Simone Ganz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Simone Andrea Ganz)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Simone Andrea Ganz
Nazionalità Bandiera dell'Italia Italia
Altezza 175[1] cm
Peso 67[1] kg
Calcio
Ruolo Attaccante
Squadra Pontedera
Carriera
Giovanili
2006-2008Bandiera non conosciuta Masseroni Marchese
2008-2013Milan
Squadre di club1
2011-2013Milan0 (0)
2013-2014Lumezzane12 (0)
2014Barletta6 (0)
2014-2016Como70 (27)[2]
2016Juventus0 (0)
2016-2017Verona21 (4)
2017-2018Pescara5 (0)
2018-2019Ascoli23 (2)
2019-2020Como24 (8)
2020-2021Mantova30 (10)[3]
2021-2022Lecco32 (14)[4]
2022-2023Triestina22 (4)
2023Latina13 (5)[5]
2023-2024Brindisi13 (2)
2024-Pontedera14 (1)[6]
Nazionale
2011Bandiera dell'Italia Italia U-195 (7)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 7 maggio 2024

Simone Andrea Ganz (Genova, 21 settembre 1993) è un calciatore italiano, attaccante del Pontedera.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È figlio dell'ex calciatore professionista e allenatore Maurizio Ganz.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi, Milan e vari prestiti[modifica | modifica wikitesto]

Muove i primi passi nella Masseroni Marchese, una società satellite del Milan, al quale passa nell'estate del 2008. Con il Milan esordisce tra i professionisti in Champions League il 1º novembre 2011 a Minsk contro il BATĖ Borisov (gara terminata 1-1), subentrando nel finale di gara a Robinho.

Nella stagione 2013-2014 il Milan lo cede in prestito in Lega Pro prima al Lumezzane, poi al Barletta.

Como[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della stagione successiva, nel luglio 2014, il Milan lo cede a titolo definitivo al Como, di nuovo in Lega Pro[7]. Con 11 reti in campionato e 4 nei play-off trascina la squadra lariana in Serie B, dove esordisce quindi il 3 ottobre 2015 in un Como-Ascoli 0-4. Capocannoniere della squadra con 16 gol segnati in campionato, non riesce però a evitarne la retrocessione.

Juventus e prestito al Verona[modifica | modifica wikitesto]

Scaduto il contratto, viene ingaggiato dalla Juventus, con la quale firma un contratto di quattro anni[8]. Il 12 luglio 2016 passa in prestito con diritto di riscatto e controriscatto al Verona[9]. Esordisce con la maglia gialloblù il 5 agosto nell'incontro di Coppa Italia contro il Foggia, subentrando al 62' e segnando il gol decisivo che fissa il risultato sul 2-1 per il Verona. Debutta in campionato il 4 settembre contro la Salernitana, anche in questo caso andando a segno. Conclude la stagione con 5 gol.

Pescara, Ascoli e vari prestiti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 luglio 2017 viene ceduto a titolo definitivo al Pescara, con cui si lega con un quadriennale.[10] Dopo una prima parte di stagione in cui colleziona 8 presenze e un gol, il 9 gennaio 2018 passa all'Ascoli, firmando fino al 2021.[11][12] Il 6 ottobre 2018 segna la sua prima rete in maglia bianconera, nella partita persa 3-2 in trasferta contro il Foggia.

A fine luglio 2019, dopo un anno e mezzo con i bianconeri, torna al Como, neopromosso in Serie C, con la formula del prestito secco.[13]

Alla ripresa delle attività dopo lo stop dovuto alla pandemia, il giocatore torna all'Ascoli.

Girato quasi subito in prestito al Mantova,[14] ottiene miglior sorte con una convincente prima parte di campionato.

Il 31 agosto 2021 viene ceduto in prestito al Lecco, in Serie C. [15]

Triestina e Latina[modifica | modifica wikitesto]

Rimasto svincolato, il 26 luglio 2022 firma un contratto biennale con la Triestina[16]in Serie C, nel girone di andata segna 4 reti in 22 partite.

Ad inizio di gennaio 2023 passa in prestito al Latina, dove scende in campo 14 volte segnando 5 reti. A fine giugno fa ritorno a Trieste.

Brindisi e Pontedera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato messo fuori lista ed essersi svincolato dalla Triestina, il 12 settembre 2023 Ganz trova un accordo con il Brindisi, sempre in Serie C[17]. Nel girone di andata segna un gol in otto presenze. Poi a gennaio 2024 si svincola e si lega al Pontedera, ancora in Serie C[18].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 ha segnato un gol in 5 presenze con la nazionale Under-19.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 7 maggio 2024.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2011-2012 Bandiera dell'Italia Milan A 0 0 CI 0 0 UCL 1 0 SI 0 0 1 0
2012-2013 A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 - - - 0 0
Totale Milan 0 0 0 0 1 0 0 0 1 0
2013-gen. 2014 Bandiera dell'Italia Lumezzane 1D 12 0 CI+CI-LP 1+1 0 - - - - - - 14 0
gen.-giu. 2014 Bandiera dell'Italia Barletta 1D 6 0 CI-LP - - - - - - - - 6 0
2014-2015 Bandiera dell'Italia Como LP 35+5[19] 11+4[19] CI+CI-LP 2+4 0+3 - - - - - - 46 18
2015-2016 B 35 16 CI 0 0 - - - - - - 35 16
2016-2017 Bandiera dell'Italia Verona B 21 4 CI 3 1 - - - - - - 24 5
2017-gen. 2018 Bandiera dell'Italia Pescara B 5 0 CI 3 1 - - - - - - 8 1
gen.-giu. 2018 Bandiera dell'Italia Ascoli B 12 0 CI - - - - - - - - 12 0
2018-2019 B 10 2 CI 1 0 - - - - - - 11 2
Totale Ascoli 22 2 1 0 - - - - 23 2
2019-2020 Bandiera dell'Italia Como C 24 8 CI-C 2 0 - - - - - - 26 8
Totale Como 94+5 35+4 8 3 - - - - 107 42
2020-2021 Bandiera dell'Italia Mantova C 30+1[19] 10+1[19] - - - - - - - - - 31 11
2021-2022 Bandiera dell'Italia Lecco C 32+1[19] 14 CI-C - - - - - - - - 33 14
2022-gen. 2023 Bandiera dell'Italia Triestina C 22 4 CI-C 1 0 - - - - - - 23 4
gen.-giu. 2023 Bandiera dell'Italia Latina C 13+1[19] 5 CI-C - - - - - - - - 14 5
2023-gen.2024 Bandiera dell'Italia Brindisi C 13 2 CI-C 2 1 - - - - - - 15 3
gen.-giu.2024 Bandiera dell'Italia Pontedera C 14+1[19] 1 CI-C 0 0 - - - - - - 15 1
Totale carriera 257 69 20 6 1 0 0 0 278 75

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2013 (5 goal)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Simone Andrea Ganz, su Hellasverona.it.
  2. ^ 75 (31) se si comprendono le presenze nei play-off.
  3. ^ 31 (11) se si comprendono le presenze nei play-off.
  4. ^ 33 (14) se si comprendono le presenze nei play-off.
  5. ^ 14 (5) se si comprendono le presenze nei play-off.
  6. ^ 15 (1) se si comprendono le presenze nei play-off.
  7. ^ Il Como ha preso Ganz Da domani in ritiro, su laprovinciadicomo.it, La Provincia, 23 luglio 2014.
  8. ^ Ganz, un po' di Milan alla Juventus, su tuttosport.com, Tuttosport, 8 aprile 2016.
  9. ^ Ufficiale: Ganz è gialloblù, su hellasverona.it, 12 luglio 2016. URL consultato il 25 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2016).
  10. ^ Ufficio Stampa, Simone Andrea Ganz firma un quadriennale con i #BiancAzzurri, su PESCARA Calcio 1936, 12 luglio 2017. URL consultato il 16 agosto 2023.
  11. ^ Un altro rinforzo per l’Ascoli: Ganz fino al 2021 più opzione per un ulteriore anno. Archiviato il 9 gennaio 2018 in Internet Archive. ascolipicchio.com
  12. ^ Ufficio Stampa, Simone Andrea Ganz ceduto all'Ascoli Picchio, su PESCARA Calcio 1936, 9 gennaio 2018. URL consultato il 16 agosto 2023.
  13. ^ #GanzisBack. Simoneandrea torna al Como!, Como 1907, 26 luglio 2019. URL consultato il 27 luglio 2019.
  14. ^ RedaSport, Calcio Serie C - Mantova, volto nuovo in attacco: raggiunto l'accordo per Ganz, su la Voce Di Mantova, 25 settembre 2020. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  15. ^ Redazione LCN, UFFICIALE Serie C | Calcio Lecco: Simone Andrea Ganz è un nuovo giocatore bluceleste. Arriva dall'Ascoli, su Lecco Channel News, 31 agosto 2021. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  16. ^ Triestina, colpo Ganz in attacco: contratto biennale, su tuttosport.com. URL consultato il 19 ottobre 2022.
  17. ^ Matteo Ferri, UFFICIALE - Brindisi, c'è Ganz in attacco: accordo di un anno con opzione, su Tutto C, 12 settembre 2023. URL consultato il 13 settembre 2023.
  18. ^ Claudia Marrone, UFFICIALE - Il Pontedera mette a segno il colpo in attacco. Arriva Ganz: firma fino al 2024 con opzione, su TuttoMercatoWeb, 22 gennaio 2024.
  19. ^ a b c d e f g Play-off.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]