Parco nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco nazionale
dell'Arcipelago di La Maddalena
La Maddalena Archipel Aerial view.jpg
Veduta aerea dell'arcipelago
Tipo di areaParco nazionale - IBA - SIC
Codice WDPA166438
Codice EUAPEUAP0018
Class. internaz.Categoria IUCN II: parco nazionale
StatiItalia Italia
RegioniSardegna Sardegna
ProvinceSassari Sassari
ComuniLa Maddalena
Superficie a terra5.100 ha
Superficie a mare15.046 ha
Provvedimenti istitutiviLegge 4/01/1994, n. 10 - D.P.R. 17/05/1996
GestoreEnte parco nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena
PresidenteGiuseppe Bonanno
Mappa di localizzazione
Sito istituzionale

Coordinate: 41°13′51.6″N 9°25′01.2″E / 41.231°N 9.417°E41.231; 9.417

Il Parco nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena è un parco geomarino istituito nel 1994[1].

Gestione[modifica | modifica wikitesto]

Provvedimenti istitutivi[modifica | modifica wikitesto]

Il parco è stato istituito con la legge 4 gennaio 1994, n. 10 a cui è seguita l'istituzione dell'ente Parco con D.P.R. del 17/05/96.

Ente gestore[modifica | modifica wikitesto]

In linea con la legge quadro sulle aree protette del 6 dicembre 1991, n. 394, l'ente gestore è l'Ente parco nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena, istituito con D.P.R. del 17 maggio 1996, e avente la propria sede nel Comune di La Maddalena: la sede principale, comprendente gli tutti gli uffici amministrativi (direzione, ufficio relazioni col pubblico, ufficio ambiente, ufficio tecnico, ufficio ragioneria), si trova in via Giulio Cesare 7 a La Maddalena, a circa duecento metri dall'attracco dei traghetti di linea, mentre nel centro storico, in via Azuni, si trova la sede della Presidenza, dell'ufficio stampa e dell'ufficio che si occupa della progettazione comunitaria.

Nel 1998 presidente dell'ente parco è Ignazio Camarda e viene incaricato un comitato di gestione provvisorio. Nel gennaio 2002 diventa presidente dell'ente parco Gianfranco Cualbu, mentre un anno dopo si insedia il consiglio direttivo dell'ente, che delibera a maggio 2003 l'elezione della giunta esecutiva del parco nazionale.[2]

Il 15 dicembre 2006 con decreto DEC/DPN/2361, il parco viene commissariato e viene affidato al commissario straordinario Giuseppe Bonanno, poi diventato presidente il 31 maggio 2007 per effetto del D.M. DEC/DPN/976 e riconfermato con DEC/GAB/175 il 22 ottobre 2012. Un nuovo consiglio direttivo diventa effettivo solo a gennaio 2008 e vede scadere il proprio mandato a gennaio 2012.[2]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio è prevalentemente marino (circa il 78%) e fa parte dell'area denominata Santuario per i mammiferi marini. Insieme alla Riserva naturale delle Bocche di Bonifacio andrà a costituire il Parco internazionale delle Bocche di Bonifacio[3].

Superficie[modifica | modifica wikitesto]

Il parco copre una superficie terrestre di 5.100 ettari e una superficie marina di 15.046 ettari, su un fronte di ben 180 km di coste, estendendosi dalle Bocche di Bonifacio e comprendendo tutte le isole appartenenti all'Arcipelago di La Maddalena, fino a poca distanza dalla costa della Gallura, dove si trovano le isole minori di fronte appartenenti al parco, come l'isola di Mortorio, a protezione integrale.

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Il parco comprende tutte le isole e gli isolotti appartenenti al comune di La Maddalena in provincia di Sassari, in Sardegna.

Accessi[modifica | modifica wikitesto]

Dal paese di La Maddalena partono traghetti per Palau, che dista 40 km da Olbia, 100 km da Nuoro, 100 km da Sassari, 120 km da Porto Torres e 260 km da Cagliari. L'aeroporto più vicino è quello di Olbia che dista 40 km da Palau.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Parco nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena, in World Database on Protected Areas. URL consultato l'11giugno 2015.
  2. ^ a b Cronistoria del parco sul sito ufficiale
  3. ^ Il Parco Internazionale Marino delle Bocche di Bonifacio, da oggi è realtà
L'isola di Spargi

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]