Scalo merci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lo scalo merci è di regola quella parte di una stazione ferroviaria adibita al carico, scarico o sosta dei carri ferroviari ed è munita dei binari e delle opportune attrezzature[1]. In alcuni casi definisce anche una stazione che svolge soltanto servizio merci[2].

Nel primo caso lo scalo merci è posto di solito a fianco del fabbricato viaggiatori ma nel caso delle stazioni più grandi può anche essere fisicamente distaccato dall'area viaggiatori; è composto di un certo numero i binari tronchi raccordati mediante scambi a mano per la sosta dei convogli merci e di alcuni binari muniti di banchine per carico e scarico[2] e di solito affiancati da depositi e capannoni che confluiscono verso un deviatoio, normalmente bloccato per la non confluenza da appositi dispositivi di sicurezza, in collegamento con i binari di stazione.

I grandi scali merci a servizio delle città più grandi o delle aree industriali principali sono delle stazioni vere e proprie con grande scalo di smistamento per composizione e scomposizione di interi treni merci; possono essere anche a servizio di interporti con attrezzature idonee alla movimentazione e all'interscambio di container.

Vi è anche una categoria di scali merci a servizio di grandi porti che di solito vengono definiti stazione marittima e si occupano della movimentazione dei treni e dei carri e dell'interscambio marittimo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ministero dei Trasporti Ferrovie dello Stato, Veicoli ed impianti, vol IX, Pisa, Tipografia Giardini, 1963.
  • Criteri di progettazione (PDF), su sindar.it. URL consultato il 18 luglio 2012 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2008).
  • Nuovo scalo merci ferroviario (PDF) [collegamento interrotto], su lacittachecambia.comune.forli.fc.it.
Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti