Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

Repubblica di Cospaia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Repubblica di Cospaia
Repubblica di Cospaia – Bandiera Repubblica di Cospaia - Stemma
Motto: Perpetua et firma libertas
(it: Perpetua e sicura libertà)[1]
Dati amministrativi
Lingue parlate Latino, italiano, dialetto altotiberino
Capitale Cospaia
Politica
Forma di governo Repubblica, amministrata dal Presidente del Consiglio degli Anziani
Organi deliberativi Consiglio degli Anziani e Capi famiglia
Nascita febbraio 1441
Causa Errore nei confini dopo la cessione di Sansepolcro a Firenze
Fine 26 giugno 1826
Causa Annessione allo Stato Pontificio
Territorio e popolazione
Bacino geografico Cospaia e il suo circondario
Territorio originale Il solo territorio di Cospaia
Massima estensione 3,2 k
nel XVII secolo
Popolazione 373 abitanti
nel XVII secolo
Economia
Valuta Pontificia e granducale
Commerci con Stato Pontificio,
Granducato di Toscana
Esportazioni Tabacco
Religione e società
Religioni preminenti Cattolicesimo
Classi sociali Nobili (pochi), contadini, operai
Evoluzione storica
Preceduto da bandiera Stato Pontificio
Succeduto da Stato Pontificio Stato Pontificio
Mappa di localizzazione: Italia
Cospaia
Cospaia
Localizzazione della repubblica di Cospaia

La repubblica di Cospaia fu un microstato indipendente esistito dal 1441 al 1826 a causa di un errore nel tracciamento dei confini fra lo Stato Pontificio e la Repubblica di Firenze (poi Granducato di Toscana)[2].

Oggi il paese di Cospaia è una frazione del comune di San Giustino, in provincia di Perugia.

Storia

Nascita della repubblica

Il borgo di Cospaia ottenne, inaspettatamente, l'indipendenza nel febbraio 1441, quando papa Eugenio IV, impegnato nel conflitto con il concilio di Basilea, cedette il territorio di Sansepolcro alla repubblica di Firenze. Per errore, nella designazione del confine, una piccola striscia di terreno non venne inclusa nel trattato che delimitava le frontiere, e i locali residenti dichiararono prontamente di non essere sottomessi ad alcuna autorità. L'equivoco nacque dal fatto che, a circa 500 metri dal torrente che doveva stabilire la demarcazione (chiamato semplicemente "Rio"), esisteva un omonimo corso d'acqua. I delegati della repubblica fiorentina considerarono come nuova delimitazione il "Rio" che si trova più a nord, i delegati dello Stato della Chiesa, invece, quello più a sud. Si costituì così una sorta di terra di nessuno i cui abitanti si autoproclamarono indipendenti. Nel 1484 la sua autonomia venne formalmente riconosciuta.[3]

La repubblica, come forma di governo, era estremamente rara fino alla rivoluzione francese. Esistevano le repubbliche marinare (con istituzioni aristocratiche), la repubblica di San Marino e la presunta repubblica di Senarica (in Abruzzo), con un doge come a Venezia, ma la sua reale esistenza non è stata storicamente provata con opportuna documentazione.[1]

I cospaiesi, pertanto, preferirono basare la loro indipendenza sulla libertà totale degli abitanti, detentori tutti della sovranità, non affidata a nessun organo di potere, a differenza di altri Stati.[4][5] Cospaia aveva anche una bandiera ufficiale,[6] che viene tuttora utilizzata in alcune occasioni. Il vessillo era caratterizzato da un campo nero e uno bianco, divisi diagonalmente. Nello stemma compariva il paesello tra i due piccoli corsi d'acqua, con due pesci sulla destra e la pianta di Nicotiana tabacum a sinistra, sopra era riportato il motto e gli anni di durata della repubblica.[7]

I cospaiesi non avevano, dunque, obblighi tributari con lo Stato Pontificio e il Granducato di Toscana, e le merci che transitavano nel territorio non erano soggette ad alcun dazio; era perciò una zona franca e cuscinetto. Sebbene Cospaia si estendesse su appena 330 ettari (2 chilometri di lunghezza per circa 500 metri di larghezza), i 250 abitanti fecero tesoro della situazione e ne approfittarono per incrementare, fra i primi nella penisola italiana, la coltivazione del tabacco. Ancora adesso, alcune varietà di tabacco vengono definite con il nome di cospaia.[8]

Forma di governo

La repubblica di Cospaia non aveva esercito né carceri.[9] A capo dell'amministrazione, per motivi meramente esecutivi, vi era il Consiglio degli Anziani e Capi famiglia, che si riuniva nella chiesa dell'Annunziata (dal 1718 al 1826), sede dell'omonima confraternita (1613): sull'architrave del suo portone si può ancora leggere l'unica norma scritta del minuscolo Stato, "Perpetua et firma libertas", ovvero Perpetua e sicura (ferma) libertà.[10] Alle sedute del Consiglio degli Anziani partecipavano, altresì, il curato di San Lorenzo, in qualità di "presidente" (forse perché l'unica persona non analfabeta), carica condivisa con un membro della famiglia Valenti, la più importante del paese (quando la riunione si teneva nella loro casa, fino al 1718). La menzionata frase latina era anche incisa sulla campana parrocchiale.[11] Dopo diversi secoli di esistenza, Cospaia si ridusse però a un mero ricettacolo di contrabbandieri. Il concetto di libertà si era un po' appannato a favore dei suoi privilegi che attiravano persone di tutti i tipi, per motivi economici o per sfuggire alla giustizia dei due grandi Stati adiacenti. Tale situazione non era insolita negli staterelli, soprattutto in quelli "di confine".[12]

Fine della repubblica

Dopo la parentesi napoleonica, il 26 giugno 1826, con un atto di sottomissione da parte di quattordici rappresentanti della repubblica, essa entrò a far parte dello Stato della Chiesa: ogni cospaiese, come "risarcimento", ottenne una moneta d'argento (il "papetto", in quanto raffigurante il pontefice regnante Leone XII) e l'autorizzazione a continuare la tabacchicoltura[13] che prosegui anche grazie a finanziamenti di ricchi possidenti locali (i Collacchioni ed i Giovagnoli che acquistarono gran parte del territorio contenuto entro i confini della ex repubblica e vi costruirono una villa da adibire a residenza estiva) che la estesero poi a tutta la vallata imponendola come principale.[14]

Note

  1. ^ a b Gennaioli, p. 5
  2. ^ Graziani, Atlante delle micronazioni, pp. 23-24
  3. ^ Ascani, Cospaia..., p. 15
  4. ^ Milani, p. 18
  5. ^ Ascani, Cospaia, p. 20
  6. ^ Cospaia
  7. ^ Gennaioli, p. 4
  8. ^ Ascani, Cospaia..., p. 42
  9. ^ Milani, pp. 16-17
  10. ^ Milani, p. 19
  11. ^ Milani, p. 25
  12. ^ Graziani, p. 15
  13. ^ Milani, p. 81
  14. ^ Fuselli, Cospaia..., p. 39

Bibliografia

  • Angelo Ascani, San Giustino, Città di Castello, tipografia Sabbioni, 1965.
  • Angelo Ascani, Cospaia. Storia inedita della singolare repubblica, Città di Castello, tipografia Sabbioni, 1977.
  • Enrico Fuselli, I picchetti della Truppa di Finanza della "sezione" di Cospaia, San Giustino, Fondazione per il Museo Storico Scientifico del Tabacco, 2012.
  • Enrico Fuselli, La Truppa di Finanza a Cospaia, «Pagine Altotiberine», XVII (2013), n. 49, pp. 7–32.
  • Enrico Fuselli, Cospaia tra tabacco, contrabbando e dogane, San Giustino, Fondazione per il Museo Storico Scientifico del Tabacco, 2014.
  • Settimio ed Emilio Gennaioli, Cospaia e la sua storia in ottava rima, Bologna, Negri, 1999.
  • Graziano Graziani, Stati d'eccezione, Roma, edizioni dell'asino, 2012.
  • Giuseppe Milani, Tra Rio e Riascolo. Piccola storia del territorio libero di Cospaia, Città di Castello, Grafica 2000, 1996.
  • Filippo Natali, Lo Stato libero di Cospaia, Umbertide, tipografia Tiberina, 1892.
  • Graziano Graziani, Atlante delle micronazioni, Macerata, compagnia extra, 2015.

Voci correlate

Collegamenti esterni