Stazione di Filattiera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Filattiera
stazione ferroviaria
Stazionefilattiera.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàFilattiera
Coordinate44°19′53.4″N 9°56′00.71″E / 44.3315°N 9.93353°E44.3315; 9.93353Coordinate: 44°19′53.4″N 9°56′00.71″E / 44.3315°N 9.93353°E44.3315; 9.93353
Lineeferrovia Pontremolese
Caratteristiche
TipoStazione in superficie, passante
Stato attualeIn uso
OperatoreRete Ferroviaria Italiana
Binari2 passanti + 1 merci
DintorniLunigiana

La stazione di Filattiera è lo scalo ferroviario al servizio dell'omonimo comune. Si trova sulla linea che collega Parma a La Spezia, chiamata anche Pontremolese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Filattiera il 5 ottobre 1953 fu teatro di un terribile scontro frontale tra il treno merci 5777, che giunse a folle velocità privo di freni, e il treno merci 6652 che avanzava dal lato di Villafranca[1].

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione dispone di un fabbricato viaggiatori, adibito ad abitazione privata, e di due banchine al servizio dei due binari passanti della linea. Vi era inoltre anche un'area merci costituita da un tronchino usato per l'accantono di mezzi da lavoro. Fino agli anni '90 ve ne era anche un secondo, poi smantellato, sul quale vi era anche la stadera fissa a ponte, al 2014 ancora esistente. Nell'area è anche presente un fabbricato utilizzato per scopi di servizio.

Nei primi anni 2000 la stazione fu soggetta ad ammodernamenti che comportarono la rimozione del secondo binario tronco dell'area merci e lo smantellamento con conseguente ricostruzione ai margini dell'area ferroviaria della seconda banchina, precedentemente posta tra i binari 1 e 2.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione dispone di:

  • Biglietteria automatica Biglietteria automatica
  • Servizi igienici Servizi igienici

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eriberto Storti, Sei morti sulla Spezia-Parma per lo scontro di due merci, in Stampa Sera, nº 234, 5 ottobre 1953, p. 1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]