Terza battaglia dell'Isonzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Terza battaglia dell'Isonzo
Fronte Italiano 1915-1917.jpg
Mappa degli avanzamenti italiani nelle battaglie dell'Isonzo.
Data 18 ottobre-4 novembre 1915[1]
Luogo Valle del fiume Isonzo
Esito Offensiva italiana respinta
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
338 battaglioni
130 squadroni di cavalleria
1372 cannoni
137 battaglioni
(e 47 arrivati di rinforzo)
634 cannoni
Perdite
67.000 circa (11.000 morti)
alcuni reggimenti sul Carso persero il 50% degli effettivi[2]
40.500 circa (9.000 morti)
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La Terza battaglia dell'Isonzo fu combattuta tra il 18 ottobre e il 4 novembre 1915 tra l'esercito italiano e quello austro-ungarico.

Obiettivi[modifica | modifica wikitesto]

Battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo circa due mesi e mezzo di relativa tregua per ricostituirsi dalle perdite dovute agli assalti en masse della prima e della seconda battaglia dell'Isonzo, il Generale Luigi Cadorna del Comando supremo militare italiano, Capo di stato maggiore dell'Esercito Italiano, comprese che l'artiglieria giocava un ruolo assolutamente fondamentale, e portò l'effettivo a 1.200 bocche da fuoco.

Alle ore 12:00 del 18 ottobre l'artiglieria italiana cominciò a colpire Doberdò del Lago e il Monte San Michele mentre l'aviazione italiana faceva da osservatore sorvolando le linee nemiche (trimotori Caproni). Dal comando supremo dipendevano la 1ª Squadriglia Caproni, la 1ª Squadriglia Caproni e la 2ª Squadriglia Caproni che bombardano il campo volo di Aisovizza.

Le brigate Re e Pistoia attaccarono ben presto il nemico nella zona di Podgora ma i contrattacchi austro-ungarici, che rioccupavano quasi subito le posizioni perse, e il clima sfavorevole impedirono agli italiani di conseguire gli obiettivi prefissati. In una tale situazione, gli unici ripari per i soldati del regio esercito, non essendo il territorio adatto per scavare, furono i cadaveri dei compagni morti.

La 4ª Divisione italiana tentò invano di conquistare il Monte Sabotino, mentre la brigata Lombardia ottenne dei risultati presso Oslavia, ma vennero ricacciati dal paese da un contrattacco il giorno seguente. Vi furono parziali successi sul Monte Sei Busi, a Selz e a Monfalcone.

Le trincee austriache del Monte San Michele vennero ripetutamente conquistate e perdute da cruenti contrattacchi nemici mentre gli italiani ebbero modesti risultati sulle teste di ponte di Plava e Tolmino.[2]

Analisi della battaglia[modifica | modifica wikitesto]

La tattica di Cadorna, tuttavia, si rivelò poco incisiva, avendo distribuito le proprie forze in modo completamente uniforme lungo tutto il fronte (lungo quanto l'Isonzo), e avendo deciso di attaccare su piccoli fronti. Gli austro-ungarici approfittarono della situazione per concentrare la loro potenza di fuoco sul nemico, che avanzava su direttrici più strette.

Grazie a estesi bombardamenti, gli italiani avanzarono a Plava, sul bordo meridionale della dell'altopiano della Bainsizza, e sul Monte San Michele, punto focale dell'avanzata per aggirare il grosso delle forze che difendevano Gorizia: l'altura fu scenario di feroci attacchi e contrattacchi tra la 3ª Armata italiana che aveva alle dipendenze il I Gruppo e la 4ª Squadriglia per l'artiglieria e i rinforzi austro-ungarici appena arrivati su ordine di Boroević, dai fronti orientale e balcanico, con un alto costo di vite umane da entrambe le parti.

Il Monte Sei Busi, difeso strenuamente dalla 106ª Divisione di fanteria austro-ungarica, fu il teatro di quattro sanguinosi assalti all'arma bianca. Cadorna ordinò la fine degli attacchi quando valutò più attentamente la situazione: si rese conto che gli italiani non stavano guadagnando nulla, e che il nemico si manteneva sulla difensiva non scalzato dalle posizioni sopraelevate.

In una visione più ampia, il basso profilo tenuto dalle truppe di Boroević (per questo soprannominato l'ingannevole testa croata, dalle sue truppe) consentì loro di mantenere le posizioni a prezzo di perdite alte, ma certamente minori rispetto a quelle italiane. Soprattutto, dimostrò che Boroević era uno dei migliori tattici in forza all'esercito austro-ungarico, a dispetto del fatto che la sua visione strategica non fosse irreprensibile.
La pausa dei combattimenti durò solo due settimane, prima che l'offensiva italiana riprendesse.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Relazione Ufficiale Italiana "L'Esercito Italiano nella Grande Guerra" vol II narrazione pag 159
  2. ^ a b c Redipuglia

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]