Battaglia del Col Basson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia del Col Basson
parte del Fronte italiano della Prima guerra mondiale
Lapide commemorazione caduti Battaglia del Col Basson.JPG
DataDal 24 agosto al 25 agosto 1915
Luogopresso la Piana di Vezzena
EsitoVittoria difensiva austro-ungarica
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
115º Reggimento fanteria Brigata Treviso2 compagnie k.k. Landesschützen
Battaglione Standschützen di Merano I e II
Schützen volontari dell'Alta Austria
Alcuni formazioni di riserva
tutti appartenenti alla 180ª Brigata fanteria
Perdite
43 ufficiali
1048 soldati
(è discusso se "perdite" o "caduti"). Il diario di brigata riporta, per il 115º reggimento, 11 morti, 15 feriti e 12 dispersi tra gli ufficiali e 28 morti, 453 feriti e 560 dispersi tra la truppa.
sconosciute
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia del Col Basson fu combattuta durante la prima guerra mondiale tra l'esercito italiano e l'esercito austro-ungarico.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Allo scoppio del conflitto sul fronte italiano sull'Altopiano di Vezzena era presente una linea difensiva austriaca formata da opere corazzate, il forte Luserna, il Verle e il pizzo di Levico.

Dopo pesanti giorni di bombardamenti da parte italiana, provenienti dai vicini forti di Verena e Campolongo i forti austriaci erano vicini al collasso: infatti il 28 maggio vi fu un tentativo di resa da parte del forte Luserna, che però non venne prontamente sfruttato dagli italiani e venne immediatamente ristabilito l'ordine da reparti austriaci. L'attacco da parte della fanteria italiana avvenuto nella notte del 30 maggio non ottenne alcun successo di rilievo, tranne la posizione fortificata di Spitz Leve, antistante il forte Spitz Vezzena. La linea fortificata austriaca non venne superata, né seriamente compromessa. Il 12 giugno gli austriaci colpirono in pieno il Forte Verena con una granata di un obice 305 mm posizionato nei pressi di Costalta, uccidendo 40 uomini e creando gran panico tra i Comandi italiani, che avevano riposto grande fiducia sul Verena. Si creò quindi una situazione di stallo.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 24 agosto e il 25, dopo un intenso bombardamento durato 10 giorni da parte delle artiglierie italiane, si scatenò l'attacco delle fanterie sul Col Basson. Questa posizione avanzata collocata tra il Verle e il Luserna era difesa da tre linee di reticolati e con truppe appartenenti alla 180ª Brigata fanteria austro-ungarica, tra cui varie formazioni di Standschützen e il Battaglione volontari dell'Alta Austria.[1][2]

L'attacco italiano, condotto dal 115º reggimento della brigata Treviso comandato dal tenente colonnello Luigi Federico Marchetti e che perì nell'azione,[3] fallì completamente per la mancanza di mezzi adeguati per superare i reticolati, perché le postazioni austro-ungarici, anche se duramente provati dai bombardamenti dei giorni precedenti, erano ancora efficienti ed indirizzarono il loro micidiale fuoco sui fanti impigliati nei reticolati. Alle 06.00 del mattino del 25 agosto gli italiani erano penetrati, se pur con gravi perdite, nella parte antistante dell'avamposto Basson, ma un contrattacco austriaco guidato dal colonnello Otto Ellison von Nidlef, permise agli austriaci di riprendere le posizioni perdute. Per tale azione Ellison fu decorato con la Croce di cavaliere dell'ordine militare di Maria Teresa.[4]

Le truppe italiane rimanenti, vista l'impossibilità di ripiegare sulle posizioni iniziali di Monte Costesin a causa del fuoco di sbarramento dei forti Verle e Luserna che li avrebbe falciati, si arresero in gran numero. Tra questi vi fu il colonnello Mario Riveri, il quale era rimasto a terra ferito.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

L'esito infelice di questa offensiva, che si svolse nell'ambito di una ben più ampia operazione che coinvolse il settore dell'intero V Corpo d'Armata evidenziò l'impossibilità di forzare la "Linea del Lavarone". La 1ª Armata, schierata sul fronte Trentino, aveva ricevuto l'ordine da Cadorna di rimanere sulla difensiva strategica e ogni puntata offensiva avrebbe avuto come unico scopo il miglioramento delle posizioni laddove si fosse offerta un'occasione vantaggiosa. Questa offensiva di livello tattico, ma che comunque impegnò una fronte molto larga (tutta la zona degli Altipiani e la Valsugana) non ottenne nel caso del Col Basson alcun risultato territoriale e costò perdite enormi in termini di uomini oltre che un dispendio cospicuo di colpi d'artiglieria. Dopo questa battaglia non vennero più effettuati tentativi di scardinare la linea dei forti austroungarici.

Da queste fortezze nel maggio del 1916 gli austriaci fecero partire l'Offensiva di Primavera, nota anche come Strafexpedition.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ÖULK 1931, pp. 784-786
  2. ^ ÖULK 1938, p. 104
  3. ^ Riassunti 1927, p. 89
  4. ^ ÖULK 1931, p. 785

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Otto Ellison-Nidlef: Die Wirkung schwerster Steilfeuergeschütze in Positionslafette in: Militärwissenschaftliche Mitteilungen n. 9/10 (1929), Österreichisches Bundesministerium für Landesverteigung, Vienna 1929.
  • (DE) Österreichisches Bundesministerium für Heerwesen (a.c.), Österreich-Ungarns letzter Krieg 1914-1918. Vol. 2 Das Kriegsjahr 1915 Vom Ausklang der Schlacht bei Limanowa-Łapanów bis zur Einnahme von Brest-Litowsk, Wien, Militärwissenschaftliche Mitteilungen, 1931. [1]
  • (DE) Österreichisches Bundesministerium für Heerwesen (a.c.), Österreich-Ungarns letzter Krieg 1914-1918. Registerband, Wien, Militärwissenschaftliche Mitteilungen, 1938. [2]
  • (DE) Oskar von Hofmann, Gustav von Hubka: Der Militär-Maria-Theresien-Orden: die Auszeichnungen im Weltkrieg 1914-1918 , Militärwissenschaftliche Mitteilungen, Vienna 1944.
  • Ministero della guerra. Comando del corpo di stato maggiore. Ufficio storico, Riassunti storici dei corpi e comandi nella Guerra 1915-1918 Volume quinto, Roma, Libreria dello Stato, 1927. PDF
  • Franco Luigi Minoia: Grande Guerra. L'assalto al Col Basson, Lampi di stampa, Vignate 2015 ISBN 978-88-488-1740-0
  • Vittorio Murari Brà: Sulla fronte della 1ª linea della 34ª Divisione colla Brigata "Ivrea": Altopiano d'Asiago 1915-1916, Casanova & C., Torino 1922.
  • Pasquale Oro: Pagine eroiche, Del Bianco Domenico & Figlio, Udine 1923.
  • Gianni Pieropan: 1915: obiettivo Trento. Dal Brenta all'Adige il primo anno della grande guerra, Mursia, Milano 1982.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]