (EN) Joe DiVita, Iron Maiden Release Second 'Senjutsu' Song Stratego, su Loudwire, 19 agosto 2021. URL consultato il 23 agosto 2021.
  14. ^ Iron Maiden, ecco come Keanu Reeves ha influenzato Bruce Dickinson per i testi dell'album Senjutsu, su Virgin Radio. URL consultato il 3 settembre 2021.
  15. ^ a b (EN) Kory Grow, Bruce Dickinson on the Good and Evil That Inspired Iron Maiden's New Album, 'Senjutsu', su Yahoo!, 2 settembre 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  16. ^ Francesco Gallina, Iron Maiden - Senjutsu, su metallized.it, 15 settembre 2021. URL consultato il 16 settembre 2021.
  17. ^ (EN) Damian Jones, Iron Maiden score their highest charting album ever with ‘Senjutsu’ in the US, su NME, 13 settembre 2021. URL consultato il 20 settembre 2021.
  18. ^ (ES) Los discos más vendidos de la semana, su diariodecultura.com.ar. URL consultato il 13 settembre 2021 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2021).
  19. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) Iron Maiden - Senjutsu, su Ultratop. URL consultato il 12 settembre 2021.
  20. ^ (EN) Iron Maiden - Chart history (Billboard Canadian Albums), su Billboard. URL consultato il 14 settembre 2021.
  21. ^ (HR) Lista prodaje 36. tjedan 2021. (30.08.2021. - 05.09.2021.), su Top Lista. URL consultato il 13 settembre 2021.
  22. ^ (JA) 週間 合算アルバムランキング – 2021年09月20日付 (2021年09月06日~2021年09月12日), su Oricon. URL consultato il 15 settembre 2021 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2021).
  23. ^ (EN) Official IFPI Charts - Top-75 Albums Sales Chart (Combined) - Week: 39/2021, su IFPI Greece. URL consultato l'11 ottobre 2021 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2021).
  24. ^ (EN) DISCOGRAPHY - IRON MAIDEN, su irish-charts.com. URL consultato il 10 settembre 2021.
  25. ^ (IS) TÓNLISTINN - PLÖTUR - Vika 36, 2021, su Plötutíðindi. URL consultato il 13 settembre 2021 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2021).
  26. ^ (EN) Oficjalna lista sprzedaży - 16 September 2021, su OLiS. URL consultato il 16 settembre 2021.
  27. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 10 September 2021 - 16 September 2021, su Official Charts Company. URL consultato il 10 settembre 2021.
  28. ^ (EN) Official Rock & Metal Albums Chart Top 40: 10 September 2021 - 16 September 2021, su Official Charts Company. URL consultato il 10 settembre 2021.
  29. ^ (CS) CZ - ALBUMS - TOP 100 - IRON MAIDEN - Sunjutsu, su ČNS IFPI. URL consultato il 13 settembre 2021.
  30. ^ (CS) SK - ALBUMS - TOP 100 - IRON MAIDEN - Sunjutsu, su ČNS IFPI. URL consultato il 13 settembre 2021.
  31. ^ (EN) Iron Maiden - Chart history (Billboard 200), su Billboard. URL consultato il 12 settembre 2021.
  32. ^ (EN) Iron Maiden - Chart history (Top Hard Rock Albums), su Billboard. URL consultato il 14 settembre 2021.
  33. ^ (EN) Iron Maiden - Chart history (Top Rock Albums), su Billboard. URL consultato il 14 settembre 2021.
  34. ^ (HU) Album Top 40 slágerlista: 2021. 36. hét: 2021. 09. 03. - 2021. 09. 09., su Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 16 settembre 2021.
  35. ^ (DE) Ö3-Austria Top40 Longplay-Jahrescharts 2021, su oe3.orf.at. URL consultato il 2 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2022).
  36. ^ (NL) Jaaroverzichten 2021, su Ultratop. URL consultato il 4 gennaio 2022.
  37. ^ (FR) Rapports annuels 2021, su Ultratop. URL consultato il 4 gennaio 2022.
  38. ^ (FR) Top de l'année: Top Albums 2021, su Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  39. ^ (DE) Top 100 Album-Jahrescharts 2021, su Offizielle Deutsche Charts. URL consultato il 10 dicembre 2021.
  40. ^ Classifica annuale 2021 (dal 01.01.2021 al 30.12.2021), su Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 7 gennaio 2022.
  41. ^ (PL) sanah podbija sprzedaż fizyczną w Polsce, su Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  42. ^ (PT) TOP AFP/AUDIOGEST - Semanas 01 a 52 de 2021 - De 01/01/2021 a 30/12/2021 (PDF), su Associação Fonográfica Portuguesa. URL consultato il 26 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2022).
  43. ^ (EN) End of Year Album Chart Top 100 - 2021, su Official Charts Company. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  44. ^ (CS) TISKOVÁ ZPRÁVA: VÝSLEDKY TRHU 2021 – ČESKÁ REPUBLIKA (PDF), su ČNS IFPI. URL consultato il 26 aprile 2022 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2022).
  45. ^ (CS) TISKOVÁ ZPRÁVA: VÝSLEDKY TRHU 2021 – SLOVENSKO (PDF), su ČNS IFPI. URL consultato il 26 aprile 2022 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2022).
  46. ^ (EN) Top 100 Albums Annual: 2021, su El Portal de Música. URL consultato il 21 gennaio 2022.
  47. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2021, su Schweizer Hitparade. URL consultato il 26 dicembre 2021.
  48. ^ (HU) Összesített album- és válogatáslemez-lista - eladási darabszám alapján - 2021, su Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 24 gennaio 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal