Stazione di Camucia-Cortona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Camucia-Cortona
già Camucia
già Cortona

stazione ferroviaria
Stazione di Camucia-Banchina binario 3.JPG
Banchina binario 3
Localizzazione
Stato Italia Italia
Località Camucia, piazza della Libertà
Coordinate 43°15′40.14″N 11°58′16.56″E / 43.261149°N 11.971267°E43.261149; 11.971267Coordinate: 43°15′40.14″N 11°58′16.56″E / 43.261149°N 11.971267°E43.261149; 11.971267
Linee Firenze–Roma
Caratteristiche
Tipo stazione in superficie, passante
Stato attuale in uso
Attivazione 1866
Interscambi Fermata autolinee Etruria Mobilità
Dintorni Cortona

La stazione di Camucia-Cortona è una stazione ferroviaria sulla linea ferroviaria Firenze-Roma.

La stazione è di proprietà di Rete Ferroviaria Italiana (RFI) controllata del gruppo Ferrovie dello Stato.

Camucia-Cortona è la seconda stazione ferroviaria del comune di Cortona che è infatti preceduta dalla stazione di Terontola-Cortona; assume questa denominazione perché si trova nella frazione di Camucia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione, in origine denominata "Cortona", fu aperta il 16 marzo 1866 dalla Società per le strade ferrate romane con l'apertura del tratto ferroviario Montevarchi-Torricella.

Nel 1939 mutò la propria denominazione in "Camucia"[1]; nel 1948 divenne "Cortona-Camucia"[2].

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

Sottostazione elettrica

La stazione dispone di tre binari di cui due sono di corsa (1 e 3) mentre il secondo binario è usato per dare precedenza o per servizio.

Al binario 1 fermano i treni diretti verso Sud (Chiusi, Foligno, Roma); presso il binario 3 invece fermano i treni diretti a Nord (Arezzo, Firenze).

Il binario 2 si trova al centro ed è sprovvisto di banchina.

La stazione dispone di un piccolo scalo merci con annesso magazzino e piano caricatore, oggi da molto tempo in disuso.

All'interno del fabbricato viaggiatori è presente una erogatrice di biglietti self-service e una sala di attesa.

Sopra la banchina del binario 3 è presente un piccolo fabbricato che contiene una piccola sala di attesa provvista di sedie e tabellone degli orari cartaceo. Ciò permette ai viaggiatori, in caso di pioggia o freddo, di poter entrare in un ambiente coperto senza dover recarsi al fabbricato viaggiatori.

Tutte le banchine sono coperte da pensiline in metallo e sono collegate tra loro tramite un sottopassaggio.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

Fabbricato viaggiatori

La stazione dispone di:

Erano presenti anche servizi igienici ma sono stati chiusi a causa di atti vandalici ed elevati costi di gestione.

Il servizio viaggiatori è svolto da Trenitalia controllata del gruppo Ferrovie dello Stato.

Sulla linea di cui fa parte questa stazione Trenitalia, grazie al supporto economico della Regione Toscana ha attivato il progetto Memorario che garantisce orari cadenzati e più frequenti.

Il numero di passeggeri che ogni giorno frequenta la stazione è di circa 523 unità[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ordine di Servizio n. 79 del 1939
  2. ^ Ordine di Servizio n. 72 del 1948
  3. ^ Dati RFI

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]