Stazione di Ardenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ardenza
stazione ferroviaria
ARDENZAtrainstation.JPG
La stazione di Ardenza
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàLivorno
Coordinate43°31′07.32″N 10°19′46.56″E / 43.5187°N 10.3296°E43.5187; 10.3296Coordinate: 43°31′07.32″N 10°19′46.56″E / 43.5187°N 10.3296°E43.5187; 10.3296
LineeTirrenica
Caratteristiche
TipoFermata in superficie, passante
Stato attualesoppressa
Attivazione1910
Soppressione2003
Binari2 passanti
3 + 1 merci in passato
InterscambiAutobus urbani
DintorniArdenza
Il piccolo magazzino merci

La stazione di Ardenza è uno scalo ferroviario dismesso sito a Livorno, nel quartiere di Ardenza, dove hanno peraltro sede alcuni importanti impianti sportivi della città. Si trova lungo la linea Tirrenica, nel tratto compreso tra la stazione di Livorno Centrale e quella di Antignano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione della stazione risale al 1910, quando fu completata la tratta costiera tra Livorno e Vada della ferrovia Tirrenica, che permise di abbandonare l'originario tracciato via Collesalvetti.

All'epoca l'abitato di Ardenza non era ancora stato inglobato dalla città, sebbene la zona fosse stata oggetto di un crescente interesse sin dalla prima metà dell'Ottocento, quando qui furono costruite alcune strutture per il turismo balneare. Per questo motivo la stazione venne denominata semplicemente col nome del borgo, senza essere preceduta dal prefisso "Livorno".

In seguito venne trasformata in fermata.

La fermata venne soppressa il 16 aprile 2003.[1]

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è costituita da un fabbricato viaggiatori la cui architettura richiama quello del coevo scalo di Antignano: presenta infatti una pianta rettangolare, ma, a differenza della stazione antignanese, quella di Ardenza è rialzata di un ulteriore piano, presentando quindi tre piani fuori terra anziché due.

L'impianto possiede due binari di corsa serviti da due banchine: non vi sono altri binari di raddoppio, ma in origine la stazione era dotata di un piccolo fascio a servizio del vicino scalo merci di stazione, i cui resti sono ancora oggi visibili.

Un secondo raccordo la collegava alla retrostante area industriale, oggi dismessa e completamente trasformata in una cittadella commerciale dopo anni di abbandono.

La stazione possedeva anche un fabbricato per i servizi igienici; dalla soppressione risulta abbandonato con l'ingresso murato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Impianti FS, in I Treni, anno XXIV, nº 248, Salò, Editrice Trasporti su Rotaie, maggio 2003, pp. 5-6, ISSN 0392-4602 (WC · ACNP).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]