3ª Armata (Regio Esercito)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
3ª Armata
Descrizione generale
Attiva1914 - 1919
1940 - 1940
NazioneItalia Italia
ServizioFlag of Italy (1860).svg Regio Esercito
TipoArmata
Guarnigione/QGFirenze
Trieste
Padova
Battaglie/guerrePrima guerra mondiale
  • Battaglie dell'Isonzo
  • Solstizio
  • Vittorio Veneto
    Seconda guerra mondiale
  • Parte di
    1940: Gruppo d'armata Sud
    Reparti dipendenti
    1939-1940:
    IX Corpo d'armata
    XII Corpo d'armata
    XIII Corpo d'armata
    Comandanti
    Degni di notaEmanuele Filiberto
    di Savoia-Aosta

    Carlo Geloso
    Voci su unità militari presenti su Wikipedia

    La 3ª Armata è stata una grande unità complessa del Regio Esercito con cui prese parte alla prima e alla seconda guerra mondiale e nel secondo dopoguerra per un ventennio dell'Esercito Italiano.

    Storia[modifica | modifica wikitesto]

    Prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

    Le origini della grande unità risalgono al Comando Designato 3ª Armata costituito a Firenze nell'agosto 1914.[1]

    Il 24 maggio 1915, all'entrata in guerra dell'Italia nel primo conflitto mondiale, la 3ª Armata venne destinata nelle zone di operazioni del Carso e di Trieste. Il Comando dell'Armata venne affidato al Generale Emanuele Filiberto di Savoia-Aosta e alle dipendenze della Grande Unità vennero posti il VI Corpo d'armata al comando del Generale Carlo Ruelle, il VII Corpo d'armata al comando del Generale Vincenzo Garioni e l'XI Corpo d'armata con a capo il Generale Giorgio Cigliana.[2]

    La sede del Comando, in zona bellica, fu, per un periodo, a Cervignano del Friuli. Il compito della 3ª Armata era quello di condurre le operazioni per far indietreggiare l'Esercito austro-ungarico che tentava di entrare da est.[2]

    La 3ª Armata si rese grande protagonista, durante le battaglie dell'Isonzo, dal giugno 1915 alla fine dell’estate del 1917,[2] guadagnandosi l'appellativo di armata invitta non essendo mai stata sconfitta in battaglia.[2]

    Le prime quattro battaglie si svolsero tra giugno e dicembre del 1915 e furono caratterizzate dai classici principi di guerra di posizione, raggiungendo obiettivi territoriali di scarsa importanza, ma progressivamente, a partire da quel momento, l'Impero Asburgico iniziò ad inviare sul fronte italiano forze sempre più numerose.[2]

    In particolare, la prima e la seconda battaglia dell'Isonzo costituirono il tentativo di contrastare le manovre tedesche sul fronte orientale, mentre la terza e la quarta furono volte ad alleggerire le manovre degli imperi centrali sulla Serbia.[2]

    Nel 1916 tra l'11 e il 19 marzo si svolse la quinta battaglia, nella quale l'offensiva italiana venne respinta ma la minaccia della Strafexpedition austriaca nel Trentino costrinse il generale Cadorna a spostare mezzo milione di soldati dal Carso al Trentino, e ciò comportò un affievolirsi degli scontri sull'Isonzo fino a farli cessare completamente.[3] Nei pressi di Gorizia delle scaramucce tra i due eserciti continuarono per mesi. Il 29 giugno del 1916, vi fu il primo attacco austro-ungarico con il gas tossico. Colti nel sonno, nelle linee del Monte San Michele, 2 700 italiani morirono e circa 4 000 rimasero gravemente intossicati. I soldati italiani dell'XI Corpo d'armata del generale Giorgio Cigliana riuscirono comunque a fermare il nemico.[4][5] Con l'esaurisi alla fine di giugno dell'offensiva austriaca in Trentino Cadorna riprese l'iniziativa e tra il 27 luglio e il 4 agosto spostò uomini e mezzi dal Trentino sull'Isonzo attaccando di sorpresa gli austriaci, le cui forze in quel settore erano relativamente scarse e la Sesta battaglia dell'Isonzo combattuta tra il 6 e il 17 agosto portò alla conquista di Gorizia, con il contributo fondamentale della 3ª Armata, grazie soprattutto ai successi iniziali sul Monte Sabotino a nord-est e sul Monte San Michele a sud-ovest che fecero crollare la linea difensiva austro-ungarico.[2]

    La rottura del fronte a oriente di Gorizia, portò alla Settima battaglia dell'Isonzo combattuta tra il 14 e il 16 settembre dove il Generale Cadorna fece implementare la tattica delle "spallate", attacchi energici e di breve durata su una fronte limitato. La 3ª Armata italiana, dalla quale dipendeva il I Gruppo aereo del Servizio Aeronautico del Regio Esercito, doveva irrompere sull'altura di Fajti (Quota 432) in direzione del Monte Tersteli per poi attaccare Trieste. Gli Italiani riuscirono appena a conquistare alcune trincee e una piazzaforte presso Merna.[6]

    A seguire l'ottava battaglia dell'Isonzo tra il 10 ed e il 12 ottobre 1916 nella zone di Doberdò, a est di Monfalcone nella quale l'offensiva italiana venne respinta e la Nona battaglia dell'Isonzo combattuta tra il 31 ottobre e il 4 novembre 1916 nella quale le truppe italiane avanzarono di pochi chilomenti. Entrambe le battaglie rientrarono nello schema degli interventi di logoramento che non fecero guadagnare terreno e che costarono la vita a tanti soldati su entrambi gli schieramenti.

    Nella tarda primavera del 1917, tra il 12 maggio e il 7 giugno fu combattuta la Decima battaglia dell'Isonzo, con lo scopo di rompere il fronte per raggiungere Trieste. La battaglia superò di gran lunga le nove precedenti, per quanto riguarda gli sforzi bellici e le perdite, senza conseguire peraltro lo sfondamento definitivo.

    La successiva Undicesima battaglia, combattuta tra il 17 agosto e il 15 settembre nella quale fu impegnata in modo massiccio la 2ª Armata Armata, fece realizzare una penetrazione di 10 chilometri nel dispositivo di difesa nemico, ma fece contare numerose perdite tra le truppe italiane che conquistarono la Bainsizza, il Monte Santo e il Monte San Gabriele, ma il Monte Hermada si dimostrò inespugnabile arrestando così l’offensiva italiana che se avesse avuto una maggiore spinta avrebbe permesso il collasso delle forze asburgiche. Alla fine della battaglia gli austriaci disponevano però di sole 24 divisioni, di fronte alle 51 degli italiani e sarà questa grave situazione che convincerà i tedeschi, alleato dell'Impero austro-ungarico a concentrare i propri sforzi sul fronte italiano dopo essersi liberati del fronte russo e allontanare il pericolo ormai imminente su Trieste, ricacciando gli italiani di là dalla frontiera dell'Isonzo.[3]

    La Dodicesima e ultima battaglia dell'Isonzo, preludio alla disfatta di Caporetto, durante la quale la 3ª Armata non venne interessata dallo sfondamento del fronte, in quanto avvenne nell'area di responsabilità della 2ª Armata, ebbe inizio il 24 ottobre; dopo un bombardamento di artiglieria durato sei ore, l’attacco austro-germanico penetrò subito in profondità. Le truppe tedesche travolsero le difese italiane e, rapidamente progredendo per il fondovalle, raggiunsero Caporetto lo stesso giorno. Il 26 ottobre cadde Monte Maggiore, su cui Cadorna contava come punto cruciale di una difesa di seconda linea; nello stesso giorno, il grosso del Regio Esercito Italiano rischiava l’annientamento, per cui, alle prime ore del 27 ottobre, fu dato l’ordine definitivo di ritirata. Gli scontri proseguirono fino a quasi metà novembre, spostandosi dalla zona dell'Isonzo a quella del Tagliamento per poi attestarsi su quella del Piave.

    Dopo la disfatta di Caporetto, pur non essendo mai stata sconfitta, la 3ª Armata dovette ritirarsi insieme alle altre Grandi Unità sulla linea del Piave.

    Sembrava, dopo la disfatta di Caporetto e la successiva destituzione dall'incarico del Generale Cadorna che Emanuele Filiberto dovesse essere nominato Comandante del Regio Esercito fino alla conclusione delle ostilità, ma contro tutte le previsioni, Vittorio Emanuele III decise di nominare il Generale Armando Diaz. Tale scelta, sembra che sia stata presa dall’allora Re, per tenere in ombra il cugino divenuto popolare grazie alle imprese della 3ª Armata durante tutto il conflitto.[2]

    Nel corso del 1918 la 3ª Armata prese parte alla Battaglia del solstizio e alla decisiva battaglia di Vittorio Veneto. Dal 5 settembre 1918 riceve il Gruppo speciale Aviazione I fino al 21 novembre successivo.

    Dopo la vittoria italiana nel primo conflitto mondiale il Comando Designato 3ª Armata venne sciolto a Trieste nel luglio 1919.[1]

    Seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

    La 3ª Armata venne ricostituita il 6 giugno 1940 con sede a Trieste al comando venne designato il generale Carlo Geloso.[1]

    Da giugno a dicembre del 1940 la 3ª Armata con le unità da essa dipendenti, venne destinata a presidiare territori dell'Italia Meridionale (Puglia-Calabria), del Lazio (Civitavecchia-Tivoli) e delle due isole principali Sicilia e Sardegna. Inquadrata nel Gruppo Armate Sud era formata inizialmente dal IX Corpo d'armata di Bari, costituito dalla 29ª Divisione fanteria "Piemonte", dislocata in Sicilia, dalla 48ª Divisione fanteria "Taro", che dalla Calabria era in fase di trasferimento nel Lazio, e dalla 47ª Divisione fanteria "Bari" nella zona di Bari. Ricevuta il 16 luglio la 51ª Divisione fanteria "Siena" dalla 7ª Armata, cedette la Divisione "Piemonte" al XII Corpo d'armata; successivamente il 1º settembre alle dipendenze della 3ª Armata venne posto il XIII Corpo d'armata, dislocato in Sardegna, con le Divisioni "Sabauda" e "Calabria". Dopo aver avuto alle dipendenze il XII Corpo d'armata, di stanza in Sicilia, il Comando 3ª Armata, che nel corso della seconda guerra mondiale non prese mai parte a vere e proprie operazioni militari, venne sciolto il 20 dicembre 1940.[1]

    Esercito Italiano[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: 3ª Armata (Esercito Italiano).

    Nel dopoguerra il Comando operativo designato della 3ª Armata, venne ricostituito dall'Esercito Italiano nel 1952 a Padova e venne sciolto nel 1972.[7]

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ a b c d e 3ª Armata
    2. ^ a b c d e f g h (IT) Andrea Checcucci, L’Armata Invitta Oltre tre anni di vittorie senza mai subire sconfitta - Parte I, su http://www.instoria.it. URL consultato il 16 dicembre 2017.
    3. ^ a b IsonzoFront - 1916 le battaglie dell'Isonzo.:
    4. ^ L'Isonzo
    5. ^ I Grigioverdi del Carso
    6. ^ la 7°e la 11ª battaglia, su potimiru.altervista.org. URL consultato il 17 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2011).
    7. ^ Il Museo Storico della 3ª Armata - Storia

    Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

    • N. Sàles, Missioni speciali della terza armata, Ist. delle ed. Accademiche, Udine 1940.
    • A. Vanzo - A. Saccoman, In guerra con la Terza Armata, Itinera Progetti, Bassano del Grappa 2017.
    • P. R. Giuliani, Gli arditi - Breve storia dei Reparti d'Assalto della Terza Armata, Itinera Progetti, Bassano del Grappa 2017.