Stazione di Livorno San Marco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Livorno San Marco
stazione ferroviaria
Stazione di Livorno San Marco.JPG
Veduta del fabbricato viaggiatori
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàLivorno, piazza Bartelloni
Coordinate43°33′38.93″N 10°18′51.93″E / 43.560814°N 10.314425°E43.560814; 10.314425Coordinate: 43°33′38.93″N 10°18′51.93″E / 43.560814°N 10.314425°E43.560814; 10.314425
Lineeferrovia Pisa-Firenze
Caratteristiche
TipoStazione in superficie, di testa
Stato attualeDismessa
Attivazione1844
InterscambiRete tranviaria di Livorno fino agli anni trenta
DintorniPorta San Marco, nuovo cimitero degli inglesi

La stazione di Livorno San Marco, nota anche come Stazione Leopolda,[1][2] è una delle più antiche stazioni ferroviarie d'Italia; fu costruita, infatti, assieme all'apertura della prima strada ferrata del Granducato di Toscana. Ridotta nel corso degli anni al ruolo di scalo merci[3], è stata in seguito dismessa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ferrovia Leopolda e Ferrovia Maremmana.
La stazione nel XIX secolo

Nella prima metà del XIX secolo le autorità granducali acconsentirono alla costruzione di una linea ferroviaria tra Firenze e Livorno, il principale sbocco commerciale dello Stato lorenese. Grazie all'opera di Pietro Senn e di Emanuele Fenzi furono trovati i finanziamenti e nel 1840 fu approvato il progetto redatto dall'ingegner Robert Stephenson.

Al contempo furono avviati i lavori della stazione di Livorno San Marco, posta in corrispondenza dell'omonimo varco doganale lungo le Mura Leopoldine. L'inaugurazione della stazione avvenne nel 1844, quando fu portato a termine il tracciato tra Livorno e Pisa; nel 1848 i binari raggiunsero la Stazione Leopolda di Firenze. Inoltre, tra il 1856 ed il 1858, lo scalo di San Marco fu messo in comunicazione diretta con la Stazione Marittima del porto di Livorno, realizzata mediante la colmata di un ampio specchio di mare.

Successivamente, intorno agli anni sessanta dell'Ottocento, fu attivato il collegamento con Collesalvetti; pochi anni dopo, con la costruzione della linea diretta tra Collesalvetti e Pisa, la stazione fu esclusa dalla direttrice principale.

La successiva apertura del tracciato costiero, nel 1910, riportò la città al centro della direttrice nazionale, ma lo scalo di San Marco fu sostituito da una stazione passante posta al termine del viale degli Acquedotti e fu essenzialmente delegata allo smistamento dei carri merci, andando incontro ad un graduale decadimento.

Negli anni novanta il fabbricato viaggiatori ospitava solo alcuni uffici del gruppo FS (in seguito trasferiti a Livorno Calambrone) e appartamenti; nello scalo retrostante, invece, vennero accantonati numerosi vagoni e, fino al 2008, alcuni locomotori del gruppo E.491.[4] Nel corso del 2008 il fabbricato e le aree di pertinenza della stazione furono poste in vendita.

Nonostante il suo valore storico, è l'unica delle tre grandi stazioni della ferrovia Leopolda (oltre a Livorno, quelle di Firenze e Pisa), a non essere stata interessata da progetti di riqualificazione.[5]

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

Ingresso principale
Stazione con un tram

La stazione di Livorno San Marco è costituita da un corpo di fabbrica che si snoda su tre lati attorno ai binari d'arrivo; la facciata principale, posta sul lato occidentale della struttura, è caratterizzata da un blocco più elevato preceduto da una pensilina metallica. Il prospetto visibile dalla piazza Bartelloni è l'elemento trasversale dietro al quale si attestano i binari ferroviari; esso presenta una serie di aperture, modificate in epoche successive, inquadrate in arcate cieche.

Tale configurazione risale alla seconda metà dell'Ottocento, quando l'edificio, in principio piuttosto semplice, fu riedificato, ampliato e successivamente coperto da una vasta volta metallica. La volta, che costituiva l'elemento più caratteristico della costruzione, fu smantellata negli anni antecedenti alla seconda guerra mondiale per recuperare il ferro necessario agli armamenti.

Nel tempo l'edificio, posto alle spalle del porto e della zona industriale, è andato incontro ad un progressivo degrado.[6][7]

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1881 fino all'inizio degli anni trenta la stazione fu servita da un capolinea della rete tranviaria di Livorno, dapprima esercita con trazione animale ed in seguito elettrificata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Associazione culturale "La Livornina", Porta San Marco, su lalivornina.it. URL consultato il 12 maggio 2014.
  2. ^ brunelleschi.imss.fi.it, Porta e stazione San Marco, su brunelleschi.imss.fi.it. URL consultato il 12 maggio 2014.
  3. ^ www.cargo.trenitalia.it, Elenco degli scali serviti dalla divisione Cargo (anno 2008) (PDF) [collegamento interrotto], su cargo.trenitalia.it. URL consultato il 2 marzo 2008.
  4. ^ San Marco, la stazione fantasma, in Il Tirreno del 18 gennaio 2008.
  5. ^ S. Ceccarini, Il Tirreno: "La nostra stazione domani compie cent'anni. Quella di San Marco è ancora più vecchia, ma versa nel degrado totale", su iltirreno.gelocal.it. URL consultato il 9 gennaio 2013.
  6. ^ Il Tirreno: "Ex stazione San Marco, quartiere assalito dal degrado", su iltirreno.gelocal.it. URL consultato l'8 aprile 2014.
  7. ^ il Resto del Carlino: "Livorno, guarda com'è ridotta la ex stazione ferroviaria San Marco", su multimedia.ilrestodelcarlino.it. URL consultato l'8 aprile 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Betti Carboncini, Nel porto di Livorno, in "I Treni", anno XVII, n. 170, aprile 1996, pp. 14–21.
  • P.L. Landi, La Leopolda. La ferrovia Firenze-Livorno e le sue vicende (1825-1860), Pisa 1974.
  • Livorno nell'Ottocento, storia e immagini di una città nelle sue raccolte, Livorno 2003.
  • P. Volpi, Guida del Forestiere per la città e contorni di Livorno, utile ancora al livornese che brama di essere istruito dei particolari della sua patria, Livorno 1846.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]