Campo polisportivo Alessandro La Marmora - Stadio Vittorio Pozzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stadio Lamarmora)
Jump to navigation Jump to search
Stadio La Marmora-Pozzo
Biella Stadio Lamarmora.jpg
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneViale Macallè 21
Biella
Inaugurazione1936
Pista d’atletica6 corsie
Mat. del terrenoerba
Dim. del terreno105 x 60 m
Uso e beneficiari
CalcioBiellese (1936-)
Atletica leggeraBlu.png Unione Giovane Biella (1945-)
RugbyBiella (?-?)
Capienza
Posti a sedere5 000
Mappa di localizzazione

Coordinate: 45°33′10.08″N 8°03′29.27″E / 45.5528°N 8.05813°E45.5528; 8.05813

Il campo polisportivo Alessandro La Marmora - stadio Vittorio Pozzo[1], noto in forma abbreviata come stadio La Marmora-Pozzo[2], è un impianto sportivo polifunzionale di Biella. Ha sede in viale Macallè, nella zona sud della città. Inaugurato nel 1936, è da allora intitolato ad Alessandro La Marmora[3] e – dal giugno 2008 – anche a Vittorio Pozzo[4].

La lunghezza della pista è di 400m e le dimensioni del manto erboso sono 105 x 60 m[5]. Oltre alle gare di atletica leggera, ospita anche partite interne della società calcistica Biellese[5] ed in passato della società rugbistica Biella[6]. Sempre nel rugby, ha ospitato incontri del torneo Sei Nazioni Under-20[7]. La superficie della pista di atletica è stata realizzata in tartan, materiale all'avanguardia per impianti all'aperto di tale sport.

La società che gestisce l'impianto è l'Unione Giovane Biella[5], una delle storiche società sportive biellesi, che è affiliata alla FIDAL, la Federazione Italiana di Atletica Leggera, comitato di Biella e Vercelli[8].

Nello stadio si allenano frequentemente gli atleti Elena Romagnolo, Valeria Roffino, Fatna Maraoui, Nadia Ejjafini e Andrea Pollifroni[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Impianti Sportivi Comunali, su Comune di Biella. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  2. ^ stadio La Marmora-Pozzo, su Comune di Biella. URL consultato l'8 gennaio 2021.
  3. ^ Delibera della Giunta comunale n. 229 (PDF), su comune.biella.it, 24 aprile 2007. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  4. ^ Delibera della Giunta comunale n. 130 (PDF), su comune.biella.it, 10 marzo 2009. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  5. ^ a b c d La nostra casa, su La Biellese. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  6. ^ Finale Playoff di rugby, su Biella club, 16 giugno 2008. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  7. ^ La neve non ferma il 6 Nazioni: il Biella Rugby “libera” il Pozzo-Lamarmora, su La provincia di Biella, 6 febbraio 2015. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  8. ^ Unione Giovane Biella, su Biella insieme, marzo 2019. URL consultato il 9 gennaio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]